Slider con indicazione di intensità

Ciao a tutti

Mi é stato chiesto di realizzare una controller di tipo slider per un progetto elettronico.

In pratica deve indicare al microcontrollore a cui é collegata la posizione del dito una volta che si tocca la sua superficie.

E fino qui tutto abbastanza semplice. So che ci sono tecnologie capacitive e resistive per fare questo con pro e contro.

La cosa in piu' che viene richiesta é che questo slider oltre a fornire questa informazione dovrebbe poter dare al microcontrollore anche l'informazione di forza applicata.

Faccio un esempio.

Supponiamo che slider abbia range 0-1023 dove se tocco circa al centro al microcontrollore verrà comunicato il valore 512 e spostandomi verso le estremità verranno ritornati valori piu' prossimi a 1023 o a 0 a seconda della direzione. Oltre a questo dovrei avere un valore che mi dice in una certa scala magari sempre 0-1023 il valore della forza applicata con il dito.

Grazie a chi darà suggerimenti

Saluti

Guarda se questo può fare al caso tuo, c'è anche l'esempio con Arduino

Esattamente una cosa del genere.
Grazie mille

fabpolli:
Guarda se questo può fare al caso tuo, c'è anche l'esempio con Arduino

Figo :slight_smile:
Lo terrò presente, anche se non costa pochissimo!

Federico

Si in effetti il costo é piuttosto elevato, soprattutto se si pensa ad avere piu' slider.

Domanda: ma usare invece qualcosa con tecnologia capacitiva?

Da quello che so non dovrebbe essere possibile avere informazione sulla forza applicata, ma credo sia possibile avere informazioni sulla superficie di contatto. Cioè ad esempio oltre alla posizione del dito sullo slider avere anche informazione di "quanto dito" sta premendo.

Non so se mi sono spiegato :slight_smile:

Basterebbe anche un sensore sotto al pannello, che rileva la forza con cui viene premuto. Tanto si presume che si prema in un solo punto per volta.

biccius:
Non so se mi sono spiegato :slight_smile:

Spiegare ti sei spiegato :slight_smile: ma a questo punto chiarisci meglio cosa deve fare il progetto perché altrimenti si tira troppo ad indovinare. La soluzione del "quanto dito" ci sia sullo slider non so se è percorribile, ovvero non so se lo puoi fare senza sborsare ben più di quel che costa il componente proposto prima.
Concordo cnhe cod @Datman, era venuto in mente anche a me di posizionare una cella di carico sotto, ma il loro uso implica sapere come e dove il progetto deve funzionare. Se (come penso) è un mixer avere elementi che si muovono pregiudicherebbe non poco l'estetica e renderebbe abbastanza complesso creare tutta la parte meccanica del progetto, ma per andare oltre aspetto chiarimenti dell'OP

Sarebbe una controller per applicazioni musicali

Si ipotizza fino a 8 slider

Con gli slider si va su e giu come in un mixer e con un'altra azione (non mi é ancora chiaro quale... probabilmente sarà in funzione della tecnologià scelta quindi al momento mi viene da dire forza o movimento laterale del dito) si controlla un altro parametro.

So che ci sono delle controller multi touch capacitive che danno informazioni molto complete, addirittura ti riescono a dire se stai toccando con un pennino o no, se stai usando un guanto e anche quando spessore di dito stai applicando nel contatto. Diciamo però che questa strada non la ritengo praticabile in quanto il costo é troppo elevato.

biccius:
...
So che ci sono delle controller multi touch capacitive ...

... si chiamano touchpad, e le trovi su tutti i notebook :wink:

Scherzi a parte, se l'applicazione fosse su un PC, potresti usarli, ma con arduino la vedo difficile, perche' al novanta percento sono USB ...

L’idea é quella di avere un certo numero di strisce su cui l’utente può andarci sopra con le dita contemporaneamente e usarle come slide.

E fino qui non ci sarebbe nessun problema.

La particolarità é aggiungere un’informazione di intensità di tocco.

L’ipotesi di strisce separate é molto semplice e mi piace molto. Unica pecca é che costa tanto come soluzione.

Quindi l’altra ipotesi era di usare un touch panel capacitivo (area rossa) e limitarlo a software nella lettura delle sole aree di slide (nere). Unica cosa che non so é se ci siano touch panel che siano in grado di gestire multi touch e che abbiano informazioni di intensità multiple.

Io credo di no. O se ci sono comunque hanno prezzi elevati o comunque non hanno interfacce adatte (USB ad esempio)

Si accettano altre proposte.

Per il momento ringrazio.

Mi sembra di ricordare che negli esempi delle librerie per i touch screen della Elegoo sia previsto anche un parametro che misura la pressione esercitata sullo schermo.

Suddividendo lo schermo in tante piccole sezioni e esaminandole in polling dovrebbe essere possibile verificarne il touch e la pressione.

Non so andare oltre.

ciao,
P.

Usando più dita contemporaneamente, il primo problema sarà riuscire a seguire con ognuno il proprio cursore virtuale...

Non ho altre idee rispetto a quanto già proposto, il discorso è che stai cercado di usare una tecnologia "complessa" che giocoforza implica un costo non irrisorio a meno di non scendere a compromessi (Es. le celle di carico) che comunque impilcano un notevole lavoro meccanico anche perché dovresti metterene una (se va bene) o due per slider visto che parli di più dita in contemporanea e anche qui i costi non è che siano proprio banali.
A volte anche cercando di restare nel making si rischia di arrivare al costo del prodotto commerciale (che normalmente funziona meglio comunque) o adirittura di sforarlo. Se lo si fa per passione pura e desiderio di "farcela" allora i soldi non devono rientrane nell'equazione, se invece devi restare entro un budget e/o non è a scopo personale allora il discorso cambia e i soldi purtroppo rientrano in ciò che occorre tenere in considerazione

la glidepoint fa un modello di trackpad spi\i2c, ma piccolo, 6x4.5cm (anche uno piu grande, ma seriale) ... oppure molti di quelli della apple sono spi invece che usb (come al solito loro devono "distinguersi" :stuck_out_tongue: :smiley: ) ... pero' il problema rimane poi la gestione, mi sa ...

Datman:
Usando più dita contemporaneamente, il primo problema sarà riuscire a seguire con ognuno il proprio cursore virtuale...

credo che l'idea sia di usare anulare,medio e indice delle due mani, quindi hai sei dita che controllano.

Credo che sia quasi impossibile dare informazioni di intensità contemporanee su dita diverse però la richiesta va in questo senso.

Anche io ho sollevato dubbi in merito. Probabilmente si andrà in un'altra direzione.

Comunque ringrazio per le segnalazioni.