[OT ITA] Lo spamm bar (Part 1)

bhe ma lui si è semplicemente buttato, gli astronauti ci lavorano, con saldatore martello cacciaviti etc… alla faccia!

lesto: bhe ma lui si è semplicemente buttato, gli astronauti ci lavorano, con saldatore martello cacciaviti etc... alla faccia!

eh si non è facile essere un astronauta l'addestramento è infernale anche l'italiana(chiedo venia non ricordo il nome) che a breve andrà sulla ISS ha dovuto affrontare un rigido addestramento. Pensa che una delle prove è sopravvivere all'inverno russo in un bosco con il solo kit di sopravvivenza :grin:

lesto: sinceramente pensavo che la tuta fosse tipo quella da astronauti

La tuta è come quella usata nelle EVA dagli astronauti, è più leggera e meno ingombrante perché non deve contrastare le radiazioni presenti nello spazio aperto, sopratutto ha lo stesso sistema di supporto vitale atto a garantire la temperatura interna in un ampio range di temperature esterne e molte ore di autonomia aria, lui si è lanciato con una temperatura esterna di -16°, però doveva passare in uno strato con temperatura fino a -70°, e con solo 10 minuti di aria. Anche le tute degli astronauti sono pressurizzate a poco più di 600 mb, pure loro respirano ossigeno quasi puro per gli stessi rischi di embolia, se seguivi la diretta su Italia 2, invece che via streaming, in studio c'era Nespoli che spiegava molte cose riguardo la tuta, i rischi, e le condizioni fisiche degli astronauti durante le EVA. Gli astronauti fanno anni di allenamento specifico per affrontare lo spazio, lui si è si allenato, ma non allo stesso livello e comunque pure gli astronauti quando vanno in EVA fanno molta fatica a concentrarsi ed eseguire i movimenti, non è una cosa semplice come molti pensano.

Madwriter: Pensa che una delle prove è sopravvivere all'inverno russo in un bosco con il solo kit di sopravvivenza :grin:

Quello solo se vai con le Soyuz, dato che atterrano, invece di ammarare, c'è il rischio che passa molto tempo prima che ti trovano e devi essere in grado di resistere, l'allenamento prevede anche che uno degli astronauti sia infortunato. La volta scorsa, Martedì, Nespoli raccontava che l'atterraggio della Soyuz, che lui ha sperimentato, è come un frontale a diverse decine di km/h, non è morbido, è un bel botto, e sono realmente possibili danni fisici agli occupanti della capsula.

lesto: bhe ma lui si è semplicemente buttato

:astonished:

A raggiunti i 1170 Km/h di velocità massima passando per poco tempo ad una velocità supersonica. Forse a causa della transazione ha iniziato a vorticare pericolosamente ma per fortuna pochi secondi dopo è riuscito a riprendere l'assetto. Ha "volato" poi per 4 minuti e 15 prima di aprire il paracadute in anticipo sul previsto perché causa condensa non vedeva più l'altimetro. Bé non sirei che si è semplicemente buttato. :grin:

Se hai seguito la diretta su Italia 2, Nespoli ha spiegato le differenze tra la tutta spaziale e quella redbull. Una deve resistere ad escursioni termiche da -150 a +200 °C ed è formata da almeno 12 strati più una sotto tuta con raffreddamento a liquido, l'altra presenta solo 5 strati ed è pensata per diverse condizioni: velocità supersonica, temperatura minima di -75 °C ecc ecc.

astrobeed:

Madwriter: Pensa che una delle prove è sopravvivere all'inverno russo in un bosco con il solo kit di sopravvivenza :grin:

Quello solo se vai con le Soyuz, dato che atterrano, invece di ammarare, c'è il rischio che passa molto tempo prima che ti trovano e devi essere in grado di resistere, l'allenamento prevede anche che uno degli astronauti sia infortunato. La volta scorsa, Martedì, Nespoli raccontava che l'atterraggio della Soyuz, che lui ha sperimentato, è come un frontale a diverse decine di km/h, non è morbido, è un bel botto, e sono realmente possibili danni fisici agli occupanti della capsula.

sisi ho visto anche mentre si esercitavano a trasportare un ferito su una barrella autocostruita al momento,ma quindi ha azionato lui il paracadute?e se sveniva o altro c'era qualcosa di automatico? la navicella che fine farà?ha un paracadute per farla atterrare o la fanno schiantare?

