Sensore di pressione

Salve a tutti,

vorrei realizzare un sistema di controllo della pressione dell’acqua dell’impianto di riscaldamento.

Dopo qualche ricerca, ho acquistato il sensore PCA2-B4VGS, ora dovrei collegarlo alla scheda Arduino Uno ed in qualche modo gestire i valori che il sensore fornisce.

Vedo che ci sono tre fili, + 5, GND, Out, tutto chiaro ma come mi collego e quali valori dovrei aspettarmi?

Allego il foglio informativo del sensore, grazie

PCA2-B4VGS.pdf (107 KB)

In uscita ti dà una tensione da 0.5~4.5V(10~90%) che dovrebbe corrispondere a 0~4bar
Dovresti leggerlo con l'analogRead, però non c'è scritto quanto è la sua risoluzione

Per la realizzazione del progetto vorrei usare i seguenti componenti :

2 valvole a solenoide (a) e (b)

1 sensore pressione (risposta 0-1023 per 0-4 bar)

2 relays (scheda relays per Arduino)

1 Arduino Uno

Lo schema di funzionamento è semplice :

  • pressione di esercizio impostata (1)

  • il sensore rileva la pressione esistente (2)

  • range di tolleranza 5%

  • se (2) è inferiore a (1) + tolleranza, apre la valvola (a) (carico) (eccita il relays (a))

  • se (2) è superiore a (1) + tolleranza, apre la valvola (b) (scarico) (eccita il relays (b))

Data la mia totale inesperienza in merito, confido in un'anima buona che mi possa aiutare, Grazie

Dinamo2016:

  • se (2) è inferiore a (1) + tolleranza, apre la valvola (a) (carico) (eccita il relays (a))

  • se (2) è superiore a (1) + tolleranza, apre la valvola (b) (scarico) (eccita il relays (b))

Data la mia totale inesperienza in merito, confido in un’anima buona che mi possa aiutare, Grazie

Ciao, premesso che l’idraulica per me è un’eresia e che ignoro totalmente come funziona una caldaia, ho notato questo:

se (2) è inferiore a (1) apri la valvola e poi quando la chiudi? E’ molto probabile che se la chiudi quando (2)==(1) il tempo della chiusura per quanto breve farà diventare (2)>(1) e si aprirà la seconda elettrovalvola, e tempo che si chiuda avrai (2)<(1) e avrai di nuovo (a) aperta?

Fai sapere ai più esperti anche di che tipo di elettrovalvole si tratta, così ti possono consigliare quali relé usare…

Io mi chiederei anche la risoluzione di quel sensore..

Le valvole sono del tipo a solenoide (12V=) normalmente chiuse, il sistema deve tenere aperto il relays (5V=) e quindi la valvola sino a che un evento si è realizzato.

Se la pressione è bassa, eccitano il relays e la valvola di carico.
Se la pressione è alta,eccitano il relays e la valvola di scarico.

La pressione da controllare pari a 1.60 bar che corrisponderebbe ad un valore di 410 circa ottenuto dalla lettura del sensore che fornisce il valore massimo pari a 1023 per una pressione di 4 bar.

La tolleranza deve essere pari al +- 5% corrispondente a 389 per il valore minimo e 430 per il valore massimo.

I relays sono quelli montati sulla scheda per Arduino Uno con 4 unità normalmente aperti.

Grazie.

Forse te la cavi con dei semplici if di controllo e qualche variabile

Mi interessa lo schetch anche in formato semplificato, grazie.

Dinamo2016:
Mi interessa lo schetch anche in formato semplificato, grazie.

Dinamo2016: emmm … ti prego poi di considerare che, purtroppo qui NON funziona così … :confused:

… qui nessuno scrive software per conto terzi o realizza schemi su ordinazione, ma si aiuta chi viene qui a correggere/ottimizzare il software che lui scrive o gli schemi che lui realizza :slight_smile:

Se non hai mai sviluppato su Arduino, o hai sviluppato molto poco, puoi cominciare con studiare QUESTO proseguire con QUESTO e/o acquistare qualche buon libro (es. QUESTO) … dopo di che puoi cominciare a scrivere il tuo programma, metterlo qui (… mi raccomando, sempre racchiuso tra i tag CODE che, in fase di edit, ti inserisce il bottone </> … primo a sinistra) e chiedere aiuto sui punti che non ti funzionano o che non capisci.

Guglielmo

Lo sketch sarebbe servito come spunto visto che sono un programmatore di professione, grazie

Io inizierei a controllare un'altra cosa prima ... che tipo di sensore usi ?

