Temporizzare lettura sensore igrometrico

Buongiorno, sono nuovo del Forum, utilizzo arduino ormai da un po di tempo ma avrei bisogno di un vostro gradito suggerimento per quanto riguarda uno sketch che sto affinando.

Ho collegato un igrometro in A0,

vorrei capire da voi quale sia il metodo migliore per far eseguire una lettura temporizzata, in modo da evitare la corrosione dello stesso. Avete suggerimenti?

ciao,

bhe...magari se ci indichi il sensore che stai utilizzando vediamo come lavora...ad ogni modo non penso che "leggere" il sensore lo deteriori...piuttosto ci sono sensori che hanno bisogno di un minimo di tempo per "refreshare" ed inviarti un dato che non sia la copia del precedente.

In qualche altra discussione avevo letto di qualche altro utente che poneva questioni simili su sensori di umidità del terreno... Ma sono così delicati? In ogni caso, per fare quello che chiedi ci sono 2 modi: - uno diciamo da "programmatore" usando millis(), devi capire come funziona, ma poi ti si apre un mondo - uno da "agricoltore" (col massimo rispetto per gli agricoltori) usando delay().

fratt: ... Ma sono così delicati?

fratt ... (metallo + acqua_nel_terreno + corrente_elettrica) = ossidazione_certa ... :grin:

Quindi giusto limitare la massimo il tempo in cui scorre corrente nel sensore ;)

Guglielmo

igrometro per aria o terreno?

Buongiorno a tutti, nel mio progetto leggo il dato da un igrometro: esattamente questo: https://www.dfrobot.com/product-1385.html

Stò sviluppando un automatismo che sia in grado di legere il valore in A0 e a seconda di determinate soglie induca il funzionamento di un sistema di microirrigazione.

Per fare questo ho necessità di una certa stabilità, cosa che non si ottiene con igrometri tradizionali da pochi euro.

Vorrei nello sketch implementare una temporizzazione dell' alimentazione del sensore, in modo che sia in grado di inviare dati per un intervallo (1 ora) e riposi per lo stesso intervallo (1 ora).

Appena ho 2 minuti vedo qualche esempio con millis()

se avete idee già pronte ben venga :) GRAZIEEEE

Frena, quello NON è un sensore resistivo soggetto a corrosione, ma, ed è chiaramente indicato, che è un sensore capacitivo che utilizza una sua scheda di decodifica per generare un segnale analogico leggibile, quindi ... tutti i precedenti discorsi decadono !

Salvo che per ragioni di risparmio energetico, non credo che tu abbia bisogno di accenderlo e spegnerlo.

Guglielmo

In pratica, e' un'oscillatore a frequenza medio-alta realizzato con un 555 cmos, gli "elettrodi" sono in parallelo al condensatore da 470p dell'oscillatore, e l'uscita e' un'integratore RCD, in pratica un diodo che carica un condensatore da 1u in proporzione alla frequenza generata (per cui l'uscita non e' lineare, ma ha una sua curva che andra' poi corretta dallo sketch) ... dato che anche se rivestito di solder, rimane un pezzo di vetronite con delle piste in rame, se si prevede di lasciarlo inserito in terra a lungo, consiglierei un paio di mani di plastivel su tutto quanto, componenti inclusi (connettore escluso ovviamente, a meno che non ci saldiate dei fili al suo posto, in quel caso si possono verniciare anche le saldature dei fili)

@Etemenanki,

chiedo perchè sono ignorante in materia…il sensore linkato è un capacitivo…rivestendo il sensore con il plastivel non subisce alcuna variazione alle proprie caratteristiche per la lettura?

Grazie per la risposta ragazzi. Premetto che purtroppo ho ordinato il sensore da poco e non l'ho ancora testato.

non riesco a capire questo: " (per cui l'uscita non e' lineare, ma ha una sua curva che andra' poi corretta dallo sketch)"

significa che non riceverò un dato proporzionale come i classici sensori?

Ho trovato questo http://www.ebay.it/itm/like/142260732458?chn=ps potrebbe andare??

ORSO: subisce una minima variazione, che comunque non ne impedisce il funzionamento (gia di suo sulle piste c'e' il solder, che e' una vernice, aggiungerne un'altro strato o due poco cambia)

bisiareddu: non e' lineare gia di suo, cioe' , ricevi si un valore proporzionale all'umidita' presente nel terreno, ma varia in modo non lineare in proporzione alla variazione dell'umidita', sta poi a chi lo usa rilevare i valori di quello che considerano secco, umido, eccetera, e realizzare lo sketch in base ad essi ... il sensore di per se non e' uno strumento di misura in grado di darti valori certi e precisi su una scala, si limita a darti una certa tensione che cambia con la variazione dell'umidita' del terreno, come tutti i sensori di quel tipo ...