(Risolto) Progetto mini ups

Etemenanki:
Se la batteria e' al piombo, e gli dai un po meno tensione della massima di carica, finche' rimane sopra i 12.5 / 12.8 V si carica un po meno ed un po piu lentamente, ma si carica lo stesso ... e' a dargliene di piu, che si danneggiano ...

Grazie per avermi tolto il primo dubbio (la batteria è al piombo 12v 10Ah).
E grazie anche a Claudio per avermi tolto il secondo dubbio.
Adesso posso dire che il progetto è completamente funzionante e quindi questo topic è risolto grazie a tutti coloro che mi hanno aiutato!!!
Grazie mille
Enzo

ma come? xxxxxxxxxxxx , solo con
tre diodi ed una resistenza? GGenio! :slight_smile: :slight_smile: :slight_smile:

visto ? poca spesa, tanta resa e tanta soddisfazione e hai imparato pure un po' :confused:

--- evitiamo sfottò, polemiche e provocazioni. grazie. - gpb01

Mi inserisco per chiedervi un dubbio inerente:

Se la batteria anzicchè essere 12V 10Ah fosse 12V 7Ah, dovrei variare solo la R, giusto ?

Sarebbe giusto un valore di 150 Ohm?

Grazie

Zamundo:
Mi inserisco per chiedervi un dubbio inerente:

Se la batteria anzicchè essere 12V 10Ah fosse 12V 7Ah, dovrei variare solo la R, giusto ?

Sarebbe giusto un valore di 150 Ohm?

Grazie

Prima di darti la risposta corretta, vorrei capire che calcolo hai fatto per presumere che basta aumentare la r a 150ohm?

Pensavo di limitare la I max a 600-700mA

Zamundo:
Pensavo di limitare la I max a 600-700mA

se non hai problemi di tempi di ricarica è sempre meglio limitare la corrente.
Dipende sempre da quanta corrente stai utilizzando nello stesso momento.
Ogni batteria può avere una resistenza diversa....non è facile il calcolo.
La cosa ideale è mettere sempre il tester in serie e fare delle prove con diversi valori di resistenze.
Altra soluzione può essere quella di sostituire la resistenza con una lampadina da 12v 5w in questa maniera la corrente si autoregola da sola e quando la batteria è tanto scarica vedrai accendere appena appena il filamento che sta ad indicare che la batteria sta prendendo corrente per ricaricarsi.
Spero ti sia utile.
Ciao
Enzo

Zamundo:
Pensavo di limitare la I max a 600-700mA

Batteria morta = 10.5V
Tensione in arrivo = 13.5V
Differenza = 3V

R = V / I = 3 / 0.7 = 4.3Ω

Si può scegliere una 3.9 o una 4.7, in entrambi i casi da 5W.

Mano a mano che la batteria si carica la differenza si riduce sempre di più fino ad azzerarsi e non passa più corrente (o passa solo quella minima che compensa l'autoscarica).

Claudio_F:
Batteria morta = 10.5V
Tensione in arrivo = 13.5V
Differenza = 3V

R = V / I = 3 / 0.7 = 4.3Ω

Si può scegliere una 3.9 o una 4.7, in entrambi i casi da 5W.

Mano a mano che la batteria si carica la differenza si riduce sempre di più fino ad azzerarsi e non passa più corrente (o passa solo quella minima che compensa l'autoscarica).

Pienamente d'accordo difatti una lampadina a filamento da 12v 5w ha una resistenza di 4,5 ohm e quindi sarebbe perfetto per far autoregolare la corrente che serve alla batteria.

Grazie tantissimo delle risposte.
Solo una cosa non riesco a capire bene:

Per la batteria da 10Ah limitavamo con una R pari a 100 Ohm.
Con una batteria da 7Ah non dovremmo limitare di più ? Mi sono perso ?

Enzo--:
una lampadina a filamento da 12v 5w ha una resistenza di 4,5 ohm

Quando è completamente accesa... qui servirebbe una lampadina 3V 2W

Edit, ho sbagliato, una 12V 5W sono 28.8Ω quando accesa, sottoposta a 3V è molto meno, non l'ho mai misurata :wink:

Claudio_F:
Quando è completamente accesa... qui servirebbe una lampadina 3V 2W

Se la vuole vedere completamente accesa può andare bene se non gli da fastidio la luce.

Zamundo:
Grazie tantissimo delle risposte.
Solo una cosa non riesco a capire bene:

Per la batteria da 10Ah limitavamo con una R pari a 100 Ohm.
Con una batteria da 7Ah non dovremmo limitare di più ? Mi sono perso ?

Cambiano i tempi di ricarica della batteria io ho messo un r da 100 ohm perché il mio progetto prevede che la batteria dovrà alimentare il mio router e arduino per farmi arrivare una notifica quando manca o torna tensione a casa e quindi ho valutato una ricarica lenta. Quindi se in base al tuo progetto usi la batteria spesso, ed hai bisogno che si carichi velocemente devi mettere o una resistenza da 4,5 ohm o una lampadina da 12v 5w se non vuoi vederla illuminare quando passa la corrente per caricare la batteria altrimenti se la vuoi vedere illuminare segui il consiglio di Claudio.
Spero si essere stato abbastanza chiaro!
Enzo

Per il mio progetto le esigenze sono molto simili al tuo (ricarica lenta) quindi pur essendo da 7Ah, anzicchè 10Ah, lascerò la resistenza da 100 Ohm.

