Problema  con sistema di accensione spegnimento

Salve, sto impazzendo di fronte ad un problema che sembra semplice che è il seguente. Alimento arduino duemilanove con una cella al litio la cui tensione viene alzata da uno step-up di tipo booster per poi entrare nel connettore standard. Ho la necessità di spegnerlo ed accenderlo premendo un pulsante quindi di tipo momentaneo, per far questo ho disegnato un circuito flip flop che funziona discretamente. L'uscita del circuito comanda un transistor npn che collega arduino alla massa e fin qui mi pare di aver usato un modo strausato solo che agli ingressi analogici configurati come uscite digitali ho collegato le basi di 6 transistor sempre npn che comandano l'accensione e lo spegnimento di altrettanti led. Sembra impossibile ma i led si accendono quando arduino è spento. Secondo me le uscite digitali sono di tipo cmos e sono collegate a massa ed è proprio da qui che passa la corrente che mi attiva i bjt. Non so se mi sono spiegato bene, il vcc del processore è collegato ad un potenziale di 5V mentre il gnd sempre del processore è collegato attraverso il mos dell'uscita digitale alla resistenza che polarizza il bjt la cui giunzione pn lo collega a massa. E' possibile secondo voi? Che soluzioni mi proponete?

io non ho capito, :-[ uno schema?

E' una richiesta ragionevole. Più ci penso e meno idee possibili mi vengono. Considerate che i led totali sono 12 ed ogni uno polarizzati con circa 20mA, usare un'altro bjt per sconnettere gli emettitori dalla massa mi costringerebbe ad usare una corrente di polarizzazione elevata per diminuire la Vceon.

perché non alimenti l' arduino ( una versione di 3,3V) direttamente dalla batteria litio e lo metti in standby (so che l' ATmega c'ha questa funzione di risparmio, ma non so come attivarla nel Arduino) In standby consuma qualche µA e spegnerebbe le uscite Ciao Uwe

forse l'arduino spento, con le uscite "flottanti" è in grado di polarizzare con la corrente residua i bjt, che rimangono comunque alimentati e questo fà accendere i led. (forse)

resistenze di pulldown?

ma senza il transistor di sotto, cioè con la massa collegata fissa, il circuito funziona?

La tensione della cella al litio va da 3 a 4 V e non credo che senza una tensione ben regolata il processore possa funzionare. La funzione di sleep non la posso utilizzare purtroppo perché oltre a spegnere arduino spengo alche il chip che regola il booster, questo comporta che la tensione scenderebbe alla tensione della batteria ovvero 3-4V non sufficienti ad alimentare arduino che si resetterebbe uscendo dalla configurazione a a basso consumo.

Le uscite se il micro non è alimentato sono collegate a massa dal pmos che è normalmente chiuso, il pmos è in grado di condurre in entrambi i sensi, purtroppo, e questa corrente mi manda in conduzione il bjt che comanda il led. Se arduino è collegato fisso a Vcc e Gnd il circuito funziona bene tranne per il fatto che non posso spegnerlo.

Grazie per l'aiuto,qualche altra idea?

scusa la mia stupidità, ma continuo ad avere la sensazione che al discorso manchi qualcosa... potresti disegnare uno schema completo di tutti i componenti e le connessioni? (se ti và). ma sono l'unico che non ha capito? :-[

http://yfrog.com/jkrev3p http://arduino.cc/it/uploads/Main/arduino-duemilanove-schematic.pdf Alle uscite 14-20 vanno attaccati questi. http://yfrog.com/j6ledtp

ma sei sicuro che le masse di tutti i circuiti siano collegate fra di loro? prova a mettere un relè ed un diodo sul collettore di Q2 e vedi cosa succede, oppure controlla con un tester le tensioni durante le varie fasi

Lo sono solo se Q2 è in conduzione. Del primo schema ho realizzato pure la basetta per cui se è corretto lo schema lo è anche la basetta.

ciao AndreaV Perche interrompi la massa per spegnere l' arduino e non l' alimentazione positiva? L'arduino funziona anche con tensioni non fisse se sono correnti continue con una bassa parte alternata; ma questo problema non hai con una batteria. Gli unici 2 accorgimenti che devono essere considerati sono che a basse tensioni la frequenza di clock deve essere diminuita (per questo la versione 3,3 V del Arduino va con 8MHz e non a 16Mhz) e che ci sono diversi settaggi possibili per la tensione limite che fa fare un reset per sottotensione (BUR) Problemi potrebbero dare gli altri integrati presenti sulla scheda. Perché alzi la tensione di alimentazione a 9V per poi portarli a 5V col stabilizzatore presente su Arduino? Alzala a 5V e alimenta subito l' arduino al pin 5V. Se questo é un problema per la differenza di tensione troppo piccola lo capisco. Penso che esistano integrati che possano lavorare con differenze sotto 1V. Ma in questo modo come hai fatto il circuito, stai avendo una resa di ca 80 % sul alimentatore switching e del 55% sul stabilizzatore (perdi 4V di 9V); In tutto piú della metá del energia stai trasformando in calore. Hai anche una parte audio (ho visto un GND audio) Li, se le masse non sono in buono contatto hai sempre disturbi e un transistor che mette l' arduino a massa é una fonte di problemi.

