Progetto acquario!!!

Ciao! ho acquistato da poco un kit Arduino base e sto iniziando attraverso video e forum a capire come funziona il mondo di Arduino. mi è venuto in mente un progetto recentemente che non so se sia realizzabile con gli strumenti forniti da Arduino o no!
Da un anno a questa parte mi sto prendendo cura di due tartarughe di acqua dolce, e dopo avergli preparato un acquaterrario adatto alla loro vita ho iniziato a riscontrare diversi problemi nella manutenzione. infatti probabilmente per la condensa e l'evaporazione il livello dell'acqua nella vasca diminuisce costantemente e ogni 2/3 giorni devo rabboccarla, inoltre trovo che il filtro commerciale che mi è stato venduto con la vasca non sia abbastanza efficiente per mantenere pulita la vasca delle mie tartarughe.
Quindi ho pensato a una soluzione con Arduino!
Vorrei progettare un sistema che attraverso un sensore di livello e una pompa da 12V riempa la vasca ogni qual volta l'acqua sia sotto il livello prestabilito e si fermi una volta arrivata al livello corretto. Avevo pensato di inserire nella vasca il sensore che attivi la pompa immersa in un serbatoio secondario nascosto, che rabboccherà l'acqua nella vasca. Inoltre pensavo di inserire un secondo sensore di livello nel serbatoio per far si che una volta che l'acqua diminuisce troppo mi avvisi tramite un led. In aggiunta ho pensato di collegare al medesimo Arduino un'altra pompa che con un sistema di tubi mi faccia da filtro esterno.
Perciò vorrei sapere: se esistono pompe a 12V utilizzabili con Arduino(se esistono vi chiedo gentilmente qualche link) e soprattutto cosa più importante se c'è il rischio che i sensori o le pompe immerse nel serbatoio secondario lontano dalla vasca e collegate a essa tramite tubi possano dare la scossa alle mie tartarughe e nuocere alla loro salute.

Buongiorno,
essendo il tuo primo post, nel rispetto del regolamento della sezione Italiana del forum (… punto 13, primo capoverso), ti chiedo cortesemente di presentarti IN QUESTO THREAD (spiegando bene quali conoscenze hai di elettronica e di programmazione ... possibilmente evitando di scrivere solo una riga di saluto) e di leggere con molta attenzione tutto il su citato REGOLAMENTO ... Grazie. :slight_smile:

Guglielmo

P.S.: Ti ricordo che, purtroppo, fino a quando non sarà fatta la presentazione nell’apposito thread, nessuno ti potrà rispondere, quindi ti consiglio di farla al più presto. :wink:

Briggs97:
se esistono pompe a 12V utilizzabili con Arduino(se esistono vi chiedo gentilmente qualche link)

Tecnicamente qualsiasi pompa va bene. Non c'è una linea di accessori specifici solo per Arduino (a parte gli shield). Al più bisogna valutare che alimentatore serve (per la pompa) e il transistor adatto ad accenderla. Poi in pratica vendono mini pompe (peristaltiche e non) adatte ad esperimenti di idroponica, irrigazione, ecc tipo queste o queste.

se c'è il rischio che i sensori o le pompe immerse nel serbatoio secondario lontano dalla vasca e collegate a essa tramite tubi possano dare la scossa alle mie tartarughe e nuocere alla loro salute

I sensori dovrebbero essere a galleggiante o capacitivi, vanno evitati quelli a contatto elettrico col liquido. Se è tutto alimentato tramite appositi alimentatori 5..9..12V e nulla di elettrico è in contatto con l'acqua non vedo problemi.

In questi giorni sono andato avanti con il progetto e forse ho trovato una soluzione, però l'unica cosa che non riesco a trovare è un sensore del livello dell'acqua che non abbia contatto elettrico con l'acqua. Potete please inviarmi qualche link o foto di sensori che rispettino queste condizioni?

Io per un problema analogo (livello dell'acqua nel serbatoio di una macchinetta per caffè espresso) ho usato un sensore ad ultrasuoni, che mi dà direttamente il livello non solo un avviso di livello basso/alto.

Ovviamente col circuito più schermato possibile dall'umidità, lasciando scoperte solo le due capsule (ho fatto nel coperchio di plastica due fori dell'esatta misura delle due capsule, mentre il circuito è in una sscatoletta all'esterno).

Se vuoi informazioni vedi sul sito Instructables, ossia QUI.

Se il dubbio è sulla durata di queste, sappi che a me sta funzionando ininterrottamente da 4 anni con lo stesso sensore, un SRF05.

grazie docdoc per la risposta ma non è proprio quello che intendo, praticamente la mia idea era di inserire un sensore del livello dell'acqua a galleggiamento nella vasca che attiva una pompa che riempie d'acqua la vasca prendendola da un serbatoio e interrompe la pompa quando ho raggiunto il livello desiderato. Indagato ho letto che è possibile l'unica cosa è che non so a che sensore affidarmi dato che comunque non vorrei rischiare perdite elettriche che potrebbero nuocere alla salute delle mie tartarughe.

Briggs97:
grazie docdoc per la risposta ma non è proprio quello che intendo, praticamente la mia idea era di inserire un sensore del livello dell'acqua a galleggiamento nella vasca che attiva una pompa che riempie d'acqua la vasca ...

