Sensore più emettitore ad infrarossi

Sto realizzando un progettino che richiede l'uso di due sensori ad infrarossi, uno come emettitore e l'altro come ricevitore. Questo "tripwire" dovrà essere attivato e rimanere attivato solo quando qualcosa si interpone tra i due sensori. Non ho trovato nulla in giro per internet che utilizzasse photodiode ( il quale a me serve per la sua bassa latenza) Utilizzo arduino nano , i sensori sono un emettitore Ir e un photodiodo sfh213.

Grazie mille

ThePJshockwave: Non ho trovato nulla in giro per internet che utilizzasse photodiode

Mi sa che ti si è rotto l'internet.

ThePJshockwave: Grazie mille

Di nulla.

ThePJshockwave: Sto realizzando un progettino che richiede l'uso di due sensori ad infrarossi, uno come emettitore e l'altro come ricevitore. Questo "tripwire" dovrà essere attivato e rimanere attivato solo quando qualcosa si interpone tra i due sensori.

Di componenti così ossia con un emettitore LED ed un fotodiodo come ricevitore ce ne sono parecchi (IR o meno) e costano pochi centesimi l'uno, perché non inizi a sperimentare direttamente tu così vedi di persona le basi di questo tipo di sensori? Ad esempio QUESTI. Ci sono ovviamente tantissimi esempi che puoi iniziare a vedere per capire meglio il meccanismo, cerca con Google, ad esempio vedi QUI o QUI per gli infrarossi, o anche soluzioni con altri componenti e metodi (ad esempio QUI o QUI per una soluzione con un laser e fotoresistenza). Ma anche in questo stesso forum se cerchi bene...

Non ho trovato nulla in giro per internet che utilizzasse photodiode ( il quale a me serve per la sua bassa latenza) Utilizzo arduino nano , i sensori sono un emettitore Ir e un photodiodo sfh213.

Quando progetti qualcosa, a meno che non si tratti di componenti costosi, cerca di evitare di farlo partendo dai componenti che hai già perché potrebbero non essere adatti o causarti delle difficoltà di realizzazione.

Qualche domanda:

1) a che distanza si troverebbero il trasmettitore ed il ricevitore? Perché maggiore è la distanza e maggiori sono i problemi (intensità del raggio del trasmettitore, ma anche di puntamento); per dire, un LED IR non lo piloti direttamente con Arduino ma ti serve qualcosa per aumentare la corrente altrimenti trasmette debolmente ed a pochi centimetri di distanza.

2) cosa sarebbe l'ostacolo da rilevare? Una persona? Un oggetto (grande quanto?)?

3) con quale velocità l'ostacolo passa in mezzo al sensore ovvero quanto tempo (minimo e massimo) potrebbe restare nel raggio del sensore?

4) parli di infrarossi, ma questi possono comunque ricevere disturbi ambientali o sono in un ambiente chiuso? Perché per ridurre i disturbi si potrebbe pensare di utilizzare una modulazione del segnale (come per i telecomandi)

5) visto che parli di latenza, hai necessità di una particolare precisione della misurazione, in termini di tempo?

docdoc: Di componenti così ossia con un emettitore LED ed un fotodiodo come ricevitore ce ne sono parecchi (IR o meno) e costano pochi centesimi l'uno ...

Innanzi tutto grazie mille. Risposta alle domande Sto realizzando un treno elettromagnetico a forma toroidale.

1) tra emettitore e rilevatore ci sono 12mm 2) devo rilevare un oggetto di metallo sferico 3) passerà ad una velocità abbastanza elevate questa velocità continuerà a salire ad ogni giro di "pista". Nel sensore passerà da 1 secondo e si ridurrà sino a ms

Arduino dovrà spegnere ed accendere dei solenoidi. Quando la sfera attraversa il sensore e sino a quando il fascio é interrotto Dovrà accendere la bobina e spegnerla quando la spera é passata.

>ThePJshockwave: Quando si quota un post, NON è necessario riportarlo (inutilmente) tutto; bastano poche righe per far capire di cosa si parla ed a cosa ci si riferisce. Gli utenti da device "mobile" ringrazieranno per la cortesia ;)

Guglielmo

P.S.: ... per questa volta ho troncato io il tuo quote.

ThePJshockwave:
Sto realizzando un treno elettromagnetico a forma toroidale.

Ok, mi sfugge perché “a forma toroidale” ma dalle tue risposte assumo che sia una pallina metallica che passa in un binario e attraversa il sensore e che il passaggio serva a dare un impulso per aumentare la sua velocità.

  1. tra emettitore e rilevatore ci sono 12mm

Quindi abbastanza vicini. Vanno bene anche i sensori IR che ti ho linkato secondo me. Ma come dico sempre, “sperimentare è la base”. Prendi la coppia trasmettitore/rilevatore (per ora anche quelli che hai), ovviamente devi metterci quel minimo di circuiteria necessaria (es. vedi QUI)

  1. devo rilevare un oggetto di metallo sferico
  2. passerà ad una velocità abbastanza elevate questa velocità continuerà a salire ad ogni giro di “pista”.
    Nel sensore passerà da 1 secondo e si ridurrà sino a ms

Aspetta, non mi è chiaro… Intanto “si ridurrà sino a ms” intendi “1 ms” oppure “alcuni ms” (hai già una stima se sono 2, 10, 50, 100 ms?). E poi parli della FREQUENZA con la quale la pallina passerà davanti al sensore (ossia ogni giro di pista) oppure, come mi sembra di capire, del TEMPO che la pallina resterà davanti al sensore? Se parliamo di una interruzione di 50 o 100ms credo sia tutto abbastanza possibile, se parliamo di intervalli brevissimi allora la cosa cambia, sia per l’hardware sia per il software.

