Stabilizzatore / Regolatore di tensione "fai da te"

dovendo stabilizzare e regolare una tensione alternata, mi sono costruito il classico circuito col ponte raddrizzatore, i condensatori e il regolatore di tensione, tipo questo:

(non considerate i valori indicati nell'immagine)

nel mio caso la tensione in entrata è di 22Vac e quella di uscita è 12Vcc.
da vari articoli e dispense trovati in rete ho optato per questa "configurazione":

  • ponte raddrizzatore a diodi modello W02, monofase 1,5A 200V
  • C1 elettrolitico 2200uF 50V 85°
  • C2 ceramico 100nF 50V
  • stabilizzatore LM7812CV
  • C3 ceramico 100nF 50V
  • C4 elettrolitico 200uF 50V 85°

da un primo test col multimetro diciamo che fa quello che mi aspettavo, ovvero in uscita ho 12Vcc.

prima domanda... anche se ormai l'ho già montato... sono valori ragionevoli?

seconda domanda... prima di collegarlo ad arduino è possibile fare degli altri test per vedere se ci sono residui di alternata o "disturbi" vari?
come strumento ho solo un multimetro...

grazie in anticipo

Beh, non è molto "fai da te", hai semplicemente messo insieme dei pezzi nella maniera normale :). Un conto è se ti fossi costruito il 7812 con uno Zener, ma in realtà hai persino usato un ponte di diodi già fatto :D.

Comunque i valori mi sembrano tutti ragionevoli, ma non sono troppo esperto di queste cose. "Residui di alternata" non ce ne possono essere (altrimenti il raddrizzatore che raddrizzatore sarebbe?). L'unica cosa a cui stare attenti, visto che il salto di tensione è abbastanza grande, è che il regolatore non scaldi troppo. Valuta la cosa (riesci a tenerci un dito appoggiato sopra?) e al limite provvedi ad inserire un dissipatore adeguato.

Altro che dissipatore gli serve, gli ci vorrebbe l'elio liquido.....
Non so' se ci hai fatto caso, ma i 22 Vac raddrizzati diventano più di 30Vcc
e con 30Vcc in ingresso, hai una caduta di tensione di circa 18V.
Ora non sò quanta corrente tu voglia far passare da quel regolatore, ma ricordati la formuletta
P=V*I. dove V e' la tensione di caduta (18V) e I è la corrente che prelevi ( in Amper )
Teoricamente da un 7812 tireresti fuori 1 A, però in questo caso la potenza dissipata è di circa 18W.
Ora, a meno che tu non abiti al polo Nord, senza raffreddatore il 7812 sopporta circa 1 - 1,5W
Con un raffreddatore adeguato può arrivare a 7 - 8W

Diciamo quindi che anche con un'adeguato raffreddatore, più di 200-300 mA non è il caso di prelevarli

@SukkoPera... Per il mio livello in campo elettronico questo é già un gran fai-da-te... :slight_smile: :o :o

@Brunello... Con le formule non sono una cima... Ma ho letto in varie discussioni il problema del calore... Cerco di dissipare un po' e vedo cosa succede. Devo alimentarci un arduino e poco piú... Spero non fonda...

Grazie a entrambi per le risporte

Brunello ha ragione da vendere (a quanto la metti al chilo?) :slight_smile:

Se devi alimentare Arduino, meglio pensare ad un tensione di 9V in entrata sempre per il motivi esposto in precedenza.

Ti conviene usare uno switching step down per portare la tensione DC 30V a 9V.

fratt:
@SukkoPera... Per il mio livello in campo elettronico questo é già un gran fai-da-te... :slight_smile: :o :o

Sì sì, non volevo sminuire l'impresa! Solo che per me "fai-da-te" implica il farsi da soli qualcosa che in alternativa si potrebbe comprare già fatto, ma non mi risulta esista in commercio una scheda/componente che contenga esattamente tutto quel che hai messo nel tuo circuito, per cui il fai-da-te è di fatto imprescindibile, per cui non lo considererei tale. Vabbeh, in ogni caso bravo :).

