Realizzare un prototipo. E super Tecnici

Ciao a tutti,
questo è il mio primo post e mi presento, sono Emanuele, sono di Trieste e sono un appassionato di tutto ciò che è tecnologia.
Attualmente sto finendo un master, e nel prossimo mese vorrei presentare un progetto, e per questo motivo sono venuto su questo forum, per chiedere il vostro "aiuto".

Premetto che non sono un esperto in materia, dunque se scrivo cose errate, correggetemi pure senza problemi, anzi sono qui per imparare.

Piccola descrizione del progetto: Vorrei realizzare un prototipo di una "ciabatta" con integrato dell'hardware che via wi-fi comunicherà o a un sito web, o al mio cellulare i consumi in watt in quel momento, ed eventualmente la possibilità di spegnere o accendere l'apparecchiatura collegata. (Anche se qui andrebbe fatta un'analisi dei costi, perché credo che "pesi" abbastanza il costo di un eventuale relè per accendere e spegnere). Inoltre vorrei realizzare un sistema tipo: http://arduino.cc/blog/2012/05/13/doorbell-alert-system-that-sends-you-a-text-and-a-photo/ dove in funzione di un determinato e impostato precedentemente input tramite dei sensori vari: "Fotodiodo", "Microfono","termostato", etc etc, nel caso in cui si verifichi l'evento mi mandi un'email: "Luce accesa", "Fa freddo in casa", "Il bambino piange"... Etc Etc.

Vorrei prima di tutto chiedere la vostra opinione sull'idea, e poi vorrei trovare qualcuno per realizzare il prototipo, un entusiasta dell'idea sarebbe il massimo. Credo che ci sia un grande potenziale. Sto creando un Team, e mi serve qualcuno di Tecnico, e spero di trovarlo qui. Vorrei inoltre chiedervi in quanto tempo si riuscirebbe a realizzare il tutto.

Grazie mille a tutti per le vostre risposte.

Emanuele.

Ciao e benvenuto.

Premessa:
Mi sembra di parlare con un responsabile dell'area marketing, solo lui è capace di fare certe richieste strampalate. Poi questo a seguito di interazioni più o meno rapide con gli ingegneri comincia ad avere una idea di ciò che è fattibile, di cosa è troppo, di cosa e poco e non aderente alle indagini di mercato. La cosa bella e che il "bastardo" del marketing conosce i suoi polli e gli parla con entusiasmo e trasporto (e il suo mestiere), allora gli ingegneri, sentono quasi il bisogno di non deluderlo, di base lo compatiscono e cercano di farlo raggionare e questo lui lo sa, ma finge di non capire e non raggiona.

Della premessa non devi tenerne conto neanche se il master che stai seguendo riguarda il marketing, la mia era solo una osservazione spontanea che ho voluto esternare.

Piccola descrizione del progetto: Vorrei realizzare un prototipo di una "ciabatta" con integrato dell'hardware che via wi-fi comunicherà o a un sito web, o al mio cellulare i consumi in watt in quel momento, ed eventualmente la possibilità di spegnere o accendere l'apparecchiatura collegata. (Anche se qui andrebbe fatta un'analisi dei costi, perché credo che "pesi" abbastanza il costo di un eventuale relè per accendere e spegnere).

Fermati qua, l'obbiettivo per te deve essere questo, per adesso dimentica la ciabatta che funge da sveglia con integrato tutte le funzionalità domotiche possibili e immaginabili.
Il costo di un relè è irrisorio sia nel casi si utilizzi un rele elettromeccanico che elettronico tipo triac. Ciò che costa è il wi-fi.
La cosa è fattibile con arduino e un modulo o shield wi-fi, nota che fintanto che ci si limita a queste poche funzionalità anche Arduino Uno può andare bene, se vuoi che faccia anche il caffe e ti misuri la temperatura di questo, della casa, e ti informi anche quando souna il campanello la Uno non va più bene e sarebbe meglio puntare sulla board Leonardo o la Mega.

Nota che il risultato non sarebbe un prototipo pre serie, ma un prototipo funzionale che serve solo a dimostrare che la cosa è fattibile a chi è in grado di valutare la fattibilita solo vedendo e sperimentando le funzionalità offerte. Quindi io penso che in due settimane c'è qualcosa di pronto, sempre che nel team ci sia qualcuno che conosca come comunicare con il wi-fi e un ingnegnere elettronico.

