Sensore per rilevare vibrazioni/onde sismiche automobili e passo umano

Ciao a tutti, nel mio progetto è necessario rilevare vibrazioni/onde sismiche generate dalle automobili e dal passo umano e per questo sto cercando sensori utili a questo scopo.

Durante un primo approfondimento ho evidenziato queste tipologie: piezoceramico piezoaccelerometro geofono

Secondo voi qual'è il tipo di sensore adatto? Vorrei perseguire anche la strada dell'autocostruzione e quindi volevo chiedervi consigli anche in tal senso.

Mafer

Credo che il geofono sia il sensore più indicato ed anche il più costoso: https://www.futurashop.it/index.php?route=product/product&filter_name=geofono&product_id=6035

Tuttavia, Nuova Elettronica presentò tempo fa un sismografo economico che sfruttava una semplice capsula piezoelettrica.

@Mafer, Ti invitiamo a presentarti (dicci quali conoscenze hai di elettronica e di programmazione) qui: Presentazioni e a leggere il regolamento: Regolamento - qui una serie di schede by xxxPighi per i collegamenti elettronici vari: ABC - Arduino Basic Connections - qui le pinout delle varie schede by xxxPighi: Pinout - qui una serie di link [u]generali[/u] utili: Link Utili

Ciao cyberhs, grazie per la tua risposta e colgo l'occasione per chiederti se secondo te il geofono può essere interrato, se volessimo considerare un auto costruzione , credi si possa tentare?

Ciao nid69ita, provvederò quanto prima.

Mafer

Non sono un esperto, ma so che le onde possono essere sussultorie (oscillazioni verticali) oppure ondulatorie (oscillazioni orizzontali).

Quindi, poiché il geofono in questione ha una massa di 11g che può oscillare di 2mm lungo il suo asse, credo che ne occorrano tre (uno montato verticalmente e gli altri due orizzontalmente rispetto al terreno e perpendicolari tra loro) per avere informazioni sul tipo di onda che li attraversa.

EDIT: questa configurazione a 3 componenti si dice 3-C.

Un contenitore plastico rigido con pareti spesse oppure in alluminio anti corrosione dovrebbe garantire una idonea protezione nel caso di interramento.

L'importante è che i geofoni siano a contatto stretto con le pareti.

Sul datasheet consigliano un ADC da 24 bit per avere la massima precisione.

Ciao cyberhs,
direi un ottimo consiglio :slight_smile:

Sto cercando dei cristalli di quarzo da utilizzare nella costruzione di un geofono piezoelettrico in conformazione
cristallo-piastra-cristallo etc etc.

Non riesco però a trovare un rivenditore, mi sapresti aiutare?
Vorrei poter scegliere lo spessore e/o la forma delle barrette/lamine di quarzo

Credi che posso anche ricavarle/reperire in altro modo?

Grazie
Mafer

Ho trovato questo, ma ci saranno anche dei fornitori italiani. http://www.ebay.it/itm/Trasduttori-Piezoelettrici-3-Misure-differenti-20mm-27mm-e-35mm-/171410407704?pt=LH_DefaultDomain_101&hash=item27e8db4118&_uhb=1

Ciao cyberhs,
benissimo.

Allora direi che la configurazione a 3-C è ottima, mi manca solo capire meglio come poter costruire i geofoni piezoelettrici.

Diciamo che uno schema che ho trovato è questo in allegato.Qui si evidenzia il cristallo piezo (quarzo), proponi di usare un tipo di quelli da te postati?Quelli però sono ceramici credo, mi sbaglio?
Io vorrei invece proprio usare il quarzo a lamine di un certo spessore.Credi sia corretto?

naturalmente per le parti metalliche nessun problema.

Altri contributi sono i benvenuti.
mafer

Un geofono ed un cristallo piezoelettrico hanno caratteristiche elettriche assai diverse tra loro: il primo ha una freq. di risonanza attorno ai 10Hz, mentre il secondo attorno ai 2500Hz.

Quindi il primo va bene così com'è per l'applicazione che intendi fare, mentre per il secondo è necessario diminuire di molto la frequenza di risonanza.

Ecco che un pendolo inverso è la soluzione al problema: montare un'asta metallica di lunghezza opportuna con un piccolo peso alla sommità e l'altro estremo saldato sull'anello esterno del sensore (saldato a sua volta su un supporto rigido).

In questo modo, a parte le oscillazioni sussultorie, dovrebbe rilevare tutte le oscillazioni ondulatorie (avendo due gradi di libertà).