Perché non usi un alimentatore switching che ha una entrata di standby. Quale integrato usi per il uno step-up di tipo booster?

Ciao Uwe

Uso un LT1172, ha la possibilità di essere mandato in stand by portando a massa un piedino ma il problema è che attraverso la bobina e il diodo arriva lo stesso tensione e i led dello xbee e di arduino restano in parte accesi. Uso anche il wave shield di Adafruit collegato ad un piccolo amplificatore. Effettivamente potrei regolare lo step up a 5V e mandarli direttamente dopo il regolatore aumentando l'autonomia della batterie. Attualmente uso un piccolo mosfet, un bs108, per spegnere lo step up, un bc337 per spegnere ed accendere arduino, i led e lo xbee, ed un altro bc337 per comandare l'accensione della scheda audio che senza ingresso consuma parecchio polarizzando la base con una corrente maggiore. La schema audio in effetti mi da problemi perché comincia a distorcere prima.

Penso che userò un pmosfet appena dopo il condensatore da 1000uF e un altro nmosfet per spegnere lt1172. l'nmos sarà un bs108 mentre il pmos sarà un fdn304p collegando il source al condensatore e il drain agli utilizzatori. Se l'uscita della parte combinatoria va a 1 allora nmos va in conduzione spegnendo lt1172 e il pmos si spegne disalimentando il resto del circuito ad "alta" tensione. Che ne pensate?

Ciao AndreaV

Non capisco. Perché non metti il transistor di accensione/spegnimento tra il positivo di C3 e VIN del LT1170. Cosí ti serve solo 1 transistor.

Ciao Uwe

Perché un transistor non saprei come comandarlo, ho invece preso spunto dallo schema di arduino duemilanove e utilizzerò un pmos tra la batteria e il resto del circuito.

Ho un altro "problema" utilizzo gli ingressi analogici come uscite digitali e quando utilizzo la seriale con attaccato un modulo xbee il livello di uscita traballa e siccome c'è attaccato un bjt che comanda un led questo pulsa. Come mai?

ciao

ti consiglio di andare direttamente sul 5v cosi aumenti di molto la vita delle batterie

inoltre potresti metterci un PMOS tra il convertitore e l'ingresso 5v come fa l'arduino per fare l'auto switch dell'alimentazione. è meglio che smanettare con la massa :)

m

Grazie del consiglio, ho già provveduto a byassare il regolatore lineare per aumentare l'efficienza e il pmos che ho scelto ha una Ron davvero bassa il che mi limita i problemi con gli assorbimenti elevati. E sulle uscite un po' deboli che mi dici? All'uscita ho attaccato un npn, un bc547 per la precisione polarizzato con una resistenza da 1k per cui non richiedo tanta corrente al processore. Ho notato che se stacco lo xbee dalla seriale l'uscita torna ad essere bella forte e per forte intendo stabile ad alto livello, quasi 5V, mentre quando trasmette e riceve traballa.

gli xbee non scherzano a consumi... secondo me il tuo dc dc si "siede" quando gli xbee trasmettono...

io proverei a fare un passo in più ed alimentare tutto a 3.3v a questo punto non devi mettere gli adattatori 5v-3.3v (considera che lo shield xbee usa un regolatore lineare per abbassare a 3.3v il che non è efficente)

in un cassetto ho lo schema eagle di un'arduino xbee a 3.3v che ha il dcdc a bordo, sarebbe perfetta :)

L'alimentazione è stabile, LT1172 fa il suo sporco lavoro molto bene e multimetro alla mano da 5V non si schioda mentre testando le uscite la fluttuazione è ben visibile. Sia colpa del fatto che sto usando gli ingressi analogici come uscite digitali? Altra possibile causa potrebbe essere che l'ingresso dell'xbee ha una resistenza interna tropo bassa?

Grazie per l'aiuto ma non posso fare modifiche troppo invasive al progetto e cambiare tutta la gestione dell'alimentazione richiede troppo tempo.

ciao AndreaV

per primo: Transitor sono sia BJT che FET, JFET, HEXMOS ecc

Per secondo: Come hai collegato il XBee? Direttamente ai 5V o con una scheda intermedia? Gli xbee a seconda della verione consumano tra 120mA a 240mA sui 3,3V.

Ciao Uwe