Inoltre vorrei realizzare un sistema tipo: Arduino Blog dove in funzione di un determinato e impostato precedentemente input tramite dei sensori vari: "Fotodiodo", "Microfono","termostato", etc etc, nel caso in cui si verifichi l'evento mi mandi un'email: "Luce accesa", "Fa freddo in casa", "Il bambino piange"... Etc Etc.

Qualcosa di quelle che hai detto si può fare, altre richiedono la possibilità di programmare/impostare delle funzionalità della ciabatta tramite un'app sul telefono, per impostare sotto quale temperatura si deve mandare il messagio "Fa freddo in casa" o "La casa va a fuoco" ecc. Banbino piange mi sembra davvero troppo, facciamo finta che non si può fare, a meno che non si associa rumori di varia natura al messagio "Banbino piange".

Ciao.

Ciao, ho replicato questa con arduino, Prodotti relativi a intellilan-u
+/- fa le stesse cose, non ho sviluppato la parte grafica dei log, solo file txt e le paginette web di controllo, ho speso circa 230,00 euro + iva, forse si può risparmiare qualcosa ancora, ma tutto sommato facevo prima a comprarmela già fatta visto che ho circa il 40% di sconto su quel prodotto come installatore ...
oppure questa Prodotti relativi a intellip-ul
Ma sinceramente trovo del tutto inutile, mettere 6-12 prese su una ciabatta nello stesso punto controllate via lan, richieste di mercato nulle, ne ho fatto una perchè me l'ha chiesta un amico per casa sua che la voleva a tutti i costi giocarci :). Mi ha giusto giusto pagato quello che ho speso.

ciao

emanuelecloud:
i consumi in watt in quel momento,

Mi limito a rispondere solo a questa parte in quanto ho realizzato qualcosa del genere
La mia realizzazione la trovi in firma come Energy_Control
Le immagini non sono aggiornate in quanto ho realizzato in questi giorni la misura della tensione di rete per ricavarne poi i watt

Il punto di partenza e' il sensore per misurare le ampere
Io ne ho usato uno un po' strano ma ne trovi anche su RS http://it.rs-online.com/web/p/trasduttori-di-corrente/4995378/
In commercio se ne trovano di apribili con cavetto che termina con un connettore tipo cuffia PC ; secondo me sono una ciofeca

Sempre sull'argomento cerca sul forum il testo "quanto mi costi" dove troverai altri importanti spunti per la misura della corrente ed assorbimento

MauroTec:
La cosa è fattibile con arduino e un modulo o shield wi-fi, nota che fintanto che ci si limita a queste poche funzionalità anche Arduino Uno può andare bene, se vuoi che faccia anche il caffe e ti misuri la temperatura di questo, della casa, e ti informi anche quando souna il campanello la Uno non va più bene e sarebbe meglio puntare sulla board Leonardo o la Mega.

MauroTec sono d' accordo con i suggerimenti che scrivi solo che non posso seguire che la Leonardo é piú potente/prestante della UNO.
Mi spieghi meglio questo ragionamento?
Ciao Uwe

Ciao.
Per il pilotaggio di una ciabatta, puoi guardare il progetto di bigjohnson:

viene controllata via telnet, ma la logica di base è quella.
Il sistema andrà ampliato con i sensori per misurare il consumo, e convertito a wifi (attualmente lavora su rete cablata).

Poi per gestire l'invio di email, puoi guardare qui:
http://arduino.cc/playground/Italiano/Mail

e nel prossimo mese vorrei presentare un progetto

ahahahhahahahahahahahaha.
Non ce la farai mai, solo i pezzi che ordini potrebbero sforare quella data. In più devi fare il circuito, e per farlo stare in una ciabatta deve essere fatto su scheda e magari in SMD... altri soldi che partono (50 circa per la scheda con tempi di produzione/spedizione sul mese, montaggio SMD te lo puoi fare da solo o sono altri 100/200 euro)

ps. non offenderti per la risata, non è fatta con cattiveria.

edit: e non ho tenuto conto dei tempi di montaggio, programmazione, smadonnamenti vari etc etc.

