Sensore di peso

Salve a tutti ragazzi,
al mio primo approccio con ARDUINO vorrei realizzare un oggetto che rileva quando viene superato un determinato peso (nello specifico quando i panni sporchi arrivano alla quantità ottimale per la lavatrice (6kg)).

Mi servirebbe per l’appunto un sensore che rileva il peso in maniera analogica o digitale.

Ho cercato qualcosa tipo flexiforce ma non so se possono essere adatti.

Che cosa consigliate?

il progetto sarebbe un secchio dei panni sporchi che avvisa con led e un piccolo suono quando c’è da fare la lavatrice senza accumulare i panni.
per adesso funziona tramite azionamento di un pulsante digitale.
se volete posto il codice :slight_smile:

GRAZIE A TUTTI :slight_smile: :slight_smile: :wink: :wink:

ciao, non ne ho mai avuto a che fare, però in ambito industriale so che si usano come "sensori di peso" le celle di carico (load cell). So che gli estensimetri (strain gauge) possono essere utilizzati allo scopo, probabilmente sono la stessa cosa dei flexiforce. Sicuramente una "cosa" che misura una forza, misura certamente una massa. Cmq l'argomento un po' mi interessa, se vuoi ti do una mano

ciao, grazie per la risposta.

queste celle di carico sono progettate anche per pesi esigui?

questo calcola 1, 2, 5, 10, 25 e 50 kg, http://www.aep.it/AEPtransducers/Data_Sheet/TCA.315.R3.pdf mi chiedevo se riesce a individuare anche pesi intermedi (esempio i 6 kg a me necessari).

stavo pensando di progettare una piattaforma mobile "ammortizzata" con piccole molle che, raggiunti i 6kg, potesse azionare meccanicamente un pulsante... ummm :-/ :-/

ehi prova a dare uno sguardo a quelle bilance portatili con molla he usavano una volta i pescatori!

beh dovresti prendere quello che legge fino a 10 kg ma, ho paura che costi un patrimonio! Un'alternativa è costruirsi da soli, non credo sia una cosa impossbile, adesso cerco qualche link per farti vedere come sono fatti. Altre soluzioni possono essere: - usare un flexiforce che si trova già fatto e non costa molto. - si potrebbe smontare una pesapersone o una bilancia simile. - buttarsi sul meccanico

che bello vedere che c'è tanta gente attiva e disposta a rispondere ^^

il sensore flexiforce era la prima cosa a cui ho pensato ma poi non ho trovato quello adatto al mio scopo.. :-/

secondo me devi inventari tu un congegno meccanico che aziona un bottone o simile…

eh si alle brutte sarebbe un sistema di 2 piani con delle molle, azionato con un semplice bottone....

Prova a dare un occhiata qui: http://www.arduino.cc/cgi-bin/yabb2/YaBB.pl?num=1214913780

http://www.arduino.cc/cgi-bin/yabb2/YaBB.pl?num=1238423519

una domanda fuori dal topic specifico, non riesco a capire la funzione di questi sensori inclusi nel kit workshop

1 4,7K Ohm Thermistor 1 70..100K Ohm LDR VT90N2 2 4N35 Optocoupler DIL-6 package 2 Tilt sensor 1 Diode 1n4007 1 MOS Irf540

grazie :) :)

Allora:

  • il termistore PTC da 4,7 kOhm, è praticamente una resistenza che vale 4,7k a 25°C e al crescere della temperatura il valore della resistenza decresce. Sono lineari.
  • Il 70..100K Ohm LDR VT90N2 è una fotoresistenza, cambia il suo valore a seconda dell'intensità della luce.
  • i tilt sensor sono degli interruttori, contengono una pallina di metallo, quando lo muovi e la pallina non fa contatto sui piedini, l'interruttore risulta aperto.
  • il MOS è un transistor, di tipo MOS! lo puoi usare per pilotare carichi che richiendono più corrente di quella che possono erogare i piedini di Arduino.

il termistore PTC da 4,7 kOhm, è praticamente una resistenza che vale 4,7k a 25°C e al crescere della temperatura il valore della resistenza decresce. Sono lineari.

sono fortemente NON lineari

hai ragione uccio, le ptc sono fortemente non lineari. Ho commesso un altro errore, il termistore nel kit è un NTC, anch'esso non lineare. Ha il comportamento di un esponenziale decrescente, il modo di misurazione che puoi utilizzare è quello a partitore resistivo, che già addolcisce la non linearità della curva, e da 0 fino a circa a 80-100°C la puoi considerare senza troppi problemi come lineare. Se poi metti in parallelo alla NTC una resistenza di valore più alto, ma non di troppo, ad esempio 10kOhm ottieni una sorta di linearizzazione ulteriore. Cmq l'equazione caratteristica che ti permette di trovare il valore della resistenza è:

R = Ro*exp^(-B*(1/T - 1/To)) dove Ro=4,7k Ohm e To = 298,15 K (Kelvin, 25°C) T è la temperatura di cui vuoi sapere il valore della resistenza, da esprimere in Kelvin B è una costante, dipende dal tipo, è compresa tra 3000 e 5000.

a tal proposito segnalo un mio articolo su come usare un ptc (termistore) per misurare una temperatura

http://www.stefanomanni.it/arduino/2008/12/17/thermometer/