Scelta del diodo

Buongiorno ragazzi ... :D 8) Purtroppo ho ancora molti problemi a leggere i datasheet e questo mi blocca un po' .

Ho un diodo "in4007" e vorrei sapere se lo posso inserire in un circuito dove scorrono 5V e 1 Ampere.

Il diodo mi serve solo per accertarmi che la corrente scorra nel verso giusto.

Questo diodo va bene ? Quali sono i valori di Voltaggio e amperaggio che regge questo diodo?

VI ringrazio in anticipo e scusatemi se la domanda è un po banale :cold_sweat:

La serie 1N400x (x va da 1 a 7), e' una serie di comuni diodi rettificatori al silicio ... tutti quanti hanno una portata dichiarata di 1A, e possono dissipare al massimo 1W, che cambia e' solo la massima tensione che possono reggere (dai 100V dell'1N4001 ai 1000V dell'1N4007 ... quindi uno qualsiasi andrebbe bene, per i 5V)

@etemenanki ma ha detto che scorre 5v e 1A dunque sono 5W! ne deve mettere almeno sei in parallelo.

vbextreme:
@etemenanki ma ha detto che scorre 5v e 1A dunque sono 5W! ne deve mettere almeno sei in parallelo.

Quando conduce il 1N4000x presenta ai suoi capi una d.d.p. di circa 0.7V, se scorre 1 Ampere la potenza da dissipare è circa 0.7 W.

e quindi è ininfluente la tensione che applicò? mannaggia!

La potenza la si prende in considerazione in caso la corrente sia un po piu alta ... ma anche nel caso di altri fattori ... comunque si, la potenza dissipata dipende dalla caduta di tensione sul diodo E dalla corrente che lo attraversa.

C'e' da dire pero' che per i diodi rettificatori al silicio, specie per quelli "generici" come la serie 1N400x, pure i costruttori si sbizzarriscono non poco, nei datasheet ... ad esempio, alcuni datasheet danno la caduta a 0.7V misurata ad 1mA, ma seguendo poi i grafici si scopre che ad 1A gia diventa circa 0.9V (il che significa 0.9W ad 1A, fra l'altro, e che cambia pure con la temperatura del diodo) ... poi la corrente di 1A e' data in genere come massima corrente per uso continuo, ma allo stesso tempo ti danno correnti piu alte per minor tempo (ad esempio, per periodi di qualche decina di millisecondi, potresti teoricamente raggiungere la decina di Ampere senza strinarlo, se poi passa abbastanza tempo per farlo raffreddare di nuovo) ... tutti questi dati ricavati dai vari datasheets possono effettivamente trarre in inganno, in alcuni casi, perche' non sono specificati sempre chiaramente (come ad esempio diodes inc, che la sovracorrente, invece che per ampere e millisecondi, la specifica per numero di singole semionde ripetitive, assumendo una semionda come sinusoide della durata di 8.3mS, cosa che pero' viene specificata solo a parte :P :D) ...

C'e' anche da considerare il montaggio ... se sono montati su uno stampato ben fatto, con terminali corti e piste larghe, lo stampato stesso aiuta la dissipazione del calore, quindi per 1A puo bastare un diodo, se invece magari sono assemblati "volanti" o su uno stampato con piazzuole piccole e piste scarse e terminali lunghi, magari e' meglio usarne due in parallelo per 1A, oppure cambiare tipo di diodo ...

bhe che dire, mi sa che in qualche scheda forse ho esagerato con i diodi :grin: per il resto slendida spiegazione.

Perché non usi i diodi Shottky?

Hanno una caduta di tensione inferiore: ad esempio, 1N5817 ad 1A Vf = 0.4 @ 25°C, mentre 1N400x ad 1A Vf = 0.92 @ 25°C

OK perfetto :) .. siete stati molto utili :) ...

Grazie di nuovo :D