Uso della USB per batteria esterna di backup

Salve a tutti.
Ho un pacco di batterie alcaline (3x1,5) che al multimetro mi danno in totale 5,15v (forse ne aggiungerò un'altra e regolerò la tensione).
Posso tranquillamente tenere sia l'alimentazione sull'ingresso DC e sulla USB giusto?
Dal datasheet della scheda pare che ci sia uno switch che regola in automatico l'ingresso: il principale dovrebbe essere proprio il DC e se questo non c'è passa alla USB, esatto?

Mica c'è conduzione tra i due ingressi?

Buonasera e benvenuto, :slight_smile:
essendo il tuo primo post, nel rispetto del regolamento della sezione Italiana del forum (… punto 13, primo capoverso), ti chiedo cortesemente di presentartiIN QUESTO THREAD (spiegando bene quali conoscenze hai di elettronica e di programmazione ... possibilmente evitando di scrivere solo una riga di saluto) e di leggere con molta attenzione tutto il succitato REGOLAMENTO ... Grazie. :slight_smile:

Guglielmo

P.S.: Ti ricordo che, purtroppo, fino a quando non sarà fatta la presentazione nell’apposito thread, nel rispetto del suddetto regolamento nessuno ti risponderà (eventuali risposte verrebbero cancellate), quindi ti consiglio di farla al più presto. :wink:

Fatto con piacere!
Grazie mille!

¿¿3x1.5 = 5.15 ???, Sicuramente l'hai misurato con batterie nuove e senza carica. Non appena si collega qualcosa, scenderà a 4.5 o meno.
Quella tensione è inammissibile per l'ingresso, servono almeno 6V. Non consiglio l'uso di batterie alcaline, queste, poiché si scaricano, (o richiedono troppa corrente), abbassano drasticamente la loro tensione nominale provocando l'attivazione del "brown out" e il ripristino costante del tuo Arduino. Alla fine avrai un cassetto pieno di batterie al 60% di carica.

In effetti, ma non è un switch, è un diodo.

Se attraverso quel diodo, quando non esiste o è inferiore, la tensione di ingresso viene alimentata dall'USB. E quando la tensione di ingresso è leggermente superiore a quella dell'USB, blocca il flusso di corrente all'USB.

Ti ringrazio per la risposta, semmai allora aggiungo un'altra batteria.
Ti dico la verità, non mi interessa tanto il fatto che si scaricano, dato che l'alimentazione sarà sempre in corrente, e solo e solamente quando andrà via la corrente, magari che ne so, contatore che si stacca per sovraccarico, devono funzionare le batterie, ma giusto il tempo che lo riattacco (cosa che accade di rado). Poi ovviamente se ci sarà mai un black out più lungo è ovvio che si esauriranno facilmente, ma poco importa, le sostituisco semmai dovesse capitare.

Il fatto è che avrei anche una batteria al piombo ma questa è più ingombrante e necessita di mantenitore, dato che mano mano tende a scaricarsi. Ho optato per le alcaline dato che (a meno che non vengono utilizzate) mantengono la carica (o almeno la mantengono nel tempo di più rispetto a quella al piombo che possiedo).

Quale batteria mi consiglieresti?
Inoltre con 6v, così come mi hai suggerito, non c'è il rischio che sovraccarico entrando direttamente nella USB?

Grazie per la tua risposta sei stato gentile.

Questo non suona bene. puoi caricare uno schema di quello che vuoi fare? anche se a mano.

Vediamo... con quei 6v NON SI PUO' alimentarlo tramite usb, quando si parla di valori superiori a 5V va sempre alimentato tramite l'ingresso Jack 5mm o tramite il pin Vin. Se abbiamo 5v ben regolati e stabilizzati, possiamo alimentarlo tramite la porta USB oppure tramite il pin contrassegnato 5V. E non c'è altro modo per nutrirlo

Batterie al litio ricaricabili, (preferisco il tipo 18650)

Dipende se c'è un elemento nel progetto che va ad un altro voltaggio

Buongiorno.
Ciò che intendo fare è questo, ecco l'immagine!

Nell'arduino sono collegati 2 led, un oled ssd1306, e un PIR, tutte cose che funzionano a 5v.
Valore nominale di ogni batteria 1,5v - tensione al multimetro delle 3 pile messe in serie 5,1.

La soluzione della batteria ricaricabile non mi piace sia per una questione di maggiore autoscarica, sia per un fatto che bisogna caricarle ma anche quello switch on off. Non devo essere io manualmente con un apposito switch come quello, ad attivare il backup ma questo deve essere automatico: se c'è alimentazione 9v nel DC è preferita questa, se manca la corrente, l'alimentazione viene presa dal pacco batterie nella USB.

Ho preso in considerazione le alcaline per una questione di autoscarica e ovviamente non necessitano di essere ricaricate. Dureranno poco se vengono utilizzate, ok. Quanto? 5-6 ore? Mi va benissimo, mi serve solo per colmare una mancanza improvvisa di elettricità.

