Ma quanto consuma Arduino Uno?!?

Ho provato ad alimentare la Uno + ethernet shield (usato pero' solo per la SD Card) con una batteria ricaricabile da 9V... ma mi dura meno di un'ora!!! E' normale? La batteria è da 150 mAh, esistono dati ufficiali sui consumi di Arduino?

più che la UNO, il grosso secondo me è ciucciato dalla ethernet shield! se hai un multimentro, mettilo su amperometro, il - della batteria lo colleghi al - del multimetro e il + del multimetro al - dell'arduino (quindi in serie): dovresti leggere il consumo dell'arduino. Poi aggiungi l'eth shield: a questo punto, con una banale sottrazione ottieni quanto consuma la eth.

lesto: più che la UNO, il grosso secondo me è ciucciato dalla ethernet shield! se hai un multimentro, mettilo su amperometro, il - della batteria lo colleghi al - del multimetro e il + del multimetro al - dell'arduino (quindi in serie): dovresti leggere il consumo dell'arduino. Poi aggiungi l'eth shield: a questo punto, con una banale sottrazione ottieni quanto consuma la eth.

Forse così gli salta il multimetro :roll_eyes: Il collegamento dovrebbe essere: +batteria al + del multimetro; - del multimetro al + di Arduino; - della batteria al - di Arduino. Questo è un collegamento in serie :)

un immagine no?

la lampadina e' arduino :)

woops correggo subito onde evitare casini

edit: come non detto, il mio collegamento è identico a quello nella figura

ti metto i valori di un mio test per confrontare anche le modalita' sleep.

questa e' la corrente del solo 328P, tutto l'arduino assorbe di piu'

normal 13mA powersave 1,45mA

powerdown 0,12mA

Testato: ti metto i valori di un mio test per confrontare anche le modalita' sleep.

questa e' la corrente del solo 328P, tutto l'arduino assorbe di piu'

normal 13mA powersave 1,45mA

powerdown 0,12mA

powerdown a 0,12mA :astonished: significa che lo hai lasciato acceso, praticamente, io l'ho portato a circa 50nA (0,00005mA) ;); non è che c'erano resistenze di pull-up o pull-down attive sul micro?

lo feci velocemente durante i test della swRTC, era tutto connesso, solo abilitata la powerdown e basta, cioe' nemmeno staccato adc, non continuai il discorso visto che non la si puo' usare per la swRTC in quanto serve attivo il timer2

Testato:
lo feci velocemente durante i test della swRTC, era tutto connesso, solo abilitata la powerdown e basta, cioe’ nemmeno staccato adc,
non continuai il discorso visto che non la si puo’ usare per la swRTC in quanto serve attivo il timer2

Allora il problema è l’ADC, se la spegni arrivi a quei valori.

Non solo l'ADC. Puoi spengere anche altri moduli, come ad esempio il watchdog o il BOD, se non li usi.

Testato: ti metto i valori di un mio test per confrontare anche le modalita' sleep. questa e' la corrente del solo 328P, tutto l'arduino assorbe di piu'

Penso proprio di più, visto che c'e' un 7805! Voi come alimentate i vostri progetti portatili??

jumpjack:

Testato: ti metto i valori di un mio test per confrontare anche le modalita' sleep. questa e' la corrente del solo 328P, tutto l'arduino assorbe di piu'

Penso proprio di più, visto che c'e' un 7805! Voi come alimentate i vostri progetti portatili??

Considerando che togli tutto il superfluo di Arduino, con le correnti del solo micro, se la circuiteria esterna è fatta di poca roba, tranquillamente a batteria. Considera che le 9V sono le "peggiori" dal punto di vista della corrente erogabile. Se fai la prova che ti è stata consigliata e dici quanto ti consuma l'altra scheda si può trovare una combinazione a 5V. Controlla se questa scheda ha uno switch pr lavorare a 3,3-3,6V, in tal caso avremmo una marea di possibilità.

menniti: Considerando che togli tutto il superfluo di Arduino, con le correnti del solo micro, se la circuiteria esterna è fatta di poca roba, tranquillamente a batteria.

Ma dai? Io pensavo a pedali... :D

Intendevo con QUALI batterie, e se magari mettete anche un pannello solare, e comunque quanto vi dura la carica!

jumpjack:

menniti: Considerando che togli tutto il superfluo di Arduino, con le correnti del solo micro, se la circuiteria esterna è fatta di poca roba, tranquillamente a batteria.

Ma dai? Io pensavo a pedali... :D

Intendevo con QUALI batterie, e se magari mettete anche un pannello solare, e comunque quanto vi dura la carica!

