TRIAC vs SSR per pilotare resistenza 2Kw

Ciao

dovrei controllare un carico resistivo da 2Kw per una applicazione forno/fornace regolando la temperatura dell'elemento riscaldante

Al di la dell'algoritmo di controllo PID con uscita PWM vorrei capire come predisporre il circuito di potenza e mi sono perso nel capire la differenza tra un TRIAC e un SSR...che a mio avviso altro non e' che un TRIAC con un po' di elettronica al contorno (optoisolatore etc..)

fermo restando che non posso usare uscita PWM diretta in quanto frequenza di 490Hz e' troppo elevata, nelle realizzazioni che ho visto con SSR si setta una base tempo di qualche secondo (2-5s) per non sovraccaricare elemento di commutazione e si varia tempo accensione e spegnimento SSR pilotando direttamente con una digitalWrite (high o low)

Posso fare lo stesso con un TRIAC + Optoisolatore? devo stare attento a sincronizzarmi con la sinusoide di rete aggiungendo circuiteria ?
C'e' qualche altra soluzione per un controllo piu' di fino ovvero che mi permetta di "dimmerare" il mio carico resistivo a una frequenza piu' elevata ?

grazie per il supporto
Davide
Davide

Il carico è resistivo, quindi i problemi di corrente di rush sono ridotti. Questo anche se la resistenza è un filo avvolto su un elemento dissipante a mò di bobina (la L è cmq trascurabile).

Il sincronizzare la regolazione con la frequenza di rete è ovvia. La differenza tra TRIAC ed SSR è minima, ma dipende da come è implementato l'SSR. Non tutti i Costruttori usano lo stesso tipo di transistore.

Ti serve un circuito di detection dello zero-crossing e da quello sincronizzi un interrupt che abilita il TRIAC con un tempo variabile sufficiente a darti una riduzione di valore medio che determinerà quanto si scalda l'elemento.

Un SSR con uscita triac non é nient altro che un triac con il circuito di isolazione (optocopler) e di pilotaggio triac incluso in un involucro e sigillato. Il vantaggio del SSR, sopratutto se si usa un modello con i morsetti a vite, é che non devi costruire una schedina dove circolano 230V AC e 8,7A e se é con pilotaggio in continua lo puoi pilotare direttamente con un uscita Arduino.

Visto che un riscaldamento é abbatanza lento nella risposta puoi pilotarlo laciando passare una onda intera (20mS) ogni x onde dell alternata. Per questo pilotaggio non serve neanche una sincronizzazione ma solo un SSR zero crossing e un pilotaggio di multipli di 20mS con pause di multipli di 20mS.

Ciao Uwe

Giusto, quanto suggerito da UWE è ancora più semplice.

Metti un timer in mSec che apre/chiude alla czz l'SSR (meglio se dotato di zero-crossing, ma non strettamente necessario).

Se vuoi fare il sofisticato, usi lo stesso un circuito di zero crossing detection e poi conti quante onde vuoi mandare prima di interrompere.