[OT] Stampa 3D per tutti ... novità, curiosità, amenità, chiacchiere varie

secondo me va fatto con materiale serio, altrimenti al minimo si deforma e probabilmente fonde se, come sembra, è agganciato direttamente alla struttura dell'estrusore. Ma quello sdoppiamento significa che raffredda anche il circuito di passaggio del filo?

La mia stampante, 3drag 1.0, ha 2 ventole, una fornita dal fornitore dell'hotend, che raffredda subito sopra l'estrusore, la seconda punta sul materiale estruso. Alla fine ho preso il filo Plastink pla nero, devo dire che per ora non si spezza come l'esun, lo estrudo a 220 gradi come sugerito da plastink, è più resistente alla rottura, ma forse perché l'esun lp stampavo tra 200 e 210. Ciao

Vinsub, fammi capire una cosa perché sono interessato alla questione rotture, avendo realizzato dei pezzi di ricambio per mio fratello per i quali è previsto un fissaggio mediante dado e bullone; in effetti ho avuto delle rotture anche se negli spigoli vivi, che poi ho arrotondato, come mi è stato spiegato. Il punto è secondo te maggiore è la temperatura e minore è la possibilità di rottura? Io dappertutto ho letto che il PLA richiede 180-200° e stampo regolarmente a 185°, a che tipo di problema vado incontro secondo te? Ovviamente il quesito è in generale rivolto a tutti, sono molto interessato alla cosa.

Ho visto un test su youtube nel quale stampavano da 200 a 260 gradi mi pare, poi rompevano i pezzi e la resistenza maggiore era sul pezzo stampato a 260. Secondo me se stampi ad una temperatura più alta gli strati si "appiccicano" meglio, però io ho all'attivo una 50ina di stampe, non so.

@ vinsub: ok grazie, se continuo ad avere problemi anche senza angoli vivi proverò ad aumentare la temperatura.

@ Vespucci: ho testato il tuo file, è decisamente migliore del mio conico, dal quale non esce nulla, ma il flusso è minore della mia piramide tronca con le alette dritte. Tutto sommato converrebbe continuare a tentare la realizzazione della piramide più ampia anche se, francamente, non so che aumento posso avere, peraltro la mia ventolina è una Cooler Master da 0,23A con ben 9 alette, quindi non so che aumento posso aspettarmi, forse non vale la pena insistere fino a che non ne avrò reale necessità. Tanto per darti qualche indicazione, secondo me bisognerebbe portare il cono fino alla punta attuale e da lì far partire il nuovo cilindro; in questo modo aumenta la camera interna di volume, l'impatto dell'aria appena entrata è inferiore ed il cilindro finale aumenta di diametro, tutti fattori che dovrebbero migliorare il flusso. Comunque personalmente al momento non faccio più prove, va bene così, grazie.

Ok Michele .... siccome avevo anche io intenzione di fare una cosa tipo la tua per la mia 3d, e dato che oltre l'hobby/passione per Arduino o elettronica in genere (anche se il tempo che le posso dedicare è sempre meno), mi sono preso la briga anche di imparare un po di cad per quello che si può da autodidatta e tempo disponibile . Faccio un po' di prove sulla mia, e poi ti informo se trovo una soluzione. Comunque sappi che per me è un piacere dare nel mio piccolo, un aiuto ai vecchi utenti del forum che con pazienza rispondevano ai miei post , anche alle cose più assurde che mi venivano in mente quando sono entrato sul forum da persona con zero nozioni di questo mondo (figurati lavoro nel Rep.Ortofrutta Coop).

P.s: sicuramente farò ancora delle domande assurde

PaoloP: Cosa ne pensate? --> http://www.thingiverse.com/thing:839620 ...

Penso che sembra quasi elegante, e che con un paio di modifiche all'interno ed una ventolina diversa da quella nelle immagini potrebbe perfino funzionare bene ... pero' penso anche che se non usi una ventola con pressione differenziale piu elevata di quella e se non metti dei settori ad alette all'interno, anche in quello succedera' come il problema di Michele, che si vede tornare indietro meta' dell'aria ...

Inoltre mi viene un dubbio, ma e' un dubbio da non-utente di stampanti 3d, quindi forse la mia idea e' sbagliata ... pero', dato che suppongo che il supporto con il passaggio del filo DEBBA essere sempre tenuto alla temperatura piu bassa possibile, mentre invece magari alcune plastiche potrebbero richiedere (qui tiro ad indovinare, non ne sono sicuro, ma a naso ...) un flusso d'aria piu basso o piu alto per avere una buona stampa ... allora forse avere una sola ventola, che se devi ridurre il flusso sullo stampato ti riduce anche quello che raffredda il passafilo, potrebbe non essere un'idea cosi buona ... ;)

Avete mai avuto problemi di spostamenti indesiderati sugli assi x e y?

