Macchina RC Arduino

Ciao a tutti, di recente ho acquistato ad un mercatino per pochi euro una macchina telecomandata abbastanza carina, scala 1/10, senza telecomando, senza batterie. Tutti i motori e lo sterzo sono funzionanti, la carrozzeria e le sospensioni sono a posto, quindi, dopo aver tolto la vecchia scheda tutta polverosa e brutta, ho deciso di recuperare la macchinina per farla diventare un mio progetto Arduino. Ho un paio di domande in merito, faccio un elenco per semplicità: 1. Per comandare il motore penso basti un driver semplice giusto? oppure data la potenza abbastanza elevata del motore rischio di bruciare tutto? 2. Il servosterzo della macchina ha 5 fili, 2 sono per l'alimentazione che se invertita di polarità inverte il senso di rotazione del servo, gli altri tre fili sono collegati al potenziometro interno che definisce la posizione del servo stesso. La mia domanda è: Arduino riesce ad analizzare quella tensione se fornita ad un pin analogico? in parole povere riesco a dirgli che se la tensione del pin x è uguale a y allora deve arrestarsi 3.Esiste un modo per rendere compatibile con arduino un normale telecomando per macchine radiocomandate? Grazie in anticipo

  1. Occorrerebbe conoscere la tensione di alimentazione del motore. Comunque io ho utilizzato un relé doppio scambio per l’avanti/indietro e il PWM di Arduino per la velocità del motore. Un potenziometro sull’Arduino TX comanda sia la velocità che l’avanti/indietro: al centro = motore fermo; a sinistra = progressivamente indietro; a destra = progressivamente avanti. In allegato trovi lo schema che ho usato.

  2. Occorrerebbe conoscere il valore del potenziometro. Comunque data l’alta impedenza d’ingresso dei pin di Arduino dico: Sì. Anche in questo caso occorre un relé doppio scambio per l’inversione sinistra/destra.

  3. Credo che gli attuali telecomandi funzionino sulla banda dei 2,4GHz, per cui con un modulo RX a 2,4GHz in teoria Arduino potrebbe ricevere il flusso dei dati proveniente da un radiocomando, ma non ho idea se potrebbe avere la potenza di calcolo sufficiente a decodificarlo. Io ho utilizzato una coppia TX/RX a 868MHz e una coppia di Arduino Nano per trasmettere/ricevere.

Ciao,
P.

La batteria che dovrebbe alimentare il tutto dovrebbe essere una 9.6V, quindi anche il motore penso giri a quella tensione. Non avevo preso in considerazione il relè doppio scambio, anche perché non sapevo dell'esistenza. molto interessante. Per quanto riguarda il valore del potenziometro non so minimamente dove sbattere la testa, non ha un nome quel componente e non so risalire al modello della macchinina. Il mio telecomando sì è a 2,4GHz, quindi dovrei abbinare un secondo Arduino?

La batteria a 9,6V sarà una NiMH da 8 elementi da 1,2V con cui comanderai direttamente il motore e forse anche lo sterzo. Con uno step-down come questo riduci la tensione a 5V per l'Arduino. Dovresti misurare la resistenza del potenziometro con un tester, basta anche un cinese economico da pochi euro, ma serve capire quali sono gli estremi e il centrale del potenziometro stesso. Per quanto riguarda Arduino, io ho usato un Arduino Nano per ricevitore e un altro Arduino Nano per trasmettitore. la connessione radio è demandata a due moduli RF TX/RX a 868MHz.

Ciao, P.