Riguardo al problema del calore, hai idea di quale debba essere l'assorbimento di ciò che ci andrai a collegare? Tieni conto che non rischi di fondere niente, perché mi pare che gli L78xx abbiano un circuito di sicurezza che li spegne se si scaldano troppo.

il problema è che il tutto è collegato a dell'elettronica già esistente, che viene alimentata con i 22Vac che dicevo... io mi collego a quell'alimentazione per la parte che ho aggiunto...

ho fatto una prima prova senza dissipatore (sottovalutando le avvertenze di Brunello e Sukko...) e dopo meno di 1 minuto il regolatore scottava da non riuscire a toccarlo... e la tensione in uscita non era più a 12Vcc...

allora ho messo un dissipatotre fatto in casa (purtroppo non ne avevo uno vero...) e dopo 15 minuti di accensione è ancora tutto ok, col dissipatore caldo ma non troppo (si riesce tranquillamente a toccare).

come dissipatore ho usato un'aletta di alluminio spesso 4 mm con un profilo a i maiuscola con le grazie (tipo la i maiuscola del times new roman). dimensione totale dell'aletta 40x20 mm...
dite che può bastare?

Usare 2 LM78xx ? Prima un LM7824 (dai circa 30Vcc a 24Vcc) e poi un LM7809 (da 24 a 9) ?

nid69ita:
Usare 2 LM78xx ? Prima un LM7824 (dai circa 30Vcc a 24Vcc) e poi un LM7809 (da 24 a 9) ?

è un'idea, ma in casa avevo solo il 7812... vedo se riesco a procurarmi dell'altro materiale e poi provo.
grazie

Tieni conto che c'e' comunque sempre un bel salto da 24 a 9V. Magari 24->12 un pò meno però... bel salto.
Non sono elettronico, meglio un parere dagli esperti, secondo me.

... e partire da un banale trasformatore da 9V 1A usando poi un 7809 ? ... :wink:

No Etem, lui ha a disposizione 22Vac (30Vdc raddrizzati con ponte) e vuole partire da questo per alimentare Arduino.

ed investire UN euro ed usare uno StepDown

@Brunello in effetti è un’idea… non conoscevo quel coso… mi documento un attimo e poi vedo.

@Sukko

SukkoPera:
Tieni conto che non rischi di fondere niente, perché mi pare che gli L78xx abbiano un circuito di sicurezza che li spegne se si scaldano troppo.

una curiosità… se il 7812 si spegne per sicurezza che succede? non passa più niente o passa la alternata? rischio di fondere l’arduino?

Di preciso non lo so, immagino che si spenga e basta. L’alternata non può passare, cessa di essere tale appena oltre C1/C2, quando arriva al 78xx è già continua.

Ciao, togli componenti inutili :slight_smile:
... fai un raddrizzamento a singola semionda: senz'altro non è il massimo dell'efficenza ma potrebbe risolverti tutto.

Stefano

Non facciamo cazzate di usare un raddrizzatore a una semionda.

Usa un regolatore step down che porta i 30V a 5V per Arduino.

Ciao Uwe

uwefed:
Non facciamo cazzate di usare un raddrizzatore a una semionda.

Anche perché il 7812 vedrà sempre e comunque circa 30V dc in ingresso, con tutti i relativi problemi di potenza da dissipare.

grazie a tutti per le soluzioni proposte.
ovviamente sapevo che la mia non era l'unica possibilità... è solo la prima che mi è venuta in mente e quella che riuscivo a implementare con meno difficoltà...
dopo qualche prova ho visto che il dissipatore artigianale che ho messo regge, quindi direi che per qualche mese sono apposto... se e quando le temperature estive cominceranno a creare problemi vedrò il da farsi.

No, il valore medio della tensione raddrizzata è molto più basso poiché una semionda non viene sfruttata: nel suo caso può essere comodo.... poi che altro problema potrebbe esserci?

X doppia semionda 22x1.41=31v
X singola semionda 22x0,7= 15v

Concordo comunque che un trasformatore adeguato sarebbe meglio, ma già che c'è l'ha....

Stefano