Braccialetto antistatico

Ciao a tutti Mi sono appena arrivati i nuovi ATMega 328 di ricambio ma per paura di danneggiarli ho acquistato anche un braccialetto antistatico, il problema è che non so come usarlo. Ho trovato questa guida http://www.maxder.it/logs/pdf/ESD%20BOOK-Maxder.pdf ma non capisco:

-Delle ciabatte di plastica vanno bene ai piedi? -Dove lo collego se sono su una scrivania di legno con i piedini di plastica (quindi credo sia isolata) e non ho il termosifone accanto? -I ganci della porta parallela (per tenere fermi i cavi) della stampante laser (EPL 6200L) possono andar bene come "terra"?

-Domanda Extra Bonus: ho una ciabbatta "normale italiana" dove sono attaccate delle prese tedesche, hanno solo due innesti, manca la terra? In questo caso la stampante non sarebbe connessa a terra e quindi sarebbe inutile collegarla a tale apparecchio?

Grazie a tutti PS: Nella foto si vede anche un piedino della scrivania (presa da Ikea :) )

flz47655:
ma per paura di danneggiarli ho acquistato anche un braccialetto antistatico, il problema è che non so come usarlo.

Non crearti problemi che non ci sono, prima di toccare componenti elettronici sensibili alla ESD, e gli ATmega sono decisamente robusti sotto questo profilo, basta che tocchi con le mani un cavo (la parte conduttiva) di messa a terra o una parte conduttiva del termosifone e stai pure tranquillo che non fai danni.
Le situazioni realmente pericolose sono con umidità molto bassa e se indossi indumenti che favoriscono la generazione e l’accumulo di elettricità statica, ovvero quando toccando qualcosa che permette di scaricare prendi la “scossa” o comunque avverti il senso di fastidio legato alla scarica elettrica.
Le varie norme di precauzione con bracciali, tappeti, calzature e abbigliamento particolari si mettono in atto in ambienti dove è facile accumulare cariche statiche, p.e. durante il confezionamento dei componenti elettronici, oppure in laboratori dove si utilizzano componenti particolarmente sensibili.

Grazie per la risposta ma ormai ho comprato il braccialetto, male non fa. Le domande sono sempre aperte, rispondete numerosi :)

Ciao

flz47655: Grazie per la risposta ma ormai ho comprato il braccialetto, male non fa.

Il braccialetto deve essere messo a terra, quindi o lo colleghi alla presa di terra dell'impianto elettrico oppure ad un punto conduttivo dell'impianto idraulico, puoi anche allungare il cavo se necessario.

Certo che tutte quelle schuko inserite di crudo in presa standard la terra la fanno svolazzare per aria, sai la polvere! :grin:

Cioe': hai il problema della terra, e poi le shuko sono piantate col martello nella ciabatta? Meno seghe mentali!!!

Ciao,

in piu', rispetto a quanto detto da Astrobeed, potresti avere qualche problema se hai pavimento con la moquette per via della carica elettrostatica che si genera per sfregamento.

Ciao, Marco.

Cambiando tema ma restando in tema: una piccola escursione sulla sicurezza.

Gli apparecchi elettrici sono protetto contro una scossa per l'utilizzatore dato da un danno nel isolazione principale in 3 modi:

Questi accorgimenti devono evitare che l'utilizzatore possa ricevere una scossa in caso di rottura del isolamento principale dei conduttori o qualisasi parte messo sotto tensione:

Classe 1: Le parti metalliche sono colleate al imianto di terra. Le spine di tali apparecchi habbi 2 contatti: Schuko con le alette metalliche esterne oppure quelle italiane con 3 parti metalli sporgenti.

Classe 2: L'apparecchio ha una seconda isolazione oppure l'isolazione principale è rinforzata. Tipicamente gli apparecchi con unvolucro di plastica. Hanno sulla taghetta dati un simboli con 2 quadrati uno messo nel altro.

Classe3: alimentati con una tensione bassa ( batteria o alimentatore esterno).

Se non colleghi la terra di apparecchio di classe 1 (come hai fatto mettendo le Schuko in una ciabatta non adatta) hai interotto il collegamento di terra. Alcune tipologie di apparecchi (PC stampanti ecc con alimentatore switching) hanno un circuito antiradiodisturbo che scarica certe correnti verso terra. Se non c'è collegata la terra rischi di avere corrennti sul involuro metallico con corennti che senti se tocchi con la pelle non protetta da calli (non le mani).

Consiglio: comprati una ciabatta per prese Schuko

Ciao Uwe

Grazie per le risposte mi avete salvato! In effetti usavo quella ciabatta perchè aveva un fusibile contro le sovratensioni però nella mia ignoranza non avevo pensato che le shuko non avevano la terra (però entrano benissimo). :roll_eyes:

Domani rimedio subito e ci metto una ciabatta con interruttore e shuko. 8)

Dopo che avrò sostituito la ciabatta potrò utilizzare la stampante come detto in precedenza come terra?

flz47655: In effetti usavo quella ciabatta perchè aveva un fusibile contro le sovratensioni però nella mia ignoranza non avevo pensato che le shuko non avevano la terra (però entrano benissimo). :roll_eyes:

Entrano ma -di solito- devi spingere nettamente di piu' di quello che e' uso fare con la presa normale italiana...