Perche' parli di acqua del riscaldamento ... quindi dovresti controllare anche (o meglio, prima) che il sensore che vuoi usare sia adatto a funzionare a contatto con acqua a quelle temperature (non tutti i sensori di pressione funzionano correttamente sopra i 50 gradi)

Dinamo2016:
Lo sketch sarebbe servito come spunto visto che sono un programmatore di professione, grazie

:o :fearful: :fearful: :fearful:

Il sensore di pressione (di tipo ceramico) e le valvole a solenoide sono adatti per lavorare con temperature da 0 a 80°.

Dinamo2016:
Lo sketch sarebbe servito come spunto visto che sono un programmatore di professione, grazie

... se lo fai di professione dovresti sapere che con un po' di ricerche su Google puoi trovare molto di ciò che ti serve.

Condisera che qui la "pappa-pronta" cerchiamo di evitarla e preferiamo che uno si metta li a studiare così da capire ciò che fa ... e, da programmatore, dovresti apprezzare la cosa ! :slight_smile:

Guglielmo

Non voglio fare polemiche, cercavo solo un aiuto per evitare di iniziare da zero, grazie ugualmente.

Posso allegare da qui foto o listati?

Naturalmente SI …
… per le foto, devono risedere su un server e ti serve il link che utilizzi con l’apposita inconcina quando componi il messaggio, per i listati … mi raccomando, in conformità al regolamento, punto 7, racchiusi tra i tag CODE che, in fase di edit, ti inserisce il bottone </> … primo a sinistra.

Guglielmo

Forse è meglio che faccia un nuovo post con il riassunto di quanto vorrei trasmettere come messaggio!

Attenzione, se l'argomento è lo stesso NON lo puoi fare ... in conformità al REGOLAMENTO, punto 13, il cross-posting è proibito !

Se invece si tratta di argomento diverso ... nessun problema ...

Guglielmo

Salve a tutti,

ho assemblato il marchingegno rappresentato nelle due foto allegate, serve ad equilibrare la pressione del liquido usato per il funzionamento di un impianto di riscaldamento.

E’ costituito, oltre ai raccordi in ghisa e manicotti e rubinetti vari, da :

  • 1 sensore di pressione (ceramico per temperature da 0 a 80°)
  • 2 valvole a solenoide (per temperature da 0 a 80°)
  • 1 Arduino Uno
  • 1 scheda per Arduino con 4 relays (ne uso 2)
  • cavi e mammout

L’intento è quello di mantenere la pressione costante senza soffrire o soffrendo poco della formazione di calcare che, normalmente, provoca il blocco delle apparecchiature simili ma meccaniche.

Inoltre voglio controllare il sistema anche da PC anche da remoto, il relativo programma verrebbe scitto in visual basic, c++ o similari.

Ho cominciato oggi a leggere il manuale di programmazione di Arduino, ho scritto qualcosa che pubblico qui sotto :

1 - questo è il mio listato come se dovessi realizzarlo in basic evoluto :

	Pressione = 410		'  valore corrispondente a 1.60 bar	'' const int Pressione = 410;

	Valore = ' valore proveniente dal sensore (0-1023)		'' int Valore = analogRead(A0);

	while Valore < Pressione * 0.95 and Valore > Pressione * 1.10
		select case
			case (Valore < Pressione * 0.95)
			'' eccita il relays di carico 			'' digitalWrite(9, HIGH);

			case (Valore < Pressione * 0.95)
                        '' eccita il relays di scarico			'' digitalWrite(10, HIGH);

			case else
			'' diseccita il relays di carico  	        '' digitalWrite(9, LOW);
                        '' diseccita il relays di scarico               '' digitalWrite(10, LOW);
		end select
	wend

2 - questo è il prototipo di sketch :

const int Pressione = 410;    / valore di pressione corrispondente a 1.60 bar
void setup() {
  pinMode(10, OUTPUT);        / relays di carico
  pinMode(11, OUTPUT);        / relays di scarico 
  Serial.begin(9600);
}

void loop() 
{
  int Valore = analogRead(A0);
  if (Serial.available())
   {
    if (Valore < Pressione * 0.95);
     digitalWrite(10, HIGH);
   }
   {
    if (Valore < Pressione * 1.10);
     digitalWrite(11, HIGH);
   }
}

qui manca qualcosa!

Vorrei sapere se sono sulla strada giusta e cosa potrei fare per completare e migliorare lo sketch.

Vorrei anche, se possibile, implementare il sistema con un display, ne posseggo uno per Arduino con un sacco di pulsantini …

Grazie