progettare un navigatore per disabili

Salve a tutti, mi chiamo Luca e sono nuovo del forum. Per la mia tesi di laurea vorrei progettare un navigatore destinato a persone disabili. L’idea è quella di creare un navigatore che funzioni a livello cittadino e quindi individui percorsi interni, zone pedonali e marciapiede accessibili. Come designer ho una conoscenza più formale e concettuale ma mi mancano le nozioni più tecniche. ad esempio:
-Mi conviene utilizzare un dispositivo gps per il navigatore o delle mappe già tracciate dei percorsi, visto che mi servirebbe un segnale preciso al metro???
-Vorrei che questo navigatore segnalasse, al momento dell’utilizzo, eventuali barriere temporanee e non (come automobili in sosta sugli scivoli del marciapiede o lavori in corso) durante il percorso e che quindi in automatico dia un percorso alternativo, come si può fare???
Per rendere questo strumento accessibile vorrei utilizzare dispositivi e software open source, cosa mi consigliate???
ogni suggerimento, critica e risposta è ben accetto.
Grazie

lucaparm: gni suggerimento, critica e risposta è ben accetto.

Cambia tesi di laurea perché quello che vuoi realizzare è molto complesso sia dal punto di vista hardware che software, non è realizzabile con Arduino, ottenere la precisione che chiedi in ambito cittadino è possibile solo nei film di James Bond :)

Concordo con astrobeed. La precisione che Ti serve non é 1 metro ma a 10 cm. Il GPS non funziona in modo affidabile in cittá tra le case perché la visibilitá diretta dei satelliti é molto limitata e non sono visibili sempre 3 sateliti. Se riesci ad avere dei segnali da abbastanza sateliti in modo che il ricevitore GPS possa calcolare una posizione avrai una imprecisione di decine di metri.

Ciao Uwe

ma se non utilizzassi un gps??? ci sono alternative??

ad esempio potrei pensare di mappare tutti le vie accessibili, marciapiede, zone pedonali ecc... ecc.. di una città, utilizzarle poi per calcolarmi il percorso e in caso di barriera calcolare un percorso alternativo.

lucaparm: ci sono alternative??

Si, ma non sono implementabili senza una complessa, e costosa, infrastruttura di supporto che dovrebbe coprire tutta la/le città.

lucaparm:
ad esempio potrei pensare di mappare tutti le vie accessibili, marciapiede, zone pedonali ecc… ecc… di una città,

E come pensi di mapparle ?
Vai tu in giro per tutte le città d’italia a fare questi rilevamenti ?
Non esistono mappe gps che riportano le informazioni che richiedi, forse li trovi nelle mappe della viabilità che hanno i comuni, ma oltre alla burocrazia per avervi accesso poi c’è sempre l’enorme lavoro manuale per riportare le informazioni e geolocalizzarle sulle mappe gps.
Ma in cosa devi laurearti ? Non mi pare che tu sia “ferrato” in questioni inerenti l’elettronica e la programmazione.

io studio design del prodotto e come dici te non ho conoscenze riguardo questi aspetti (per questo chiedevo aiuto) ovviamente io dovrei occuparmi dell'idea generale, delle problematiche, della forma, dei componenti e del funzionamento generale del prodotto, ovviamente non posso pretendere di progettarlo o realizzarlo da solo, sarebbe impossibile.. grazie

non credo che sia un progetto realizzabile, per farlo funzionare occorrerebbe implementare tutti i sistemi da te proposti, piu altri...

sistema di localizzazione gps mappatura della città sistema di localizzazione locale (una specie di gps a livello locale, con delle antenne disposte in città ad ogni incrocio, che con un funzionamneto tipo gps ti localizzano con piu precisione) sistema si videosirveglianza, o sensori sulle rampe e sulle vie di accesso, che indichino anche gli eventali ostacoli temporanei.

quindi o sei Tony Stark, che potrebbe permettersi di attrezzare in questo modo una città, spendendo milioni di euro, oppure la cosa non è minimamente realizzabile..

milvusmilvus: ... sistema di localizzazione locale ...

Quello già c'è ... si usano le antenne della rete cellulare che permettono una triangolazione molto precisa. ;)

Ha ... naturalmente non è una cosetta esattamente alla portata di Arduino XD

Guglielmo

gpb01: Quello già c'è ... si usano le antenne della rete cellulare che permettono una triangolazione molto precisa. ;)

Ha ... naturalmente non è una cosetta esattamente alla portata di Arduino XD Guglielmo

si potrebbe are anche cosi, m la precisione rimarrebbe sempre di qualche metro credo.. visto che i ripetitori sono "pochi" e comunque lontani...

@milvusmilvus : No, no, la precisione è veramente MOLTO alta ... proporzionata al costi degli apparecchi che ci vogliono per fare la misura precisa (Rohde & Schwarz) XD

Guglielmo

lucaparm:
ma se non utilizzassi un gps??? ci sono alternative??

per la precisione senza gps il sistema esiste già es il navigatore della mia macchina (vecchiotto ]:D)
si affida principalmente alla bussola elettronica e al segnale odometrico che dovrebbe essere qualche decina di impulsi ogni giro di ruota,

se il segnale gps è “scarso” o non si prende si naviga a bussola e giri ruota, appena il gps è ok fa l’aggiornamento della posizione ovviamente rileva anche se fai retromarcia un po

gingardu: per la precisione senza gps il sistema esiste già es il navigatore della mia macchina (vecchiotto ]:D)