Per come l'ho capita io, l'idea di @gonpezzi è quella di avere un'unica alimentazione che arriva al TP4056 e che poi attraverso le batterie e il DC-DC converter arriva ad arduino.
In pratica arduino funziona sempre "a batteria" e queste batterie vengono sempre tenute in carica dal TP4056. Se manca l'alimentazione da rete arduino continua a funzionare e le batterie saranno sicuramente già cariche perché "sempre" in carica.
Credo che questo sistema "filtri" anche alcuni disturbi che possono arrivare dalla rete.

Il problema del tuo sistema è che con le 3 batterie non hai una tensione stabilizzata da poter utilizzare sul pin 5v. La tensione misurata a vuoto è poco indicativa.
Dovresti partire con più batterie ed entrare sul Vin.
Inoltre c'è da vedere se lo switch automatico tra le 2 alimentazioni è realmente istantaneo.
E infine col tuo sistema non hai un indicatore della carica delle batterie. Prima o poi si scaricano e te ne accorgi solo quando va via la corrente e arduino si spegne (a meno di non cambiarle ogni volta).

Grazie per l'intervento @fratt .
Tenere sempre in carica con il TP4056 quelle batterie 18650 si può senza problemi?
Per le 3 batterie che intendevo utilizzare io se usassi un regolatore di tipo step up per tenere la tensione sempre sui 5v? Oppure ne utilizzo 4 mettendo un regolatore di Step up e step down?

Per il fatto che si possono scaricare senza sapere la carica effettiva hai ragione, ma vabbè, si cambiano ogni tanto o ci misuro la tensione

Credo di sì, ma l'elettronica non è propriamente il mio mestiere... su aspetti più tecnici meglio che aspetti conferma da @gonpezzi.

Tra queste 2 possibilità io sceglierei la seconda, dovrebbe offrire più margine di durata.

Ciao ragazzi. Prima di tutto sono totalmente d'accordo con tutto quanto detto da @fratt, ha perfettamente ragione.
Come ho detto prima, l'USB può essere alimentato solo con 5V, quindi se @ morpheus1990, dovrai utilizzare un modulo step-up o step-down e lì hai un problema, anche se questi moduli consumano qualcosa anche se non lo sono dando potenza all'arduino, poi prima o poi avrai l'alcalino esaurito.

SÌ. Quelle batterie rimangono sempre cariche, la commutazione è istantanea e l'arduino avrà sempre energia. Caro @morpheus1990, l'interruttore e il numero di batterie in quel gruppo sono opzionali, rimuovilo e funzionerà continuamente. (l'immagine è la prima che ho trovato).

Ho utilizzato i due metodi che ho indicato prima e funzionano senza problemi, anche se ultimamente e solo per comodità utilizzo questi moduli:

Che è l'unione del caricatore e del modulo step-up. Questo mega non mancherà mai di energia.


Saluti.

@gonpezzi bellissima questa soluzione di questo modulo!

Grazie opterò per questa, mi consigli il modulo da uno o da due batterie?
Batterie 18650 da 3,3v?

Quello è indifferente, l'importante è la capacità di carica della batteria e l'autonomia che si vuole avere, ad esempio quelle batterie sono 4800 mA che mi da un'autonomia di circa 9 ore a 500 mA di consumo, con una sola batteria. (Scelgo questo consumo perché è il massimo che può dare una scheda arduino, con questa modalità di connessione potrebbe dare di più),

Calcola o misura qual è il consumo del tuo progetto, decidi che autonomia vuoi avere e cerca una buona offerta di 18650 batterie e tutto insieme ti dirà quale modulo usare, altri venditori di Ali hanno anche moduli per 3 e 4 batterie , tu sei quello con tutto questo scegli l'opzione migliore del modulo.
Detto questo, mi piace di più quello con due batterie, e solo perché ha 5 LED sul retro per indicare lo stato di carica a tappe. La batteria singola ha solo un LED rosso e uno blu per indicare se è in carica o ha finito.
Saluti.

Ma lo sai che proprio ora nel cassetto ho trovato due batterie 18650 da 9900mha ognuna? Incredibile, è destino che devo prendere assolutamente questo modulo! :joy:
Grazie mille per tutto!

Due di 9900? , ho chiesto due moduli di 1 batteria. Sicuramente ti verrà in mente un altro progetto in cui puoi usare il secondo.
Saluti.

Vedo che la via è già stata scelta. Comunque un'altra soluzione molto semplice poteva essere un OR a diodi prima del jack usando una batteria da 9V.

78634577358

In passato l'ideale sarebbero state due "piatte" da 4,5V in serie.

Nello schema capisco la funzione "anti-ritorno" dei 2 diodi, ma cos'è che determina quale delle 2 alimentazioni ha la priorità?

Prevale quella che ha, anche di poco, la tensione più elevata.

1 Like

Interessante. Quindi lo schema sarebbe così?

Esatto.