[OT ITA] Lo spamm bar (Part 2)

anche meglio....

microparticelle di vetro ad altissima densità, tali che la velocità della luce è di pochi micron al mese
nebulizzate da aerei in quota
poi recuperate e semplicemente guardate
le immagini che appaiono sulla loro superficie sono quelle di alcuni giorni prima, altro che satelliti spia, anche comode da riguardare con calma sono

l'idea non è mia ma di un certo........

un cuore a chi lo scopre per primo

ma temo di dover escludere Etem dal concorso, lui ha letto quasi tanto quanto me

Devono essere ben compresse per avere quella caratteristica, che si possa ancora chiamare "vetro" a quella pressione? bisognerebbe tornare al big bang ... :scream:

Per il concorso, mi arrendo, 'gnorante sognu.

Maurizio

1 Like

invece per la storia dei due resolver su albero lento ed albero veloce del riduttore

quando ero nella robotica (non a Madrid, per chi si ricorda, ma in provincia di Milano)

la storia si chiama:
il grosso robot sfigato
(per parafrasare il piccolo robot perduto di un certo Isacco molto famoso)

ero intervenuto per un grosso manipolatore (tipo 90 Kg al polso, una cosina leggera per intenderci)
che si comportava strano...
faccio delle prove e non fa nulla di strano
mi giro e metto via la tastiera di comando quando il cliente mi urla addosso:

cosa ha fatto?
io? nulla, ho appena spento i motori...

in quell'esatto frangente che spegnevo i motori il robot aveva perso la trebisonda e un asse del polso aveva girato completamente, strappando cavi, tubi del raffreddamento, connettori dei sensori e altro
fortuna che non aveva preso dentro nessuno: ero il solo all'interno dell'isola robotizzata ed ero lontano
il cliente giustamente (?) mi addossa la colpa ed il danno, ed il mio capo era giustamente (?) molto adirato con me

io sapevo di non aver fatto nulla di tutto questo, avevo mollato il joystick, quindi i motori erano in potenza ma non comandati

e adesso arriva la sfiga (come se finora non bastasse)
intanto che si cercano i ricambi per i connettori, sensori, carico pagante, tubi e altri ammeniccoli (era un robot "grosso" e portava tante belle cosine ingombranti, pesanti e costose)

il tipo che era andato a prenderle fa incidente in auto e "rottama" il set di ricambi
oltre alcuni mesi in ospedale, se ricordo bene

ok, dimesso il tipo,
ri-procurati in Svezia i ricambi (in Italia li avevamo finiti)
e abbondantemente redarguito il tecnico che aveva sbagliato (ovvero io)
va un mio collega (che io giustamente (?) ero visto dal cliente come fumo negli occhi)
e anche il mio collega sfascia l'auto in autostrada

quindi "obtorto collo" il mio capo deve mandare me
e il cliente "obtorto collo" deve accettarmi

arrivo la, lascio che il cliente ridia corrente al manipolatore, accende i motori e senza (senza) toccare il joystick vedo il polso danzare la giga, che avrebbe strappato di nuovo tutto, se avessi collegato i vari giochini...

in tutto questo io ero fuori dall'isola robotizzata e non avevo in mano la tastiera (sono paraculo, lo so)

OK, la vendetta del tecnico maltrattato
adesso smonto il robot e trovo cosa che ha,
altro che era colpa mia se ho fatto oltre 15 milioni di lire di danni, senza contare tempo e auto sfasciate

cosa che aveva?
il riduttore che gestiva i tre (erano tre adesso ricordo) resolver (tutti su una sola scheda, altro che 7-8 multiplexer a 16 canali, per chi ricorda....)
quel riduttore li, aveva una ruota dentata con un dente in meno, nel tempo si era rotto un dente del riduttore
quando nel corso degli umani eventi capitava che passasse il non-dente, il robot perdeva il conto della posizione e faceva numeri strani, e alla massima velocità, oltretutto

mi sembra di ricordare che

  1. non era mai capitato nella storia della robotica, mi sarei meritato il premio Susan Calvin anche solo per questo
  2. ci fosse in Italia un (1) solo pezzo di ricambio, usato e costosissimo
  3. nessuno ci voleva credere

però la soddisfazione di dire al mio capo che avrebbe dovuto credermi sulla parola me la sono presa...

1 Like

oh, a proposito

secondo il mio capo noi eravamo "robotecnici"
inutilmente gli ricordavo che robotecnico è il robot (androide) che fa il tecnico

l'umano che ripara i robot si chiama "roboticista"

Peccato, l'avevo letto :laughing:

E quello che ripara i problemi dei robot si chiama robopsicologo :sweat_smile:

Ah, gia, non ci siete ancora arrivati a quello, voi umani :upside_down_face:

1 Like

E meno male ... ci siamo evitati l'ennesimo sfacielo ...

Autodesk today announced that it has terminated discussions to acquire Altium Limited.

“Autodesk has a long track record of disciplined strategic acquisitions,” said Andrew Anagnost, CEO of Autodesk. “While we did verbally improve our initial proposal, we were unable to agree on the basis to advance discussions. We respect the leadership team at Altium and wish them the best with their business.”

... con Eagle (CadSoft) ce l'hanno fatta, con Altium NO ! :smiling_imp: :smiling_imp: :smiling_imp:

Guglielmo

Volevano massacrare e rendere inutilizzabile pure Altium, rovinandolo come tutti gli altri programmi che hanno acquisito negli ultimi anni allora ... fortuna che stavolta gli e' andata male :money_mouth_face:

1 Like

Lo supponevo losuppo

... giusto a loro, poteva venirgli un'idea simile ... :laughing:

1 Like

Mi verrebbe da dire Michael Crichton, ma devo aver sbagliato.

1 Like

Hai ragione: hai sbagliato
Mi spiace

Stavo per chiudere il concorso per mancanza di concorrenti

Invece ancora qualche ora lo tengo aperto

Grazie per aver risposto

1 Like

Sparo Asimov senza averlo letto... solo per la formazone che aveva...

1 Like

Naah ... acqua :wink:

Grazie anche a te, ma no, purtroppo

Comunque autore anglofono

Beh, forse non madrelingua...

Per carita', non li chiamate "Inglesi", che vi mordono (o vi sparano ... o entrambe le cose, magari :sweat_smile: )

Non diamo troppi indizi...

Va be' dai

Chiudo il concorso

E do un cuore a tutti quelli che hanno partecipato
Non mi sveno di certo...

Altri giorni altri occhi

Di Bob Shaw

Irlandese del nord

In effetti credo che il romanzo sia solo una raccolta di racconti tutti incentrati su una specifica invenzione: il "vetrolento"

Allora chiedo io, chi sa (Standardoil quasi sicuramente) il nome dello scrittore di fantascenza che ha dedicato una sua antologia a se stesso ? :laughing:

Asimov story?

No, mi spiace (probabilmente l'avrai anche letto ma non lo ricordi)