Sei totalmente fuori strada, il sistema odometrico sulle ruote, usato solo dai vecchi GPS per auto, serviva principalmente per mantenere traccia della distanza percorsa, e conoscere la velocità reale, in assenza del segnale GPS o quando ci si trovava in condizione di elevati errori DOP, cosa molto frequente con la vecchie generazioni di GPS e poi c'era pure il problema della SA attiva che portava il circolo di confusione ad un minimo di 30 metri. Nei GPS attuali la precisione tipica è attorno ai 10 metri anche dentro le città, attorno ai sei metri fuori città e di circa 3 metri se disponibile EGNOS, tutti i GPS automotive degni di questo nome tengono traccia del percorso anche in assenza del segnale, p.e. mentre si attraversa una galleria, basandosi su i dati cartografici, l'ultima velocità rilevata e, se disponibili, anche i dati accelerometrici.

gingardu:

lucaparm: ma se non utilizzassi un gps??? ci sono alternative??

per la precisione senza gps il sistema esiste già es il navigatore della mia macchina (vecchiotto ]:D) si affida principalmente alla bussola elettronica e al segnale odometrico che dovrebbe essere qualche decina di impulsi ogni giro di ruota,

se il segnale gps è "scarso" o non si prende si naviga a bussola e giri ruota, appena il gps è ok fa l'aggiornamento della posizione ovviamente rileva anche se fai retromarcia un po

Il ceco deve portarsi dietro la Tua autompbile per avere un idea della distanza percorsa?? ;) ;)

Sono ancora dell' opinione che non c'é sistema che un privato vorrebbe pagare (dicciamo sotto i 500€) che rileva la posizione con una precisione di 10cm. Le mappe penso, sono disponibili con una tale precisione.

Ciao Uwe

uwefed: ... Sono ancora dell' opinione che non c'é sistema che un privato vorrebbe pagare (dicciamo sotto i 500€) che rileva la posizione con una precisione di 10cm.

Una badante

mmm vediamo gps è wi fi potrebbero risolvere il problema, da poco(in realtà da molto ma io l'ho scoperto da poco) si sta studiando di utilizzare le comuni reti wi fi per triangolare la propria posizione(in realtà questo metodo si usa già) se la città è abbastanza moderna e wifi-zzata si potrebbero sfruttare una serie di cose, allora occhiali con videocamera e open cv per riconoscimento oggetti e ostacoli temporanei, gps, wi fi , bussola, segnale rete mobile, mappe e magari un contapassi per la posizione ed è fatta. a dimenticavo qualche migliaia di righe di codice è un mini pc portatile ad alto livello che gestisca tutto in multi-tasking ed anche un annetto di lavoro. se mi sponsorizzi e mi dai un anno o due di tempo posso provarci, ma non ti prometto niente :grin: :grin:

Madwriter: si sta studiando di utilizzare le comuni reti wi fi per triangolare la propria posizione(in realtà questo metodo si usa già) se la città è abbastanza moderna e wifi-zzata si potrebbero sfruttare una serie di cose,

Guardate troppi film di fantascienza :grin: Non avete la più pallida idea di quanto sia complicato ricavare la propria posizione nell'ambiente, in modo molto preciso, partendo da dei segnali radio, come non avete la più pallida idea di quanta matematica, di altissimo livello, c'è dietro il gps, oltre che un hardware molto sofisticato.

grazie a tutti per le risposta...però vorrei precisare che io non devo realizzare tutto questo!!!!!!! io vorrei sapere in teoria come si potrebbero risolvere i problemi che ho sottolineato e quindi come potrebbe funzionare una cosa del genere.... questo è un esame di laurea in cui dovrei progettare questo navigatore, la sua forma e il suo funzionamento ma in maniera simulata e come idea progettuale...

Come si fa ad usare le WiFi? Quando si usano i ponti dei cellulari, la loro posizione è nota, ma gli Access Point?

@lucaparm Questo non mi pare un progetto da Arduino. Se non ho capito male tu vorresti progettare un sistema che aiuti una persona disabile a muoversi (su un veicolo? una motocarrozzella?) da un punto ad un altro. Attualmente ci sono dei navigatori GPS che calcolano rotte semplicemente pronunciando la destinazione per cui sono alla portata di un disabile. Realizzare una mappa apposta per disabili è un altro paio di maniche. Il lavoro su campo è molto oneroso e ci vogliono molti capitali e molto tempo, bisogna anche pensare agli aggiornamenti. Però, a parte i costi, è tecnicamente fattibile. Se tu non lo devi realizzare ma solamente descrivere come dovrebbe essere ci può stare. La navigazione effettiva pone alcuni problemi perché, come ti hanno già scritto qui, i satelliti non sono ben visibili e possono essere mascherati in parte o totalmente da alberi, palazzi, gallerie. Nei prossimi anni dovrebbe apparire la navigazione basata sui ponti cellulari a portata di tutti ma ancora non è attiva. Ci si deve aiutare quindi con una piattaforma inerziale, cioè ti calcoli gli spostamenti che hai fatto rispetto all'inizio con vari sensori, ma puoi anche aiutarti con telecamere e con la mappa che già hai. Un affare del genere richiede un computer, magari collegato in rete 3G, WIFi o altro. E sarà molto costoso. Forse la parte fattibile con Arduino potrebbe essere la piattaforma inerziale vista come insieme di sensori, poi i calcoli vanno fatti da un'altra parte. Muoversi nelle città italiane però la vedo dura. A me però non sembra chiaro il tuo obiettivo. Potresti fare un esempio d'uso?