rilevatore di angolo di barra

Ciao, sono un nuovo iscritto, e chiedo se c'è qualcuno che mi possa aiutare a realizzare un progetto che mi sarebbe molto utile nella mia barca.
Ho la necessità di misurare, anche approssimativamente, l'angolo di barra a cui si trova il timone. Per fare ciò ho una resistenza variabile (da 0 a 190 Ohm) collegata opportunamente al timone. Per far ciò vorrei usare Arduino nano e una serie di 5 led disposti orizzontalmente, così disposti: 1° led verde, 2° led verde, 1 led rosso, 3° led verde, 4° led verde. Il sistema dovrebbe funzionare in questo modo:

Input output
0 -35 Ohm acceso solo 1° led verde
35-70 Ohm acceso solo 2° led verde
70-105 Ohm acceso solo led rosso
105-140 Ohm acceso solo 3° led verde
140-175 Ohm acceso solo 4° led verde

Visto che la resistenza variabile dovrebbe essere messa a circa 5 metri dalla scheda, utilizzare un input gestendolo con la 5 volt credo che si abbia un po troppa dispersione. avete suggerimenti in merito?

Di solito si usa un potenziometro (3 fili), anche se la resistenza variabile (due fili) può essere configurata come potenziometro.

Ti conviene darci un link della "resistenza variabile" che ha anche un valore inusuale.

Riguardo ai 5 metri, non è un problema, magari usando un cavo schermato a due fili + calza.

grazie per aver risposto.
il link del sensore di barra è:

e ha due fili, ossia la resistenza variabile da 0 a 190 ohm. Come faccio a configurarla come potenziometro?

Non capisco perché non usi il suo indicatore che, secondo me, è la scelta migliore:

Comunque, puoi collegare un resistore da 100 ohm su +5V di Arduino ed un morsetto del sensore di barra, mentre l'altro morsetto lo colleghi a massa.

Collegando il morsetto collegato al resistore ad un ingresso analogico (es. A0) ottieni una misura che varia tra circa 90mV e 3.3V.

Come suggerisce cyberhs puoi aggiungere una resistenza fissa e avere un partitore resistivo dove leggi la tensione. Visto che il partitore ha una resistenza abbastanza bassa ( da 100 Ohm a 290 Ohm) si ha una corrente abbastanza alta (da 50mA a 17mA). Questo ha lo svantaggio che una batteria si svuota piú velocemente, ma che il segnale é piú immune a de disturbi perché dovrebbero essere di una discreta potenza per imporre una corrente differente al partitore.

Ciao Uwe

50mA derivati direttamente da un qualunque pin analogico di Arduino lo bruciano. 100 Ohm non bastano, ce ne vogliono almeno 270 in serie al 190. Questo determina una corrente di 18,5 mA, sempre un po’ altina, ma sostenibile.
Ciao,
P.

>pgiagno: guarda che parlano di un partitore resistivo che preleva i +5V dal pin di alimentazione, NON da un pin di Arduino. Con il pin analogico di Arduono misurano il valore di tensione al centro del partitore !

Guglielmo