Perchè non ce la fa ? Arduino in 2-3 giorni gli arriva, gli altri pezzi li prende da un negozio di elettronica se ha premura, se poi è un prototipo lo fa su basetta preforata e via.
Il programma che fa tutte quelle cose è un po’ lungo da fare forse è quello che non ti farà finire in tempo

Max 250v -10A su ogni presa, le dimensioni si possono ridurre ancora, sono stato un po’ largo e ho sovradimensionato tutto, un alimentatore troppo piccolo chiuso li dentro scalda molto, meglio un 2A che lavora praticamente a vuoto che un 300ma che lavora a palla. Ci metti un mudulo wifi inveche che lan e il risultato è lo stesso. L’ingegnere elettronico lo puoi anche lasciare a casa, qui ti serve più un perito tecnico che ti dice come rispettare le normative vigenti e dei componenti adatti e come vanno correttamente mescolate parti a 220V con elettronica specie se ci sono parti che si trovano a contatto diretto e indiretto, ti serve un programmatore se dici di non saperlo fare visto che il lavoro più grosso è software.
Ho applicato anche un ricevitore IR con un telecomando universale, giusto per unire più cose nello stesso progetto. Questo prototipo è il primo in realtà ci sono tre versioni successive, continuo a cambiarlo, non finirò mai :slight_smile:

Comunque (mio parere personale si intende) l’wifi non lo digerisco, meno apparati in giro wifi ci sono meglio è… e poi non funzionano mai ti basta un muro un po’ più spesso che sono grane, distanze al chiuso troppo limitate.

ciao

MauroTec:
Ciao e benvenuto.

Premessa:
Mi sembra di parlare con un responsabile dell'area marketing, solo lui è capace di fare certe richieste strampalate. Poi questo a seguito di interazioni più o meno rapide con gli ingegneri comincia ad avere una idea di ciò che è fattibile, di cosa è troppo, di cosa e poco e non aderente alle indagini di mercato. La cosa bella e che il "bastardo" del marketing conosce i suoi polli e gli parla con entusiasmo e trasporto (e il suo mestiere), allora gli ingegneri, sentono quasi il bisogno di non deluderlo, di base lo compatiscono e cercano di farlo raggionare e questo lui lo sa, ma finge di non capire e non raggiona.

Della premessa non devi tenerne conto neanche se il master che stai seguendo riguarda il marketing, la mia era solo una osservazione spontanea che ho voluto esternare.

Grande Mauro,
grazie per il benvenuto. Il master che sto facendo è sul come creare una startup, (giusto per riassumerlo in un paio di parole). Io sono una figura ibrida, formazione tecnico meccanica, ma poi ho sviluppato una componente emozionale, ux, design, architettura. Appassionato di digitale, ma non sono un programmatore.

Nota che il risultato non sarebbe un prototipo pre serie, ma un prototipo funzionale che serve solo a dimostrare che la cosa è fattibile a chi è in grado di valutare la fattibilita solo vedendo e sperimentando le funzionalità offerte. Quindi io penso che in due settimane c'è qualcosa di pronto, sempre che nel team ci sia qualcuno che conosca come comunicare con il wi-fi e un ingnegnere elettronico.

Ok, dunque si realizza prima il prototipo pre serie, e poi si va in china e si chiede: "Mi realizzate il mio prodotto che faccia questo?"

Qualcosa di quelle che hai detto si può fare, altre richiedono la possibilità di programmare/impostare delle funzionalità della ciabatta tramite un'app sul telefono, per impostare sotto quale temperatura si deve mandare il messagio "Fa freddo in casa" o "La casa va a fuoco" ecc. Banbino piange mi sembra davvero troppo, facciamo finta che non si può fare, a meno che non si associa rumori di varia natura al messagio "Banbino piange".

Immaginavo che quella del bambino era un po' border line, ma credevo che bastava mettere un microfono ed impostare un valore di decibel sotto i quali il messaggio non arriva, ma non era importante.

Grazie mille.

Ieri poi cercando sul forum internazionale ho trovato anche: Best Place To buy Tv Stands & Media Storage Furniture | domotichome.net cosa ne pensate?
Ora rispondo anche agli altri messaggi.

e' un italiano :slight_smile:

"formazione tecnico meccanica, ma poi ho sviluppato una componente emozionale, ux, design, architettura"

e che vuol dire? che i tecnici meccanici son dei grezzi ma se studiano architettura hai un meccanico dolce ma effeminato?

per il tuo progetto e' tutto fattibile ma complesso, realizzabile da pochi in questo forum :wink:

@Pablos,
condivido appieno quello che dici, mettere 6 prese assieme mi sembra assurdo.

@Brunol949,
ho cercato "quanto mi costi" e mi è stato molto utile!! Grazie mille, non ho letto tutto, poi dopo pranzo continuo con la lettura. Come dici tu l'importante è il misuratore delle Ampere.