Madwriter: ma quindi ha azionato lui il paracadute?e se sveniva o altro c'era qualcosa di automatico? la navicella che fine farà?ha un paracadute per farla atterrare o la fanno schiantare?

Si il paracadute l'ha aperto lui, se era svenuto ci pensava l'altimetro ad aprirlo ad una certa quota di sicurezza prefissata, è un automatismo di sicurezza che usano anche i normali paracadutisti. La navicella è felicemente atterrata col suo paracadute, l'hanno inquadrata per diversi secondi mentre scendeva, anche il pallone è stato recuperato grazie al gps incorporato, dopo lo sgancio della navicella il pallone viene squarciato tramite un apposito dispositivo in modo da farlo sgonfiare rapidamente ed evitare che si allontani troppo. Probabilmente il video registrato durante la caduta libera, c'erano tre camere sulla tuta, sarà visibile solo nel documentario che racconterà questa impresa. La velocità massima raggiunta per il momento è accreditata, dalla FAI, a 1.24 mach, cioè 1342 km/h, quella che appariva sul video era solo stimata e non quella reale che hanno desunto dai dati del flight recorder, e relativi sensori, integrato nella tuta.

l'ho visto su youtube, non pensavo facessero la dirtetta anche in TV, chissà se trovo la registrazione sul sito di italia uno (la rai lascia le trasmissione fino a 24 ore in differita, oltre a vari estratti su youtube)

da quel che ho capito dalla diretta ammmericana anche nel caso in avesse iniziarto a girare su se stesso a più di un certo RPM per un tempo considerato "di guarda", si sarebbe dovuto aprire il paracadute.

veramente spettacolare :grin: quindi quella navicella è ancora li posso usarla? :stuck_out_tongue_closed_eyes: vedo che il pallone era davvero enorme in caso di incendio sarebbe stato un vero disastro :zipper_mouth_face: non credo che il tutto sia costato molto giusto? al massimo la tuta so che è abbastanza cara ma il resto più o meno è contenuto o mi sbaglio?

lesto: da quel che ho capito dalla diretta ammmericana anche nel caso in avesse iniziarto a girare su se stesso a più di un certo RPM per un tempo considerato "di guarda", si sarebbe dovuto aprire il paracadute.

ma lui ha girato per un po sus se stesso mmm,chi sà che sensori aveva sulla tuta e come li gestiva,idem per la navicella non vedo specifiche funzionali o tecniche :grin:

Per stabilizzare la rotazione la tuta era dotata di "pilotino". Non si sa ancora se la stabilizzazione avvenuta dopo la rotazione sia dovuta all'entrata in funzione di questo speciale paracadute o da una manovra effettuata dallo stesso Felix muovendo le mani. Credo che siano tutte informazioni che finiranno nel documentario.

PaoloP: Per stabilizzare la rotazione la tuta era dotata di "pilotino".

La rotazione, in gergo tecnico vite piatta, evento molto temuto in aeronautica, l'ha fermata lui utilizzando le mani alla stregua di superfici mobili. Il pilotino, in gergo tecnico drogue, si tratta di un piccolo paracadute con un ampio foro centrale, poteva estrarlo lui manualmente, se non riusciva a fermarsi da solo, oppure veniva estratto in automatico se la velocità di rotazione andava oltre un certo limite e lui era svenuto. Non ha estratto il drogue, si sarebbe visto benissimo nella ripresa video agli infrarossi.

il pallone è grande perchè più sali e più è rarefatta l'aria, quindi il pallone si gonfia.

Per quel che so alcune sonde per scendere apsettano semplicemente che il pallone scoppi, ma non credo sia molto usata perchè il pallone costa.

