L'alimentazione delle board Arduino a 5V

Buongiorno a tutti, mi scuso subito se ho sbagliato qualcosa ma sono nuovo. avevo una domanda da porre sull'alimentazione di arduino e questo mi sembrava il posto più giusto.. se io ho Arduino uno+una wifishield+un sensore DHT11, a quanto devo alimentare il tutto e come? mi servirebbero più informazioni possibili. Grazie in anticipo!

Puoi usare qualsiasi connessione descritta nei documenti allegati al primo topic, la wifi shield ufficiale va connessa direttamente sopra ad arduino, ed il DHT funziona a 5V

Ciao a tutti, avrei bisogno di qualche chiarimento perchè non ho trovato altrove le info

Vorrei capire come valutare il consumo di un alimentatore (switching).

Faccio un esempio:

Attiny85 + sensore di tocco + relè non eccitato: 12mA a 5V = 5*0.012= 0.06W

L'alimentatore che ho ha queste caratteristiche:

IN: 100V-240V -- 50Hz/60Hz -- 70mA

OUT: 5V -- 0.5A

domande:

1 - si riesce a capire da questi dati quanto consuma il sistema completo?

2 - i 70mA si riferiscono al consumo minimo senza carico?

3 - posto che 70mA sia il consumo minimo, il consumo totale del mio sistema sarebbe, a meno del rendimento, (0.070+0.012)*5=0.41W? oppure i 70mA sono da riferire alla tensione di rete?

insomma, grossi dubbi. Quel che voglio evitare è di consumare tot watt all'alimentazione per usarne 0.06 effettivamente ::)

grazie a tutti

edit: il sistema sarebbe un interruttore della luce con sensore di tocco quindi acceso 24H

Il consumo dei 70mA sono probabilmente riferiti alla corrente massima che l'alimentatore assorbe dalla rete a 220 quando dall'uscita a 5V tu assorbi la massima corrente (500mA) ... non proprio molto efficente, circa 15W per darne in uscita 2.5, ma mi sa che sono un po tutti a quei livelli ... e comunque in quel caso dovrebbe essere minore, quando il tutto e' a riposo (ma la corrente di riposo non la specificano mai, dannati produttori :P :D)

ma non erano gli switching quelli con efficienze del 90% e oltre? :relaxed:

tra l'altro è un alimentatore sony, almeno sulla carta non proprio cinesata da 3 euro di ebay..

quindi, morale della favola, non posso sapere quanto consumo in totale?

se faccio una proporzione 2,5:15 = 0,06 : x il consumo mi verrebbe 0.36W .. può essere attendibile?

misura lato 230V il consumo a vuoto del tuo alimentatore, e poi posta qui i risultati :)

misura lato 230V il consumo a vuoto del tuo alimentatore

questa era l'ultima spiaggia :D al momento non ho l'attrezzatura per farlo in sicurezza (non ho i coccodrilli per il tester, solo i puntali) quindi preferivo arrivarci con i calcoli ;) appena ho la roba faccio la misura

Bella la tua firma :)

Bella la tua firma :)

Uno dei miei preferiti :D :D

Ciao, ho fatto la misura a vuoto lato 220V: circa 0.5mA quindi (escludendo il fattore di potenza) circa 0.11W giusto?

appena risolvo un altro problema con dei connettori posto anche la lettura sotto carico :)

0,115W visto che sono anni che abbiamo la 230V ;)

sono anni che abbiamo la 230V

quante cose nuove che si scoprono ogni giorno su questo forum.. :sweat_smile: :sweat_smile: :sweat_smile:

:grin:

ma non erano gli switching quelli con efficienze del 90% e oltre? :relaxed:

Segui sempre questo ragionamento: Di costante non esiste nulla in natura, tutto muta.

Quindi anche l'efficienza del 90% non è una costante, comunque anche se nelle peggio condizioni riesce ad offrire il 70% di efficienza la dobbiamo valutare come ottimo specie se paragonato alle altre tipologie circuitali.

Ciao.

ciao mauro

Quindi anche l'efficienza del 90% non è una costante

certo, intendevo comunque un valore alto. Dal ragionamento di etem 2.5/15=0.166 che non è propriamente un valore molto alto ;)

appena riesco posto anche l'assorbimento dell'alimentatore sotto carico, giusto per curiosità, perchè ho deciso comunque di non continuare il progetto

IN: 100V-240V -- 50Hz/60Hz -- 70mA

Però: 100 * 0.07 (A) = 7W, 2.5/7 = ~35%

In genere ciò che c'è stampigliato sulla etichetta sono da considerare dati commerciali e non dati tecnici.

Ciao.

Ciao ragazzi. Avrei bisogno di un consiglio. Devo alimentare Arduino e ci sono due possibilitá: 1) Classica pila da 9v, comoda e versatile ma che va cambiata ogni tanto 2) Ho usato per alimentare dei Servo un alimentatore con trasformatore dalla presa di corrente da 5V di datasheet (era quello di un vecchio cellulare Samsung)... Si potrebbe alimentare da questa fonte?

La seconda opzione (che preferirei) mi pare rischiosa perchè con un multimetro mi segnava 5,7V. Sapreste dirmi se é una buona idea, e se va collegata al VIN, al 5V o al cavo usb? Grazie, Riccardo

pichard0203: Sapreste dirmi se é una buona idea, e se va collegata al VIN, al 5V o al cavo usb?

Nessuna delle due, se sono realmente 5.7V, possibile su i vecchi alimentatori per cellulari, sono troppi per il collegamento diretto al 5V, sono pochi per il collegamento tramite Vin perché richiede come minimo 6.5V.

E mettere un diodo in serie al 5.7?

Yep, un bel 1n400x (con x che va da 1 a 7)