Grazie

Zamundo:
Per il mio progetto le esigenze sono molto simili al tuo (ricarica lenta) quindi pur essendo da 7Ah, anzicchè 10Ah, lascerò la resistenza da 100 Ohm.

Grazie

Si esatto :wink:

Rispetto al tuo schema del post 17, ti suggerirei di collegarli in modo diverso (lascia perdere che e’ indicata una batteria NiMh e diodi schottky, la connessione e’ uguale anche per il 12V e diodi normali) …

alim-ard-batt.png

In questo modo hai comunque sempre la batteria che si ricarica come con l’altro schema, ma quando alimenti il tutto da batteria, il positivo passa attraverso un solo diodo, verso il carico, dimezzando la caduta di tensione e permettendoti di sfruttare la batteria un pelo di piu … :wink:

Etemenanki:
Rispetto al tuo schema del post 17, ti suggerirei di collegarli in modo diverso (lascia perdere che e' indicata una batteria NiMh e diodi schottky, la connessione e' uguale anche per il 12V e diodi normali) ...

Ciao, interessante ma la domanda sorge spontanea:
se non uso i diodi schottky ma dei diodi normali non ho più lo stesso amperaggio in uscita che a me serve per alimentare router e arduino con adattatore per esp +esp8266-01

Uhm ... cosa c'entra l'amperaggio ? ... i diodi li scegli tu in base alla corrente che ti serve ... l'unica differenza e' che con diodi al silicio standard la caduta di tensione e' circa 0.8V per ogni diodo, mentre usando degli schottky la caduta e' circa 0.4V per diodo (dipende dal tipo di diodi, comunque e' sempre minore che con diodi silicio standard)

Se invece intendi la tensione, perche' non dovresti averne a sufficenza ? ... rispetto allo schema tuo, dove sia il positivo dell'alimentatore che quello della batteria attraversano due diodi, nel mio sia l'alimentatore che la batteria attraversano un solo diodo verso il carico, quindi la caduta di tensione e' la meta' in entrambi i casi ...

Etemenanki:
Uhm ... cosa c'entra l'amperaggio ? ... i diodi li scegli tu in base alla corrente che ti serve ... l'unica differenza e' che con diodi al silicio standard la caduta di tensione e' circa 0.8V per ogni diodo, mentre usando degli schottky la caduta e' circa 0.4V per diodo (dipende dal tipo di diodi, comunque e' sempre minore che con diodi silicio standard)

Se invece intendi la tensione, perche' non dovresti averne a sufficenza ? ... rispetto allo schema tuo, dove sia il positivo dell'alimentatore che quello della batteria attraversano due diodi, nel mio sia l'alimentatore che la batteria attraversano un solo diodo verso il carico, quindi la caduta di tensione e' la meta' in entrambi i casi ...

Probabilmente mi sono espresso male,
Il mio dubbio è: se usassi per esempio dei diodi in4007 la caduta di tensione se non erro è di 0,20 ma allo stesso tempo non farà passare più di 1 Amper da quello che ho letto nel datasheet.
Quindi se a me servono 1,8 Amper per il router più 700mA circa per arduino e esp8266 non vanno bene o sbaglio?

In effetti mi sembra che tu abbia le idee non molto chiare su correnti e tensioni :wink:

I diodi 1N4007 sono dei normali raddrizzatori al silicio da 1000V 1A di portata, il che significa che al massimo reggono appunto 1000V di tensione ed 1A di corrente, ma non e' che "non fanno passare" piu di 1A. e' solo che facendoci passare dentro piu di 1A massimo, si bruciano ... inoltre, come per tutti gli altri diodi al silicio, la loro caduta interna e' di circa 0.8V (0.7V con una decina di milliampere, che possono arrivare a circa 0.85V con 1A) ...

Se devi farci passare piu di 1A (ma sarebbe meglio dire piu di 800mA circa), meglio scegliere diodi con una portata in corrente piu alta ... ad esempio, sempre usando diodi al silicio, c'e' la serie 1N540* da 3A, i piu comuni credo siano 1N5404, che dovrebbero essere da 400V 3A, piu che sufficenti ... oppure ci sono da 5A, o da 10A, piu grossi, ma se non ti servono piu di un paio di ampere, quelli vanno bene ...

Come alternativa, se ti serve meno caduta di tensione sui diodi, si usano gli schottky, come ad esempio SR3100, da 3A, oppure MBR3100, o SR310, o SR315, o altri simili ...

Grazie mille per la spiegazione ,
Alla fine mi stai confermando che è meglio lasciare i diodi da 5A visto che i diodi in4007 si potrebbero bruciare visto che il carico finale sarà di 2,5A.
Corretto?