Deve essere molto esastico, o come nel caso di questo lancio piegato "ad aglio", in modo che si dispieghi piano piano, e deve essere il più possibile impermeabile ad idrogeno o elio (cosa impossibile da ottenere totalmente visto che sono gli elementi più piccoli in assoluto, le molecale ti "scappano" da ovunque, solvo usare un contenimento magnetico molto particolare, potente e preciso, tipo quello che usano per l'antimateria)

Però ho visto esempriementi in cui hanno usato comuni sacchetti della spazzatura termo-attaccati e funzioanva.

l'elio costauna cifra, l'idrogeno è pericoloso.

Qualche tempo fa feci un paio di conti per una bicicletta volante che sollevasse circa 100kg... mi pare che venisse fuori un pallone da 6m di diametro per una ricarica di elio di circa 2000€...

lesto: facessero la dirtetta anche in TV,

Meno che l'abbiamo detto diverse volte che Italia due dava la diretta :grin:

lesto: il pallone è grande perchè più sali e più è rarefatta l'aria, quindi il pallone si gonfia.

Esatto, infatti quando è partito era una sigaretta, quando è arrivato poco oltre i 35000 metri era un vero pallone.

Per quel che so alcune sonde per scendere apsettano semplicemente che il pallone scoppi, ma non credo sia molto usata perchè il pallone costa.

Quei palloni sono monouso, o scoppiano naturalmente, e la sonda cade, oppure vengono fatti scoppiare con un automatismo ad una quota prefissata. Il pallone che stavano utilizzando Martedì nel primo tentativo di lancio hanno dovuto buttarlo via, quello usato ieri era un pallone nuovo.

idrogeno o elio (cosa impossibile da ottenere totalmente visto che sono gli elementi più piccoli in assoluto, le molecale ti "scappano" da ovunque,

Sono gonfiati ad Elio, l'idrogeno è troppo pericoloso e la differenza di spinta ascensionale tra i due gas è minima. E' vero che l'elio ha una molecola così piccola che non c'è "tappo" che tenga, però in poche ore la perdita del pallone è veramente minima, prova a pensare ai palloncini dei ragazzini, durano almeno un paio di giorni prima di mostrare evidenti segni di sgonfiaggio.

Qualche tempo fa feci un paio di conti per una bicicletta volante che sollevasse circa 100kg... mi pare che venisse fuori un pallone da 6m di diametro per una ricarica di elio di circa 2000€...

Credo che hai sbagliato a fare i conti, o hai preso dei prezzi errati, l'elio costa ma non così tanto, parlo di acquisto in bomboloni di grossa taglia e non le bombolette per gonfiare i palloncini che sono costosissime. In alternativa, per uso a bassa quota, c'è il ballongas,una miscela di elio e altri gas, che costa molto meno e, se non mi ricordo male, solleva solo un 10% in meno rispetto all'elio puro.

Madwriter: vedo che il pallone era davvero enorme in caso di incendio sarebbe stato un vero disastro

L'elio non è infiammabile, è un gas inerte, il rischio di incendio è zero.

non credo che il tutto sia costato molto giusto? al massimo la tuta so che è abbastanza cara ma il resto più o meno è contenuto o mi sbaglio?

Io penso che l'impresa è costata tantissimo, a parte i costi del pallone, e di quelle dimensioni costa tanti soldi, della navicella costruita su misura, di tutta la strumentazione, della tuta e dell'elio per riempire il pallone, ce ne vuole veramente tanto, ci sono i costi aggiuntivi, e sono salati, dell'assistenza a terra, dello staff tecnico e quello per lo sviluppo del progetto. Sparo una cifra, ma non credo di sbagliare di molto, per me tutta l'impresa è costata non meno di 50 milioni di Euro, però la RedBull si può permettere di spenderli, basta pensare a quanto costa una stagione F1 :D

in effetti ricordo che i lproblema più grosso che ebbi fu quello di tovare i prezzi dell'elio... dovrei rifare i conti, sopratutto se mi dici che il ballongas è così efficiente.

certo però che l'idea è persa in partenza, almeno da usare a milano, resteresti impigliato (se non folgorato) ai cavi del tram e dei filobus se sviluppi il pallone in altezza, altrimenti nelle vie proprio non ci passi. ma pensa che bello atterrare davanti l'uffcio con la tua bicicletta-dirigibile...

