Arduino Cercafase, metodo migliore? sensore Hall? fotores? fotoaccoppiatore?

Salve,
Volevo creare un cercafase con Arduino (una parte di un progetto più ampio).
Per la sicurezza, voglio mantenere isolato la parte in AC dalla parte di Arduino (non posso avere un ingresso di Arduino “connesso” alla parte AC del circuito) quindi ho pensato ad una ipotesi:

  • avvicino un sensore effetto hall al filo, se legge qualcosa, quella e’ la fase perché fase=220V
    neutro=0V;
    ma senza carico, quindi corrente=0A, il sensore Hall non dovrebbe leggere alcun valore vero? (e’ la
    corrente che crea campo magnetico);
    Con carico invece, indipendentemente dal filo che analizzo, avrò sempre corrente che ci passa
    (alternata a 50Hz) quindi leggero’ sempre un valore nel sensore Hall.

Devo avere per ciò un percorso di corrente che dal filo indagato vada verso terra (simile ad un cacciavite cercafase): Se passa corrente significa che ho connesso la fase (nel neutro non passa corrente poiché neutro = 0V = Terra).
Escludo per motivi di sicurezza, il metodo di analizzare la tensione tramite un partitore resistivo che riduca, nel caso sia connesso alla fase, la tensione da 220V a 5V e controllare con un input digitale di Arduino.

Quindi, una soluzione che ho pensato e’;

  • connetto (con una spina) tramite resistenza il filo (vedi immagine allegata cercafase1)
    con una R>=100K la corrente e’ <3mA quindi lontana dai 10mA necessari a fare scattare l’eventuale
    differenziale salvavita.
    A quel punto con il sensore Hall (cercafase2.jpg) vicino al collegamento rilevo passaggio di corrente.
    riesco a rilevare correnti di ~3mA?

Un ulteriore elemento che vorrei aggiungere e’ un fotocopiatore (cercafase3.jpg) per interrompere il circuito quando non lo utilizzo per evitare di avere correnti inutili verso terra.

Altro metodo pensato e’ simile, ma al posto di un sensore Hall, inserisco un LED e, tramite una fotoresistenza (tipo uno fronte all’altro dentro un tubicino) “vedo” se e’ acceso o spento.

Ultimo metodo che ho pensato e’ di mettere un fotoaccoppiatore (cercafase4) in “serie”: se passa corrente nel diodo, il transistor satura e chiude un circuito con pullup (o pulldown) creando un livello logico alto (o basso) per Arduino.
il Problema di questo approccio e’ che, dai datasheet dei principali fotoaccopiatori la Ifwd del diodo e’ >10mA.

E, molto piu’ importante, la Vreverse del diodo e’ ~5V, se ci metto la 220 brucio il diodo.

Chiedo gentilmente un parere, secondo voi, uno do questi metodi possono funzionare?
Qual e’ il migliore?
Mi sto perdendo qualcosa?
Avete provato o studiato altri metodi?

Nelle immagini di circuiti allegati, attaccherei in parallelo tra diodo rettificatore e fotoaccopiatore una capacita’, per rendere il segnare il più possibile un segnale DC, altrimenti ogni semiperiodo quando Vi<0 la corrente che passa sara’ sempre=0A rendendo inutili la misurazione.

Saltate pure la prossima parte, e’ poco interessante e inutile ai fini del quesito.
Un poco di info piu’ generali
Vorrei creare una multipresa controllata con bluetooth con 2 o 3 spine e rispettivi: rele’ e sensori di corrente.
Tramite un display vorrei visulizzare l’ora (RTC) il cosnumo (devo ancora decidere se totale, per ramo o entrambi) e lo stato delle singole uscite.
il discorso del cercafase e’ abbastanza inutile per questa applicazione ma pensavo fosse simpatico avere un messaggio del tipo “Fase-neutro invertiti girare la spina”.
Le spine italiane sono simmetriche e, quindi non importa il verso in cui inserisci la spina.
Lo farei più per un discorso “estetico”: vorrei essere sicuro che i fili marroni con cui connetto i rele’ siano la fase “sempre”.

Grazie in anticipo

cercafase1.jpg

cercafase2.jpg

cercafase3.jpg

cercafase4.png

Solo come commento, prima che Guglielmo chiuda tutto, giustamente UN fracco di superesperti elettricisti, tutti con una caterva di luminose idee Ma nessuno si è ancora accorto che da 23 (ventitre si) anni la tensione di rete è di duecentoetrenta (etrenta, sì) volt? Che sfoggio di conoscenza....

Grazie della risposta, e della precisazione ;) . Ho messo valori di resistenza e corrente approssimativi apposta. ovviamente quando faro' i calcoli dovro' tenere conto della tensione massima che arriva al circuito, ovvero la tensione picco-picco (1.414*230V) e immagino devo considerare un +10% di tolleranza.

Ne approfitto per correggere un altra cosa che ho scritto che e' sbagliata

Danz892: Un ulteriore elemento che vorrei aggiungere e' un fotocopiatore (cercafase3.jpg) per interrompere il circuito quando non lo utilizzo per evitare di avere correnti inutili verso terra.

Se attacco un fotoaccoppiatore per "attivare" o "disattivare" il circuito nel modo mostrato nell'immagine, brucio il transistor di uscita poiche' al Vce in reverse puo' essere max ~70V (datasheet). Quindi, al posto del fotoaccoppiatore, potrei metterci un rele' o un fotoTriac (aperto a suggerimenti).

Nessuno, non puoi fare questa cosa in nessuna maniera Forse, e dico solo forse, se metti una fotoresistenza che legge la luce di un cercafase vero

>Danz892: ... cosa NON ti è chiaro nel punto 15 e seguenti del REGOLAMENTO ?

NON sono ammese discussioni in cui si parla di tensioni superiori alla "bassissima tensione" ... il thread viene chiuso.

Guglielmo