@Pitusso,
Utilissimo!! Come dici tu, bisogna aggiungerci il wifi e il misuratore di consumi.

@Lesto, ma lesto, non significa veloce? Lo so che i tempi sono stretti, ma bisogna crederci e provarci. Per fortuna @Pablos dice che è fattibile la cosa.
Comunque non mi offendo, non preoccuparti, come ho scritto, sono qui per imparare.

@Pablos, le foto che hai postato nella reply n.7, è un tuo lavoro? Si basa sullo schema proposto da @Pitusso?

Discorso wifi, avete visto questo giocattolo: http://electricimp.com/product/

@Testato, poi sono andato a cercare ed ho visto che è un italiano, magari provo a contattarlo.

@Reizel, quello che volevo dire è come tutti i buoni tecnici ho i piedi per terra, ed ho un approccio "tecnico" alla risoluzione dei problemi.

Ti racconto questa storia: "un architetto incontra un ingegnere e gli fa: "Senti ho avuto un'idea fantastica, stavo lavorando ad un progetto per un tavolo, quando ho pensato che ci sono sempre le gambe del tavolo che ti danno fastidio, così ho disegnato un tavolo rettangolare senza le gambe" alché l'ing. lo guarda e gli chiede: "Fantastico, ma come sta in piedi?", e l'arch. risponde: "Ah, non lo so, sei tu l'ingegnere, devi risolvere tu il problema".

@Reizel, dici che è molto complesso?

Grazie.

in linea di massima, per i componenti ha ragione pablos, tranne che per i moduli wifi o RF, dubito che li trovi nel negozio sotto casa, e direi che hackerarli in giro è fuori questione.

poi vorrei sapere la tua capacità di fare circuiti elettrici(e quì ci siamo, credo) e nella programmazione, sia lato PC che lato arduino.

Io credo che farei fatica a stare in quei tempi, eppure non mi reputo un principiante, anzi…

dico che e' molto complesso per essere realizzato in poche settimane, se invece hai 6 mesi credo risolverai qualsiasi cosa tra il tuo lavoro e l'aiuto del forum, poi se c'e' gia' qualcosa da cui prender spunto ancora meglio

l'ingegnere te lo puo' fare pure a levitazione magnetica il tavolo per non avere gambe ma voglio vedere chi gli da i soldi, gli architetti son bravi quando hanno budget enormi... poi ti fanno cose belle ma inutilizzabili come il ponte di calatrava a venezia, bello, ma gli scalini hanno un passo giusto per i muli, non certo per le persone... mah...

@Lesto, mi sa che effettivamente per i moduli wifi i tempi sono un po' più lunghi.

@Reizel, in un mese per me l'importante è avere un prototipo dal quale poi iniziare a sviluppare il tutto, per fare tutto, e bene, sono cosciente che ci vuole più tempo.

@Reizel dai un'occhiata anche a: ZeroN - Levitated Interaction Element on Vimeo sul discorso del tavolo :slight_smile:
Discorso gradini del ponte di Calatrava, mah! Credimi che non me lo spiego, nessun progettista savio avrebbe utilizzato quel passo e quelle alzate.

Scusa ho letto adesso

emanuelecloud:
@Pablos, le foto che hai postato nella reply n.7, è un tuo lavoro? Si basa sullo schema proposto da
Pitusso?

Grazie.

Si è un mio lavoro, non ho usato Ardupower anche se il risultato finale è quello
di pilotare x relè. Nell'elettronica avevo usato i TR che andavano bene, poi ho optato per ULN2003
come ardupower per ridurre il num di componenti e di piste da fare, allontanando nello stesso tempo
componenti elettronici dai contatti 220v.
Non ho più la ciabatta finita, ma ne farò un altra magari migliore ancora, ma ti garantisco che non
ho inventato nulla, trovi tutti i pezzi hardware e software in rete e su questo forum, ci vorrà un
po' di lavoro su qualche modifica di adattamento e legarli insieme, anche perchè li devi comprendere
prima di manipolarli.

Ci ho messo diversi mesi un po' perchè Atmel era a me totalmente sconosciuto, un po' perchè ho
messo dentro molte cose che ho dovuto imparare e sviluppare singolarmente e poi unire tutti i pezzi,
un po' per il tempo che è solo la sera sul tardi.