Perdona, ma con la soluzione proposta da dodoc fai la stessa cosa ed in modo molto più affidabile difatti ...
... che differenza c'è tra un galleggante che ti da solo ON/OFF ed un sensore che NON tocca il liquido, ma che ti da esattamente a che livello è ? ? ? :o

Guglielmo

E alle tarte il continuo burst ultrasonico risulterà gradevole? :fearful:

Alle volte mi domando anche che effetto faccia agli animali il PMW di un'illuminazione a LED per noi continua.

Altre idee che mi vengono in mente da valutare... fascetto luminoso o infrarosso interrotto dal galleggiante. Galleggiante magnetico che chiude un reed esterno alla vasca. Sensore capacitivo esterno alla vasca.

Deve ammettere che adesso ho capito la risposta di docdoc ma sto pensando che quello che ha detto Claudio potrebbe essere vero.

Claudio_FF:
E alle tarte il continuo burst ultrasonico risulterà gradevole? :fearful:

Mah … quei sensori non danno fastidio nemmeno ai “cani” che, notoriamente, sono molto sensibili a quelle frequenze, dubito creino qualche problema alle tartarughe :wink:

Guglielmo

Claudio_FF:
Altre idee che mi vengono in mente da valutare... fascetto luminoso o infrarosso interrotto dal galleggiante. Galleggiante magnetico che chiude un reed esterno alla vasca. Sensore capacitivo esterno alla vasca.

Un galleggiante collegato direttamente a un rubinetto, come in tutte le cassette da water del mondo..
:slight_smile:

Guglielmo indagherò magari chiedendo a qualche veterinario, domanda ma che frequenza emette un sensore del tipo detto da docdoc. Ottima idea Paolo se non fosse che l'acquario si trova decisamente distante da un rubinetto e mi è impossibile avvicinarlo

Briggs97:
Guglielmo indagherò magari chiedendo a qualche veterinario, domanda ma che frequenza emette un sensore del tipo detto da docdoc.

Lavora a 40KHz. QUI il datasheet (tedesco e inglese).

Guglielmo

Claudio_FF:
E alle tarte il continuo burst ultrasonico risulterà gradevole? :fearful:

Hehe, ma 40kHz non li sentono manco i cani, figurati le tartarughe che a malapena arrivano a 5kHz...

Briggs97:
Deve ammettere che adesso ho capito la risposta di docdoc

Beh dopo aver provato varie altre soluzioni alla fine quella è stata la più affidabile (ed infatti lavora ininterrottamente da anni...). Inoltre nel mio caso, come anche il tuo, volevo evitare qualsiasi cosa da immergere nell'acqua per evitare problemi col sapore del caffè, per cui provai anche con un LED infrarosso e relativo sensore posizionato dalla parte opposta della vaschetta (plastica trasparente), avevo già verificato che la presenza dell'acqua cambiava la quantità di luce ricevuta dal sensore rispetto all'aria, ma questa differenza era troppo scarsa per essere affidabile.

Per le tartarughe poi dato che l'acqua non è come nella mia macchinetta (acqua sicuramente pulita...), un galleggiante oltre al problema di come tenerlo in linea con un sensore ottico sarebbe uno degli elementi da tenere puliti.

Insomma, la soluzione con gli ultrasuoni ha tutti i vantaggi (nessun contatto con l'acqua, misura abbastanza precisa del livello, semplicità di installazione e di gestione lato Arduino...) e di fatto nessuno svantaggio.

Se proprio vogliamo "salvare le orecchie", grazie ai vasi comunicanti, si potrebbe costruire una vaschetta di espansione e verificare il livello di questa.

speedyant:
Se proprio vogliamo "salvare le orecchie",

Quale parte di "le tartarughe sentono al massimo 5kHz" non era chiara? :smiley: :smiley:

Scherzi a parte, no, i 40kHz sono assolutamente innocui per loro come per noi (e per i cani, nonostante il loro udito superiore al nostro) tanto più per le tartarughe di mare, il cui orecchio è adattato all'ascolto in acqua e non in aria.

Ma almeno potevi dire: "Idea fantastica! Sei un genio! Peccato che le tartarughe non sentano gli ultrasuoni!"
Pazienza!
:grinning:

Adesso però sono curioso di sapere di che tartarughe stiamo parlando.

speedyant:
Ma almeno potevi dire: "Idea fantastica! Sei un genio! Peccato che le tartarughe non sentano gli ultrasuoni!"

No, sarebbe sembrata una presa in giro e non mi piace prendere in giro gli altri (tanto più che le cose possono sfuggire a chiunque, ed anche io a volte ho scritto cappellate per non aver letto bene... :wink: ).

Adesso però sono curioso di sapere di che tartarughe stiamo parlando.

Eh, beh, ora però mi smonti le belle cose che dicevo....:smiley: Lo ha scritto nel primissimo post, sono "tartarughe di acqua dolce".

Come dire "che bei pesci! Cosa sono? Pesci di acqua dolce!"
Quali tartarughe?

Comunque la mia soluzione "astrae" dal fatto che le tartarughe sentano o meno gli ultrasuoni.