Se stai facendo un progetto scientifico devi fare un piano altrettanto “scientifico” e quindi pianificare le misure soprattutto in base alle caratteristiche previste del modello. Per cui o cerchi di darci informazioni più precise oppure diventa sempre più difficile darti consigli validi o risolutivi.

In ogni caso ricorda la parola d’ordine: “sperimentare, sperimentare, sperimentare”!

Inizia a farti questo prototipo di sensore, con un programma più semplice possibile ossia che accende un LED quando rileva l’ostacolo e manda su seriale il valore di millis() di ogni evento (per poterli visualizzare sul PC e magari importarli poi su Excel per fare calcoli). Se hai difficoltà a scriverlo, posta qui ciò che sarai riuscito a fare e vediamo insieme di darti una mano.

Una volta pronto il prototipo ed il primo programmino, piazza LED e IR a quella distanza e prova a mano a farci passare in mezzo qualcosa, diciamo un pennarello (per dire una cosa abbastanza larga come la pallina) e vedi l’efficienza della risposta.

Una volta capito cosa e come usare per i sensori, e quindi “tarato” il sistema di rilevamento, allora (e solo allora…) potrai creare il prototipo “definitivo” nel quale però ovviamente poi dovrai sostituire il LED con un attuatore per il solenoide: qui andiamo su un campo di elettronica “pura”, quindi che esula da Arduino, dove da un segnale TTL (5V) con poca corrente (max 30mA) devi riuscire a mandare ad un solenoide la relativa tensione e corrente sufficienti per il suo scopo, e tra l’altro con intervalli di switch molto rapidi con conseguenti problemi classici delle induttanze (spero che tu abbia sufficienti conoscenze di elettronica o qualcuno in grado di aiutarti).

C’è un motivo particolare per cui vuoi usare dei solenoidi per accelerare il “vagone” a spot? Perché, essendo il vagone una sfera metallica, per accelerarlo ti bastano due cavi disposti ad anello e un alimentatore DC. Avresti lo svantaggio di non poter partire da fermo, però.

docdoc: Ok, mi sfugge perché "a forma toroidale" ma dalle tue risposte assumo che sia una pallina metallica che passa in un

Il treno è dentro una ciambella e accelera continuamente comandando i solenoidi con Arduino.

La macchina Tokamak con Arduino?

zoomx: Il treno è dentro una ciambella e accelera continuamente comandando i solenoidi con Arduino.

Quello che conoscevo io non aveva bisogno di nulla, il solenoide a ciambella era un semplice filo di rame, ed il treno era una pila con due magneti al neodimio, come QUESTA.

Per cui non ho ancora capito come sia quella che dice lui (e te), se hai un link per farmi capire magari è più semplice ;)

Lo conosco anche io ma quello non accelera.

Questo sarebbe un acceleratore di palline ferrose i cui magneti sono controllati da Arduino. Per cui gli serve conoscere la posizione della pallina per attivare l'elettromagnete corrispondente fino ai limiti dell'elettronica.

Ne ho visti (in rete) di lineari che in pratica sparano la pallina.

@Standardoil il tokamak non accelera il plasma, serve solo a confinarlo.

Vero, ma vorrei vedere una pallina che passa da 1 a 1000 rpm coma faresti a confinarla... Le forze centrifughe salgono di un fattore un milione...

Standardoil: Vero, ma vorrei vedere una pallina che passa da 1 a 1000 rpm coma faresti a confinarla... Le forze centrifughe salgono di un fattore un milione...

Con semplice "meccanica" già confiniamo bielle di motori che girano a 20k rpm, qualcosa ci si inventerà. E comunque prima risolverei l'elettronica.

zoomx: Questo sarebbe un acceleratore di palline ferrose i cui magneti sono controllati da Arduino.

Il cosiddetto "cannone gauss" ma chiuso su se stesso. Vista la forma del vagone e la circolarità del percorso si raggiungerebbe lo stesso risultato, ma con molto meno sbattimento, con un cannone a rotaia. Cioè la classica railgun. Sono curioso. ::)

zoomx: Questo sarebbe un acceleratore di palline ferrose i cui magneti sono controllati da Arduino. Per cui gli serve conoscere la posizione della pallina per attivare l'elettromagnete corrispondente fino ai limiti dell'elettronica. Ne ho visti (in rete) di lineari che in pratica sparano la pallina.

Appunto, lineari ok, ma "toroidali" cosa significa esattamente? Il "binario" è un toro (diciamo un "tubo chiuso") in plexiglass e quindi ha messo dei solenoidi ossia delle spire attorno al tubo? E poi questo solenoide sarà UNO se ha un sensore solo, e dovrà trovarsi subito dopo il sensore (per cui va attivato non al passaggio della pallina sul sensore, ma pochi ms dopo?).

Insomma, ripeto, se è un progetto, l'OP deve darci le informazioni e specifiche del SUO progetto.

Se non ci sono informazioni perché non le ha, o se le ha ma non le dice, possiamo stare qui a parlare pure di fusione nucleare, ma non se ne esce e non serve a niente...

docdoc: Appunto, lineari ok, ma "toroidali" cosa significa esattamente? Il "binario" è un toro (diciamo un "tubo chiuso") in plexiglass e quindi ha messo dei solenoidi ossia delle spire attorno al tubo?

Si, esatto. O, almeno, questo è quello toroidale fa venire in mente.

Per il resto credo si stia parlando di solo un solenoide per semplicità, poi probabilmente si espande a più sensori/attuatori.