Esempio: nel bel mezzo di una stampa, apparentemente a caso, il piatto o l'estrusore si spostano di qualche cm fuori dal pezzo e il filamento non viene più estruso. Dopodichè ritorna tutto in ordine e la stampa riprende. Non un grosso problema tranne il fatto che a volte lo spostamento è talmente grande che l'estrusore arriva a fine corsa e il motore perde dei passi, col risultato che il pezzo è da buttare.

Io sospetto che sia qualche bug in Octoprint ma non ho trovato info a riguardo.. stampando da sd non ricordo di aver avuto questi problemi.

Il problema dello spostamento dell'estrusore fuori dal pezzo è legato al software di slicing, mi è successo diverse volte quando usavo Slic3r con Repetier Host, da quando uso Simplify3D mai più successa una cosa simile. Però con Octoprint non ho ancora provato a stamparci, lo ho usato solo per vedere cosa fa la stampante quando sono fuori casa, stampa avviata in locale da SD, è troppo figo far vedere agli amici, mentre si prende il caffe al bar, la stampante al lavoro. :D

io ho una soluzione simile sui pannelli fotovoltaici serve per sapere quando e' il momento di pulirli

per le stampanti 3d, c'e' da fare qualche pulizia?

da quando uso Simplify3D mai più successa una cosa simile

io lo uso regolarmente eppure mi capita (raramente per fortuna). Dal visualizzatore del gcode però non si nota nulla si strano.

per le stampanti 3d, c'e' da fare qualche pulizia?

io pulisco regolarmente le ventole di raffreddamento dalla polvere e tengo guide e barre ben lubrificate

doppiozero: Avete mai avuto problemi di spostamenti indesiderati sugli assi x e y?

Esempio: nel bel mezzo di una stampa, apparentemente a caso, il piatto o l'estrusore si spostano di qualche cm fuori dal pezzo e il filamento non viene più estruso. Dopodichè ritorna tutto in ordine e la stampa riprende. Non un grosso problema tranne il fatto che a volte lo spostamento è talmente grande che l'estrusore arriva a fine corsa e il motore perde dei passi, col risultato che il pezzo è da buttare.

Io sospetto che sia qualche bug in Octoprint ma non ho trovato info a riguardo.. stampando da sd non ricordo di aver avuto questi problemi.

A me questo difetto (shift) lo faceva a causa della velocità elevata dell'infill, ad un certo punto si muoveva tutto e nel 90% dei casi "saltava" uno degli assi, quasi sempre l'x, nel mio caso, però poi non si ripristinava da solo, quindi nel tuo caso è una cosa diversa; e secondo me Astrobeed si riferisce a qualcosa di simile al mio e non al tuo problema. Un trucchetto per recuperare uno shift se sei sul posto: metti subito la stampa in pausa, alza l'estrusore di 10 passi, clicca prima su x e poi su y, per ritarare gli assi e poi riprendi la stampa, vedrai che tutto riprenderà regolarmente, come a volte fa a te in automatico, naturalmente devi farlo appena ti accorgi del problema.

@ Vespucci: grazie, sul Forum ci si aiuta tutti, salvo pochissimi casi di professionisti importanti come Astrobeed, la maggior parte siamo hobbysti :)

@ Astro: non ho ben capito cosa fai con Octoprint, io due sere fa ho comprato una IP CAM dai cinesi sotto casa a 32€, l'ho imbullonata alla struttura della 3D ed ora posso vedere (anche al buio, visto che ha gli IR) la stampante lavorare in diretta sul mio Android; finalmente ho finito di fare le nottate di spola tra letto e studio per andare a controllare le stampe lunghe, ora cellulare sul comodino, se mi sveglio un'occhiata e a nanna, se non mi sveglio, chi se ne f... della stampa :grin:

[quote author=Michele Menniti date=1478967729 link=msg=2997955] ... finalmente ho finito di fare le nottate di spola tra letto e studio per andare a controllare le stampe lunghe, ora cellulare sul comodino, se mi sveglio un'occhiata e a nanna, se non mi sveglio, chi se ne f... della stampa :grin: [/quote]

... lo studio di Michele che non s'è svegliato e non ha controllato ... :D :grin: :D :grin:

No, no, no, Michele, non si lascia senza sorveglianza un stampante 3D ... non sarebbe né la prima e neanche l'ultima che prende fuoco ... almeno ... installa un sensore di fiamma/fumo che ti avverte !!! ;)

Guglielmo

P.S.: Sento il rumore dei tuo "gratt, gratt, gratt" fin da qui ... ma dai retta, non ci si pensa mai, ma sono cose che possono, purtroppo, capitare ...

