Un paio di domandine "tecniche"

MatteoG:

D4ng3R92: Non ho nessun nome commerciale o marchio, sono due schedine del cavolo fatte "su misura".

Ma ste schedine le vendi o no? Le compri e le rivendi o no? Le immetti nel mercato o no? Le fornisci a estranei o no? Le regali o no? In ognuno di questi casi deve esserci la marcatura CE che prevede anche il nome del fabbricante o il logo. Se le 2 schedine del cavolo non hanno questi requisiti sono fuori norma. Purtroppo queste (e molte altre) sono le leggi.

Io ho soltanto venduto il sistema e progettato il software. La progettazione e la costruzione dell'hardware l'ha fatto un'altra persona. Quindi ricapitolando: dovrò far stampare sulla scheda il nome di chi l'ha costruita e il marchio CE. Per le altre certificazioni come devo fare? Abbiamo detto che va bene l'autocertificazione, quindi mi farò fare un foglio con scritto.

"Io sottoscritto... bla bla bla dichiaro che il sistema bla bla è conforme alle norme bla bla".

Detto in modo semplice xD

D4ng3R92: Io ho soltanto venduto il sistema e progettato il software. La progettazione e la costruzione dell'hardware l'ha fatto un'altra persona. Quindi ricapitolando: dovrò far stampare sulla scheda il nome di chi l'ha costruita e il marchio CE. Per le altre certificazioni come devo fare? Abbiamo detto che va bene l'autocertificazione, quindi mi farò fare un foglio con scritto.

"Io sottoscritto... bla bla bla dichiaro che il sistema bla bla è conforme alle norme bla bla".

Detto in modo semplice xD

Si, detto in modo semplice. Occhio che come ti dicevo non basta il marchio CE. Ci sono una serie di simboli e diciture da mettere a seconda del prodotto e relative norme (tra le quali, ma non solo, nome del fabbricante o il logo). E occhio che se tu hai venduto il sistema così (cioè comprando un componente certificato-la scheda-, modificandolo aggiungendoci il software e rivendendo) la dichiarazione di conformità la devi rilasciare tu. Diverso sarebbe se compri il sistema (certificato) e lo rivendi tal quale. Sempre in termini semplici. XD

MatteoG:

D4ng3R92: Io ho soltanto venduto il sistema e progettato il software. La progettazione e la costruzione dell'hardware l'ha fatto un'altra persona. Quindi ricapitolando: dovrò far stampare sulla scheda il nome di chi l'ha costruita e il marchio CE. Per le altre certificazioni come devo fare? Abbiamo detto che va bene l'autocertificazione, quindi mi farò fare un foglio con scritto.

"Io sottoscritto... bla bla bla dichiaro che il sistema bla bla è conforme alle norme bla bla".

Detto in modo semplice xD

Si, detto in modo semplice. Occhio che come ti dicevo non basta il marchio CE. Ci sono una serie di simboli e diciture da mettere a seconda del prodotto e relative norme (tra le quali, ma non solo, nome del fabbricante o il logo). E occhio che se tu hai venduto il sistema così (cioè comprando un componente certificato-la scheda-, modificandolo aggiungendoci il software e rivendendo) la dichiarazione di conformità la devi rilasciare tu. Diverso sarebbe se compri il sistema (certificato) e lo rivendi tal quale. Sempre in termini semplici. XD

Questo è già un'altro paio di maniche xD Io ho programmato solamente la parte software sul server. La parte hardware: progettazione, costruzione e montaggio è stata fatta da un'altra persona. Quindi è lui che deve darmi la sua certificazione che l'impianto è a norma giusto? Intanto il progetto è stato montato come "non finito" ( le schede sono ancora su millefori e non è stato collegato niente ).

Sempre in termini semplici. Non è che se io compro una schedina CE, un alimentatore CE, un sacchetto di resistenze CE, assemblo il tutto automaticamente diventa tutto conforme :) non funziona proprio così.

Es: Se compro un interruttore differenziale da 32A 0.03A(CE) ci collego un cavo da 1.5mm tipo N07V-K(CE) una presa da 16A (CE), molto probabilmente il cavo va a fuoco eppure tutti gli elementi sono a norma.

Ora tu vuoi fare una cosa regolare ben fatta, ce ne fossero di persone così, rivolgiti a un ingegnere, ce ne sono una montagna che non fanno niente :) una piccola consulenza può indirizzarti la strada giusta, se in futuro farai altri dispositivi non puoi vivere con questa angoscia

ciao

A questo punto si, dovrò rivolgermi a qualcuno e fare una consulenza. Alla fine penso non guadagnerò niente a fare questo impianto, anzi! Intanto ( per sicurezza ) mi faccio fare l'autocertificazione da chi mi ha costruito l'impianto poi, richiederò una consulenza.

Vi ringrazio :)

Il tuo primo guadagno dev’essere il rimanere estraneo ai fatti, perché in regola con la legge, in caso di problemi. :wink:

leo72: Il tuo primo guadagno dev'essere il rimanere estraneo ai fatti, perché in regola con la legge, in caso di problemi. ;)

In che senso scusa? Non ho capito :)

Ciò che ti abbiamo detto finora. E cioè che la certificazione dev'essere rilasciata da uno abilitato a farlo. Sennò potrei anche scriverla io, che sono tutto fuorché un ingegnere o un perito XD XD Detto questo, chi certifica che una cosa è fatta a regola d'arte non è solo un furbastro che si prende dei soldi per scrivere 2 righe a caso. Quello scritto ha valenza legale e se succede qualcosa a qualcuno.... Chi rilascia certificazioni si assume un sacco di responsabilità.

Ah ok! Si si ho capito! :slight_smile:
Vi ringrazio

leo72: Detto questo, chi certifica che una cosa è fatta a regola d'arte non è solo un furbastro che si prende dei soldi per scrivere 2 righe a caso. Quello scritto ha valenza legale e se succede qualcosa a qualcuno.... Chi rilascia certificazioni si assume un sacco di responsabilità.

Eh sì, confermo... :~