Re: Come alimentare Arduino uno

devo alimentare arduino e relay shield e alcuni sensori di temperatura.

Un alimentatore da 5 v 1A è sufficiente o sarebbe meglio uno leggermente più potente nel caso ci collegassi altri shield?

Subia75: devo alimentare arduino e relay shield e alcuni sensori di temperatura.

Un alimentatore da 5 v 1A è sufficiente o sarebbe meglio uno leggermente più potente nel caso ci collegassi altri shield?

Ciao, non fare la stessa domanda su più Topic, abbi la pazienza di aspettare una risposta che certamente arriverà, altrimenti spammi inutilmente ;) Ti ho risposto sull'altro topic.

Come si fa in medicina meglio ascoltare più medici. La mia risposta è si almeno 1 A. 500mA è il limite imposto dallo stantard USB se ad es. attivi 10 uscite di Arduino contemporaneamente alla corrente Max nominale (40mA) già assorbi 400mA certo non capita tutti i giorni... comunque io partirei da 1 A min. fino a 2A per un utilizzo "normale". Per esigenze particolari si valuta caso per caso fermo restando che le dimensioni delle piste e i connettori stessi di Arduino non possono gestire correnti particolarmente elevate, per cui molte Shield prevedono alimentazione separata proprio per non sovraccaricare in potenza la scheda Arduino. Ultima nota un Alimentatore più potente [u]assolutamente stabilizzato[/u] è sempre raccomandato per lavorare in un range di temperatura basso, che tiene alla larga possibili guasti di natura termica, il valore ottimale è 9V. Buon Acquisto.

Ciao Subia75 Ho spostato il Tuo reply a una nuova discussione perché non ha senso riesumare vecche discussioni aggiungendo nuove domande.

Non é buona educazione (netikette) porre il problema in piú discussioni che alla fine sono giá state chiuse. Ho cancellato il Tuo post nell'altra discussione.

Ciao Uwe Federer Moderatore

UweFederer: Ciao Subia75 Ho spostato il Tuo reply a una nuova discussione perché non ha senso riesumare vecche discussioni aggiungendo nuove domande.

Non é buona educazione (netikette) porre il problema in piú discussioni che alla fine sono giá state chiuse. Ho cancellato il Tuo post nell'altra discussione.

Ciao Uwe Federer Moderatore

Solo per completare: http://arduino.cc/forum/index.php/topic,95859.0.html http://arduino.cc/forum/index.php/topic,85881.0.html http://arduino.cc/forum/index.php/topic,102608.0.html http://arduino.cc/forum/index.php/topic,102956.msg784638.html#msg784638 :sweat_smile:

Ok scusate per i post.

ho trovato un alimentatore del mio vecchio router da 12V 1,25A secondo voi può andare.

Subia75: Ok scusate per i post.

ho trovato un alimentatore del mio vecchio router da 12V 1,25A secondo voi può andare.

controlla intanto se è a corrente continua o alternata. 12V possono essere tanti se la corrente richiesta da Arduino è elevata, il regolatore interno scalderebbe parecchio. Hai calcolato quanta corrente ti dovrebbe servire? Ti basta per tutto quanto una tensione di 5V o hai elementi a tensione maggiore?

l'uscita è in continua è solo che avendo trovato questo volevo sfruttarlo senza comprarne uno dedicato ho capito che sarebbe meglio a 9v per riscaldare meno la scheda ma se proprio devo ne prenderò uno proverò a cercare, penso che debba avere almeno 1A per supportare eventuali shield.

Dovresti sapere a priori quanta corrente ti serve, ora 1,25A è già un buon valore, però devi considerare che il limite del regolatore interno di Arduino è 500mA, quindi se usi shield et altro che alla fine ti fanno superare questo valore devi affrontare il problema. Io direi che ti può andare bene questo, senza che spendi soldi per il momento; solo che man mano che lo usi devi cercare di misurare la corrente che eroga; purtroppo l'elevato drop-out farà riscaldare il regolatore interno di Arduino già a 200mA, infatti: W = V*I = 12-5*0,2 = 1,4. Quando avremo dati più precisi sui consumi potremo stabilire se si può lasciare questo o se conviene sostituirlo con un 8-9V.