Puoi farti un'idea del costo dell'elio qui una bombola da 2 metri cubi costa 65 Euro, a parte la cauzione della bombola, e sono già tanti come soldi, se non mi ricordo male attualmente l'elio puro costa circa 14 Euro al metro cubo se lo prendi da un grosso distributore pertanto i sei metri cubi per il tuo pallone costano circa 84 Euro. Prova sentire Gioblu,se poi ha fatto il famoso lancio del pallone sonda dovrebbe sapere bene quanto costa l'elio e dove prenderlo a Milano al giusto prezzo, io posso dirti dove andare a Roma, ma non credo ti interessi :D

gioblu non ha mandato su un pallone molto grosso, se ricordo bene una bombola di quelle per i palloncini gli è bastata.

comunque il pallone deve sollevare 100kg, quindi servono ! 100m^3 ! ovvero una sfera di diametro 6m, e con 14€ al m^3 siamo comunque inorno ai 1400€ per la bici volante.

Dovrei cercare questa miscela di cui parli, ma davvero google non mi aiuta (se si trovano aziende, queste non espongono i prezzi) comunque l'idea diventa integrare la spinta data dal pallone con la spinta ciclistica per sollevare il tutto. Esistono dei tentativi più o meno funzionanti di elicottero a pedali: http://video.corriere.it/elicottero-pedali-creato-vincere-250mila-dollari/e75458d4-f45a-11e1-8223-8f87a48260f4 http://www.pc-facile.com/news/record_elicottero_pedali_vola_50_secondi/71041.htm

loro per partecipare al concorso non hanno pututo sfruttare il notevole vantaggio del gas.

lesto: Comunque il pallone deve sollevare 100kg, quindi servono ! 100m^3 ! ovvero una sfera di diametro 6m, e con 14€ al m^3 siamo comunque inorno ai 1400€

Non so perché mi ero convinto di sei metri cubi, e infatti mi suonava strano come quantità di gas, in effetti 100 metri cubi costano si un bel pò di soldini, per non parlare del fatto che ogni due/tre giorni sei costretto a rabboccare il gas nel pallone.

Esistono dei tentativi più o meno funzionanti di elicottero a pedali:

L'elicottero a pedali, e più in generale il volo con mezzo più pesante dell'aria dotato di propulsione esclusivamente muscolare, è più una leggenda metropolitana che una reale possibilità, il motivo è semplicissimo, un essere umano non dispone di abbastanza energia per garantire un volo prolungato, solo atleti molto leggeri e con particolari caratteristiche fisiche riesce a far volare sul serio appositi aeroplani, molto grossi come estensione alare e molto costosi, per più di pochi secondi/minuti. L'elicottero del video è poco più di un gadget, non può andare oltre l'effetto suolo e non ha alcuna reale manovrabilità, il "pilota" finisce l'energia, leggi fiatone e battito a 1000, in pochi secondi. Ovviamente un sistema ibrido, un dirigibile fornisce il sostentamento e l'uomo deve solo fornire l'energia per avanzare/manovrare, è fattibile, però se non è prodotto in serie non è certo una cosa economica da realizzare e mantenere.

Sicuro che ti bastano 100 m^3 di volume ? Facciamo due conti, l'elio, a pressione e temperatura standard, pesa 167 grammi per m^3, un pallone con volume di 100 m^3 esercita si una spinta ascensionale, al livello del suolo, di circa 100 kg, però devi sottrarre il peso dell'elio, che sono 16.7 kg e quello del pallone stesso, diciamo circa 3 kg, questo significa che la spinta ascensionale disponibile è attorno a 80 kg. Se poi dobbiamo aggiungere il peso del passeggero, si lo so che tu sei leggero, quello della bicicletta e della necessaria imbragatura tra pallone e bici mi sa tanto che il tutto non si solleva o lo fa a stento :)