Isolare un partitore di tensione

Ciao,volevo isolare un partitore di tensione ( Vin = 20Vcc ) isolando la Vout verso il pin in ingresso con un optoisolatore ,qualcuno mi da qualche dritta ?

Grazie

Ti serve una lettura digitale della tensione o analogica?
Ciao Uwe

Non va
Lo optoisolatore non è lineare, anche a provarci non ti da una buona risposta
È previsto on-off, devi fare lettura digitale lato ingresso e trasferire in digitale
Soluzioni analogico verso analogico ci sono, ma troppo complicate
Spiega il problema che troviamo soluzione

Ciao,nessun problema, volevo utilizzare un partitore di tensione per un pin d'ingresso ,ma volevo anche isolarlo galvanicamente per non " distruggero il pin " della board.
Tensione ingresso in continua.
grazie

ripeto perchè per le risposte é fondamentale saperlo:

Vuoi collegare il segnale a una entrata analogica o digitale??

Ciao Uwe

... e soprattutto, aggiungo, quale precisione e linearita' ti servono ? ...

Ciao,un segnale digitale,un deviatore ( 3 posizioni On-off-On )in una posizione ( On ) mi da un valore nell’altra posizione ( On ) con una resistenza in serie un’altro,in Off rimango in stand-by.
Per quanto riguarda la precisione,non saprei risponderti,l’importante è distinguere le tre combinazioni.
Importante ho la possibilità di utilizzare solo 2 fili.
Grazie

Non so dirti come fare per isolare galvanicamente il tuo segnale (suppongo 0-20Vcc circa), ma posso suggerirti come fare per ottenere il risultato che vuoi e proteggere il pin di ingresso di Arduino.

Per far funzionare lo schema allegato è necessario che il tuo segnale 0-20V sia in grado di fornire una corrente, sia pure debole, e possa avere la massa in comune con il GND di Arduino. In base a quella corrente occorre calcolare il valore delle resistenze dello schema. Il circuito, connesso a un pin analogico, consente di avere tre valori: On=5V, Off=2,5V, On=0V.

Ripeto: non isola galvanicamente, deve fornire una se pur minima corrente, deve poter connettere la massa con il GND di Arduino.

Ciao,
P.

Se non devi avere un trasferimento di segnale stabile e lineare, direi fotoresistenza con un led incollato davanti, il tutto in un contenitore a prova di luce o dentro un paio di strati di termorestringente, e risolvi il problema ...

Dimensioni la resistenza in serie al led in modo che ad un valore si accenda poco ed all'altro di piu ... la fotoresistenza varia proporzionalmente alla luce che riceve, quindi inserita in un partitore e letta con un'ingresso analogico, ti dara' due fasce di valori diversi in base a come e' alimentato il led ... piu semplice di cosi, non mi viene in mente altro ... :wink:

Se invece vuoi un trasferimento stabile e lineare:

Convertitore tensione - frequenza ---> fotoaccoppiatore ---> ingresso digitale e libreria conteggio frequenza

puoi anche eliminare il fotoaccoppiatore mantenendo comunque una buona sicurezza

Io userei la soluzione led + fotoresistenza + termorestringente nel tuo caso.

paulus: ora non servono piu i convertitori frequenza-tensione e tensione-frequenza come una volta, ci sono sia opto che "operazionali di isolamento" gia fatti per quell'uso ... ad esempio, la serie IL300, o anche la serie HCNR200, sono opto che al posto del fototransistor hanno due fotodiodi accoppiati, uno si usa su un'operazionale (alimentato lato ingresso, come feedback in corrente) che pilota la corrente al led in proporzione alla tensione di ingresso, e l'altro su un secondo operazionale (alimentato lato uscita) che converte la corrente generata in tensione ... oppure anche gli "operazionali di isolamento" tipo HCPL7510 e simili, che sono in pratica degli operazionali in cui la sezione di uscita e' galvanicamente isolata da quella di ingresso ... :wink:

Non credo di aver capito, ma se usi un doppio deviatore non fai tutto quello che chiedi ?

Ma dubito di aver capito :slight_smile:

Mi sembra che ancora mancano informazioni indispensabili.

Prima si parla di un partitore (già esistente o da realizzare?) per una tensione di 20Vcc.

Poi di un deviatore (già esistente o da implementare?)

Insomma, serve lo schema esatto di "quello che c'è già", e il punto che si vuole leggere.

Etemenanki:

paulus: ora non servono piu i convertitori frequenza-tensione e tensione-frequenza come una volta

Ops... fui troppo antiquato :grin:

Ciao,allego la bozza dello schema,le uniche modifiche che voglio apportare sono isolare il partitore dall’ingresso della board,ricavando con l’ingresso a0 i tre valori ben distinti ( OnOffOn ) .
Grazie

R3 che valore ha ?

penso che lui voglia abilitare 2 pin arduino ed ha pensato a quel circuito.
Poi credo abbia già, in qualche modo, i famosi soli 2 fili.

penso che vada bene un doppio comparatore e poi 2 optoisolatori.

In alternata sarebbe più semplice, ma anche così può andare :slight_smile:

pic002_.png

L’opto di sinistra conduce solo quando arrivano i 20V, quello di destra sia con 8 che con 20 (il range di tensione è così elevato che serve un generatore di corrente costante e per ridurre al minimo i pezzi ho pensato al solito LM317). Diodo e R di sinistra sono solo antidisturbo (proteggono da spike negativi e abbassano un po’ l’impedenza della linea).

Con i due fototransistor si può fare quello che si vuole, o si leggono con due pin digitali, o si usano per cortocircuitare le resistenze di un partitore alimentato a 5V.