Macchina del fumo in DMX - Partitore di tensione

Ciao a tutti, rieccomi all'attacco!

Allora, come già dicevo nel topic del menù (http://arduino.cc/forum/index.php/topic,68535.0.html), sto realizzando una conversione al DMX per una macchina del fumo e non potevo scegliere che Arduino per fare ciò!

Allora il problema si presenta nel realizzare la simulazione del comando originale della macchina. Essa ha un comando remoto su 3 fili, con pinout descritto sulla macchina stessa: 1- GND 2- 15V (Assunta come VCC) 3 0-10V

Il controller è composto di una scheda con un pulsante e un potenziometro da 10k, il primo fa uscire fumo alla massima potenza, il secondo regola un getto continuo di densità diversa (da nulla a molto denso). Se il controller non è collegato la macchina non si avvia. Ho capito pertanto che la risposta per avviare la macchina quando si collega il comando è che tra i pin 1 e 3 c'è 1,5v costante. Quando si preme il pulsante, indipendentemente dalla regolazione del potenziomentro, la tensione tra i pin 1 e 3 si blocca a 12v. Ricostruendo il tutto in breadboard con un potenziometro da 10k ho capito che:

  • il potenziometro fa da partitore di tensione, collegato tra VCC e GND, con il Wiper sul pin 3.
  • la macchina si avvia quando la R del potenziometro tra Wiper e GND è almeno 1kOhm
  • se il pin 3 si scollega dalla massa la tensione tra i due schizza a 12v ottenendo l'effetto della pressione del pulsante

Allora ho collegato il potenziometro a VCC e il Wiper sul pin 3, quindi ho messo una R da 1k tra il pin 3 e massa. Collegando il tutto la macchina si accende, con il potenziometro regolo l'intensità e staccando la R ottengo l'effetto pulsante. A questo punto portare lo sgancio della resistenza con Arduino è cosa fatta, un transistor come switch collegato a un pin digitale può escludere la resistenza. Il problema che mi resta è come variare il potenziometro, in modo da variare la tensione sul pin 3 fino a 10v. Pensavo al PWM, ma non saprei come interfacciarlo e cosa mettere al posto del potenziometro manuale (che ora fa da R variabile).

PS: se avete qualche consiglio o sto facendo qualcosa di sbagliato fate un fischio, non vorrei fare danni :)

come, vuoi dare un input di x volt variabile?

beh usa un mosfet, colelghi vcc in entrata e arduino in PWM sulla base

Si, praticamente si superlol, purtroppo ho solo qualche base di elettronica, quindi al partitore di tensione ci arrivo, a come simulare una r variabile con il pwm no :) Diciamo che sto imparando sul campo... Come mosfet hai qualcosa da consigliarmi di specifico? Inoltre mi chiedevo se il potenziometro fa variare entrambe le resistenze del pin 3 (quella a vcc e quella a gnd), lasciandone una fissa a 1k e mettendo il mosfet rischio qualcosa?

PS: in casa ho questi: http://www.linearsystems.com/datasheets/2N4351.pdf e il 2N3972 di cui non riesco a reperire un datasheet...

mai visto un mos simile -_-" IRF 510/520 sono dei TO-220 se vuoi qualcosa di meno ingombrante ma dipende daò carico guarda i PHxxx oppure gli SCxxx

cosa molto più semplice cerca : poenziometro con una fotoresistenza nei vecchi topi c'è una discussione intera in cui hanno trovato il modo di fare quallo che serve a te in maniera mooolto economica e semplice :)

Più che mos, sembra che quelli che ho sono JFET, ma a questo punto non credo vadano bene comunque giusto? Ora faccio la ricerca!

Non gli ho studiati ma solo visti velocemente … e non avendoli mai usati non voglio dire cazz…
a livello teorico però dovrebbero funzionare allo stesso modo…

A questo punto posso fare come mi è consueto... Provo, o si brucia o funziona :D

si però se ti si brucia la MCU son cazz.. amari....

Ok, provato con il 2n4351, ho sempre vcc in uscita (ho usato i 5v di arduino per provare). A questo punto mi sa che prenderò un irf

senza usare i mos che comunque anche se usi l'IRF non è semplice da gestire usa lo schema che ti avevo detto... piloti un led con PWM lo inserisci in un tubetto nero dall'altra parte del tubetto ci metti una fotoresistenza in serie alla fotores(da10K) ci metti una res da 20K coleghi il capo della fotores al +15V ed il capo della res da 20K a GND... l'uscita la trovi nel mezzo cioè dove la fotores è collegata alla resistenza.... an dimenticavo GND non deve essere per forza comune.... uno... http://arduino.cc/forum/index.php/topic,66135.15.html e due.... http://arduino.cc/forum/index.php/topic,67031.0.html

Potrei provare anche con quella soluzione hai ragione, nel frattempo ho sperimentato con quel che avevo in casa e devo dire che con il secondo FET, 2N3972, mettendo il pwm sul gate, 5v -> 1kOhm -> source, drain a gnd, eseguendo un codice che ogni secondo aumenta il pwm da 0 a 255, con il voltmetro passo da 0,4 a 4,8 volts. Forse questo potrebbe funzionare, dovrei provare con i 15v?

prova ma... non so dirti se poi va o no...

:grin: Ho fatto fumo!!!

Collegato tutto alla macchina con i 15v, massa in comune e il pwm di Arduino. Usando il 2N3972 la macchina risponde esattamente come dovrebbe! Ho anche potuto eliminare la R da 1k tra il pin di segnale e massa, che mi garantiva con il potenziometro la tensione minima di 1,5v, in quanto pure questa è data dal FET, che con il pwm a 0 mi garantisce 2v (che va bene lo stesso, la macchina inizia a far fumo a 3v). Ora ovviamente scrivendo un valore di 255 sul pwm ovviamente ottendo la tensione di quasi 15v, siccome voglio lavorare tra 0 e 10 (o al massimo 12), pensavo di insierire un piccolo partitore prima del tutto per dare al FET una Vcc di 10-12 volts.

Ultime due cose: sul gate del FET è sempre meglio mettere una R? Di che valore? Per il PWM me lo tengo così o miglioro qualcosa mettendo un RC? Può essere utile?

Per ottenere una tensione continua da Arduino si passa dal PWM tramite un filtro passa basso seguito da un voltage follover.
Cioè una cosa come questa :

Si immaginavo, la domanda che mi facevo io era, ne vale la pena?