penso di aver trovato qualche cosa di interessante ribaltando l’armadio delle cose vecchie.
ho trovato l’alimentatore di una docking station di un vecchio pda e riporta 5v 2A potrei usare questa eventualmente alimentando separatamente il relay shield sdoppiando le alimentazioni.
potrebbe essere una buona soluzione definitiva

Subia75: penso di aver trovato qualche cosa di interessante ribaltando l'armadio delle cose vecchie. ho trovato l'alimentatore di una docking station di un vecchio pda e riporta 5v 2A potrei usare questa eventualmente alimentando separatamente il relay shield sdoppiando le alimentazioni. potrebbe essere una buona soluzione definitiva

Direi di sì, usi il 12V (ma potresti usare l'USB, a questo punto) per il solo Arduino ed i 5V 2A per tutto il resto.

penso di essermi spiegato male, pensavo di usare l'alimentatore da 5v 2A per alimentare tutte le schede sdoppiando la sua alimentazione tra arduino e le shield in modo da non far passare tutta la corrente per il 5v di arduino stesso.

Subia75: penso di essermi spiegato male, pensavo di usare l'alimentatore da 5v 2A per alimentare tutte le schede sdoppiando la sua alimentazione tra arduino e le shield in modo da non far passare tutta la corrente per il 5v di arduino stesso.

I 5 V non li puoi applicare ad Arduino perché c'è un diodo e poi il regolatore, e sono richiesti al minimo 6-7volt; l'unico modo sarebbe quello di realizzare un cavo USB per la sola alimentazione.

hai ragione mi confondevo con il funzionamento del pin Vin. pensavo di dare i 5v alla scheda, invece da quel pin prendendo la stessa tensione del plug si può alimentare altre schede che hanno un regolatore di tensione come arduino.

niente vedo di con tutto hardware che mi serve quanto consumo ho e poi vedo di trovare un alimentatore adeguato.

auriol: se ad es. attivi 10 uscite di Arduino contemporaneamente alla corrente Max nominale (40mA) già assorbi 400mA certo non capita tutti i giorni.

L'ATmega328 al massimo può sopportare 200 mA complessivi, il che include la corrente richiesta dal micro per funzionare e quella erogate da i vari GPIO. Sia i 200 mA che i 40 mA non sono valori nominali, sono valori massimi in assoluto, ovvero da evitare, il valore normale consigliato da Atmel è 25 mA per i singoli GPIO e 120-130 mA complessivi, e già in queste condizioni il micro scalda abbastanza.

i 500mA se parliamo solo dell'AT mega 328P bastano ed avanzano il problema sorge con gli Shield o comunque circuiti anche propri che utilizzano la 5V prelevandola dai pin di Arduino o dallo stesso alimentatore, se ci limitiamo esclusivamente ad Arduino 500mA OK ma un Alimentatore da 1A offre un margine elevato di sicurezza e mantiene bassa la sua temperatura di esercizio. Se invece si è smanettoni e si connettono schede accessorie di varia natura (prive di alimentazione autonoma) rimane valido il suggerimento da 1 a 2A. Per la precisione Arduino accetta anche alimentazioni non stabilizzate ma io personalmente non ci penso proprio infatti un alimentatore non stabilizzato da 12V ad es. a vuoto fornisce tensioni che possono raggiungere anche i 17V (12V*1.41) Veff*1.41 = Vmax alla quale il Condensatore di livellamento si carica. E' evidente che lo stress termico a cui è sottoposto lo stabilizzatore interno di Arduino, provocato da un alimentatore non stabilizzato è indiscutibilmente superiore, rispetto a quello provocato da un Alimentatore con stabilizzatore incorporato.E poi 2 stabilizzatori sono meglio di uno. La soluzione comunque è sempre quella e rimane da 1 a 2 A ma se vuoi esagerare puoi salire a piacimento a livello di Amper, ovviamente su V mantieniti a (9V 9-5= 4) 4 Volt di differenziale ai capi del regolatore interno è OK al 100%. A te la decisione, la differenza di prezzo degli alimentatori suggeriti è comunque modesta. Saluti.