Le librerie che utilizza sono:

  • Tinywebserver.h ho scelto questa perchè mi permette con facilità di distinquere se la richiesta è tipo POST o GET, mi fa un dettaglio delle richieste con tutti i parametri, è strutturato per fare senza grosse difficoltà un webserver persistente, distingue da solo il tipo di file che viene richiesto dal client analizzando le estensioni modificando automaticamente le risposte, analizza glii http link svincolando l'esecuzione del programma nei vari punti dello sketch con 2 righe.

  • ICMPPing.h Ogni tanto mi fa le verifiche di rete locale pingando il mio gateway e se va bene verifica la connessione internet pingando un ip esterno.

-SD.h per la gestione dei file in read/write web, log di on/off e consumi

-EthernetUdp.h per aggiornare l'orologio da server NTP

-swRTC.h (di Leo72) per un orologio interno "virtuale"

-FileINI.h libreria prelevata in parte perchè quella in rete non era funzionante, il file ini imposta le porte input output i paramentri dei temporizzatori, lo stato iniziale al reset oltre a IP, GATEWAY, MASK, MAC, parametri degli assorbimenti massimi da controllare, elenco IP server NTP da utilizzare se quello di default si trova offline. Il file INI può essere modificato da pagina web

-IRremote.h per utilizzo di un comando locale IR opzionale

-EEprom.h la prima pagina è caricata da eeprom per fare i test e segnalare evuantuali problemi di SDcard
Implementazione del codice di risposta HTTP 401 sulla tinywebserver che è la basic authentication criptata a base64, memorizzazione user e pass
Utilizzo nelle pagine html di javascript - jquery - css

Reset da web per rendere effettive le modifiche delle impostazioni

Implementato in un secondo tempo un condensatore filtro antidisturbo su ciascuna presa, alcuni carichi di tipo alimentatori elettronici mi facevano crashare Arduino all'istante dopo la commutazione di un relè risolto in modo efficace.

Tuttosommato non è difficile da fare ci vuole tempo e pazienza, prove su prove e risolvere un problema alla volta, ognitanto ritornando indietro di molti step che sembravano finiti.

Aggiungere la funzione messaggistica gsm o mail non mi serviva, ma come tutte le altre cose con un po' di voglia e tempo si fa.

Avrei voluto metterci la USB vicino alla ethernet ma non ho trovato un frutto Gewiss con tale presa ... troverò un altro modo
ciao

Immaginavo che quella del bambino era un po’ border line, ma credevo che bastava mettere un microfono ed impostare un valore di decibel sotto i quali il messaggio non arriva, ma non era importante.

Si vabbene, ma potrebbe essere anche il cane che abbaia o il pappagallo o semplicemente un rumore esterno che supera la soglia impostata, diverso è il riconoscimento del pianto tramite mach di campioni acquisiti in digitale che su arduino non si può fare, ma può la nuova Arduino DUE.

MauroTec sono d’ accordo con i suggerimenti che scrivi solo che non posso seguire che la Leonardo é piú potente/prestante della UNO.
Mi spieghi meglio questo ragionamento?
Ciao Uwe

Forse ho dato l’impressione di scegliere la leonardo per la maggiore rapidità di esecuzione, invece l’ho nominata perchè penso abbia qualche pin in più rispetto alla UNO, ma forse mi sbaglio e il numero di pin è identico. Anche la mega ha la stessa velocità di esecuzione della uno ma ha molta più ram e flash, mentre per la leonardo non so se la flash e ram sono paragonabili alla uno.

Ti racconto questa storia: "un architetto incontra un ingegnere e gli fa: “Senti ho avuto un’idea fantastica, stavo lavorando ad un progetto per un tavolo, quando ho pensato che ci sono sempre le gambe del tavolo che ti danno fastidio, così ho disegnato un tavolo rettangolare senza le gambe” alché l’ing. lo guarda e gli chiede: “Fantastico, ma come sta in piedi?”, e l’arch. risponde: “Ah, non lo so, sei tu l’ingegnere, devi risolvere tu il problema”.

Mi torna alla mente una scenetta di un gruppo di cabarettisti palermitani (tre e un quarto) dove l’inventore risponde all’adetto dell’ufficio brevetti così: heeee mica posso inventare tutto io. :stuck_out_tongue:

ciao.

Anche la mega ha la stessa velocità di esecuzione della uno ma ha molta più ram e flash, mentre per la leonardo non so se la flash e ram sono paragonabili alla uno.

la leonardo ha minor flash per via dell'usb, e più ram (sulla carta, nella realtà da vedere per lo stesso motivo della flash)