Sensore per cronometro altetica

Salve a tutti,
Volevo realizzare un cronometro automatico per i miei allenamenti su pista di atletica leggera.
La partenza avviene tramite un segnale acustico, ma il mio dilemma è sull'arrivo.
Volevo utilizzare un sensore che fosse il più preciso possibile e che tutto il sistema possa stare da un solo lato della pista. Avevo pensato a un sensore a ultrasuoni ma facendo qualche test risulta avere un angolo troppo ampio (50° circa) e una distanza massima di 6 metri contro i 7,2 metri della pista.
L'ideale sarebbe un sistema laser con fotodiodo ma sarei costretto a montare il laser (o uno specchio) dall'altra parte della pista.
Quale sensore mi conviene usare per questo tipo di utilizzo?
Grazie in anticipo

robertocoriglione:
Quale sensore mi conviene usare per questo tipo di utilizzo?

La soluzione più semplice è proprio la barriera ottica.
Più che uno specchio dalla parte opposta devi mettere un fotorilevatore, anzi questa è l'unità principale collegata all'elettronica di conteggio, dalla parte opposta ci sta solo l'emittore luminoso alimentato a batteria così non hai problemi di stendere fili.

Userei una barriera a riflessione completa di catarifrangente facile da istallare.

L'importante è che ti sia sufficiente il tempo max di intervento (10-100ms) buono per apprezzare il centesimo di secondo.

https://www.futurashop.it/index.php?route=product/product&filter_name=barriere+IR&product_id=4158

L'idea era di utilizzare meno batterie possibili visto che dovrò avere un altro apparecchio per poter avviare il conto alla rovescia per il segnale acustico di partenza (un semplice buzzer).
L'idea del catarifrangente mi piace, ma ha bisogno di essere posizionato perfettamente in modo che il raggio laser torni indietro colpendo esattamente il fotodiodo, giusto?
Potrei usare un semplice puntatore laser contro una fotoresitenza...

A proposito del "telecomando" di avvio ho bisogno di una portata di massimo 150mt. Avevo pensato a 2 NRF24L01+ ma non conosco la loro portata massima. Oppure un Xbee HC-06 Bluetooth e utilizzare direttamente il cellulare (cosi da poter ampliare le informazioni mostrate sullo schermo).
Cosa mi consigliate per questa distanza?

Le barriere IR hanno semplicemente un LED (normalmente non Laser) modulato in modo che il Sole od altri sorgenti luminose non possano interferire, abbinato ad fotodiodo.

Il puntamento è più semplice del previsto proprio perché il raggio è diffuso e l'inclinazione è compensata dal catarifrangente (che non un semplice specchio).