A me questo difetto (shift) lo faceva a causa della velocità elevata dell'infill, ad un certo punto si muoveva tutto e nel 90% dei casi "saltava" uno degli assi, quasi sempre l'x, nel mio caso, però poi non si ripristinava da solo, quindi nel tuo caso è una cosa diversa;

penso anche io sia un altro problema, i passi li perdo solo se l'estrusore si sposta così tanto da andare a sbattere sui finecorsa.

Un trucchetto per recuperare uno shift se sei sul posto: metti subito la stampa in pausa, alza l'estrusore di 10 passi, clicca prima su x e poi su y, per ritarare gli assi e poi riprendi la stampa, vedrai che tutto riprenderà regolarmente, come a volte fa a te in automatico, naturalmente devi farlo appena ti accorgi del problema.

questo però con uno shift di qualche passo al massimo, perchè quando il mio estrusore sbatte mi ritrovo uno shift di anche 3mm e rimettere le cose a posto la vedo dura, o almeno credo :sweat_smile:

installa un sensore di fiamma/fumo che ti avverte

questo è un upgrade che ho in mente da un po'.

Octoprint tra l'altro offre la possibilità di essere modificato o di aggiungere plugin ma.. al momento le mie conoscenze di programmazione si fermano solo ad un po di C :sweat_smile:

Esempio di shift

WP_20161112_002.jpg|2592x1456

gpb01: No, no, no, Michele, non si lascia senza sorveglianza un stampante 3D ... non sarebbe né la prima e neanche l'ultima che prende fuoco ... almeno ... installa un sensore di fiamma/fumo che ti avverte !!! ;)

Guglielmo

P.S.: Sento il rumore dei tuo "gratt, gratt, gratt" fin da qui ... ma dai retta, non ci si pensa mai, ma sono cose che possono, purtroppo, capitare ...

No, no, niente grattamenti, non sono superstizioso e dubito che la mia stampante raggiunga temperature glaciali solo perché ricorro al gratt gratt :grin: Astro dice che mostra la sua stampante agli amici mentre è al bar. io almeno mi trovo due stanze più in là, per cui se vedo qualcosa di anomalo nel display del cellulare corro col secchio pieno, ma il fatto è che se dormo non c'è allarme che tenga, a meno che non lo collego ad una sirena seria, io quei bip bip dei sensori non li sento nemmeno a 30 cm :cold_sweat: :cold_sweat: Il sensore di fumo credo possa provocare spesso falsi allarmi,un sensore di fiamma lo vedo più indicato.

[quote author=Michele Menniti date=1479049262 link=msg=2999088] Il sensore di fumo credo possa provocare spesso falsi allarmi ....[/quote] ... quelli giocattolo si, quelli VERI, che vengono usati negli impianti antincendio, se ben installati, sono molto affidabili.

Il fumo ... c'è prima del fuoco ... ;)

Guglielmo

gpb01: ... quelli giocattolo si, quelli VERI, che vengono usati negli impianti antincendio, se ben installati, sono molto affidabili.

Il fumo ... c'è prima del fuoco ... ;)

Guglielmo

Intendevo dire che spesse volte ho visto del fumo uscire dagli estrusori, anche se solo in quei momenti in cui elevo di molto la temperatura per sostituire il rotolo di PLA; la temperatura che si crea nelle vicinanze dell'estrusione potrebbe creare falsi allarmi, ma tu lo hai installato?

... SI, ho usato i sensori che avevo nell'altro ufficio che era dotato di impianto di spegnimento automatico. Sono a vecchia tecnologia, ma molto affidabili. Ne ho visti di nuovi molto compatti e sicuramente più ancora più sensibili e presto li sostituirò.

NON si eleva di molto la temperatura per sostituire il PLA !!! Lo si sostituisce alla sua temperatura di estrusione ! Chi ti ha detto di fare una cosa del genere che, oltretutto, rischia di carbonizzare parti del PLA nel hot-end e di otturarlo ? :o

Il PLA può invece fare lievi colonnine di fumo durante la stampa se ha preso umidità e ... è vapore acqueo, NON fumo da combustione.

E comunque, per far scattare il sensore di fumo ... ci vuole il fumo di qualche cosa che sta per bruciare/bruciando, non una piccola coloninna emessa dall'hot-end ;)

Guglielmo

[quote author=Michele Menniti link=msg=2999088 date=1479049262] ... io quei bip bip dei sensori non li sento nemmeno a 30 cm :cold_sweat: :cold_sweat: [/quote]

https://www.youtube.com/watch?v=8zEH5GxPNO8

(scusa, non ho resistito :D)