Tu ci scherzi, io sto lavorando per alimentare i miei nanetti (sei mancato parecchio, forse non sai cosa sono...) col movimento delle tapparelle di casa ;)

Il problema è sempre lo stesso: SENZA I TUOI DATI SUL CONSUMO, QUANDO TI DECIDI A FORNIRLI, NON TI SI PUO' DIRE NULLA. Tanto per capirci la tua batteria potrebbe alimentare un nanetto per oltre un migliaio di ore, a te dura meno di un'ora :grin:, capito ora?

menniti: Il problema è sempre lo stesso: SENZA I TUOI DATI SUL CONSUMO, QUANDO TI DECIDI A FORNIRLI, NON TI SI PUO' DIRE NULLA. Tanto per capirci la tua batteria potrebbe alimentare un nanetto per oltre un migliaio di ore, a te dura meno di un'ora :grin:, capito ora?

Darvi I MIEI???? Ma se IO li ho chiesti a voi???!!! Possibile che nessuno finora abbia fatto statistiche sui consumi di Arduino? Vabbe', faro' qualche misura io , ma che barba...

io le ho fatte, ma sai che ti dico ? il tuo comportamento mi ha fatto passare la voglia di dartele, passo e chiudo :)

oddio, e ora come faro' senza il tuo aiuto? ti prego, non mi fare questo dispetto!

Mah. :roll_eyes:

jumpjack:

menniti:
Il problema è sempre lo stesso: SENZA I TUOI DATI SUL CONSUMO, QUANDO TI DECIDI A FORNIRLI, NON TI SI PUO’ DIRE NULLA. Tanto per capirci la tua batteria potrebbe alimentare un nanetto per oltre un migliaio di ore, a te dura meno di un’ora :grin:, capito ora?

Darvi I MIEI??? Ma se IO li ho chiesti a voi!!!
Possibile che nessuno finora abbia fatto statistiche sui consumi di Arduino?
Vabbe’, faro’ qualche misura io , ma che barba…

Ora non litigate e non vi fate i dispetti, in questi giorni ci sono stati molti animi tesi, recuperiamo la tranquillità, tutti (me compreso) e non stiamo ad incazzarci per ogni pidocchio che decide di saltare da un capello all’altro, ok? :slight_smile:
Tu hai un Arduino ed uno Shield, tu vuoi alimentare a batteria tutto, tu devi fornire i consumi di ciò che hai, e fin qui mi pare che non ci sia troppo da discutere, si tratta di collegare un tester, mi pare come già spiegato, operazione da 5 minuti a farla lunga :wink:
Testato ti ha fornito i consumi del solo micro, non so se ha misurato tutto Arduino, nel caso lo PREGO di postare l’assorbimento, così lo detraiamo dalla misura complessiva che hai tu ed avremo le due situazioni chiare.
Ciò detto mi sfugge un solo punto: ciò che vuoi alimentare a batteria sono le due schede o l’Arduino lo vuoi sostituire con uno schedino stand-alone per risparmiare corrente?
Da questa risposta, dal consumo globale delle tue due schede, dal valore che GENTILMENTE ci fornisce Testato, dalla quantità di autonomia (ore/giorni/mesi/anni, ciò che ti serve) che vuoi avere, ti do’ le varie soluzioni. OK?

menniti: Tu hai un Arduino ed uno Shield, tu vuoi alimentare a batteria tutto, tu devi fornire i consumi di ciò che hai,

Ripeto: ho aperto il thread chiedendo "quanto consuma arduino?",il che vuol dire che io non lo so e che mi aspettavo che qualcuno avesse già fatto la misurazione.

e fin qui mi pare che non ci sia troppo da discutere, si tratta di collegare un tester, mi pare come già spiegato, operazione da 5 minuti a farla lunga ;)

Ho collegato il tester tra batteria e arduino, ma la arduino non si accende e il tester non misura niente (impostato su qualunque valore, da 2mA a 2A, e anche invertendo i puntali).

Ciò detto mi sfugge un solo punto: ciò che vuoi alimentare a batteria sono le due schede o l'Arduino lo vuoi sostituire con uno schedino stand-alone per risparmiare corrente?

Per il momento vorrei alimentare arduino+ethernet, giusto per fare i primi test, poi si vedrà.

Guarda che nessuno ti sta colpevolizzando, ma dato che questo elemento non lo abbiamo purtroppo devi fornirlo tu. Per fare le misurazioni in corrente devi mettere il puntale ROSSO nella presa specifica per ampere, altrimenti non ti misura nulla; se lo hai già fatto vuol dire che il tuo tester è guasto. I tester hanno una presa GND per il puntale nero e due prese per il puntale rosso: una per tutte le misurazioni previste: volt ac/dc, ohm, giunzioni, e l'altra esclusivamente per le misurazioni in corrente; a volte per le misurazioni in corrente ci sta una presa per misure max 2-3A ed un'altra presa specifica per 10 o anche 20A; anche in questo caso fai riferimento alla presa 2-3A. Imposta la portata 2 ampere altrimenti rischi di far saltare i fusibili di protezione. NON invertire per alcuna ragione i puntali, rispetto allo schema che ti abbiamo postato, bene che vada ti dà una misura in negativo. Ciao