[OT] 123d circuits

A breve uscirà la nuova gemma della serie 123d : 123d circuit
Oltre ad avere la possibilità di disegnare i circuiti stile fritzing e in modo classico (CAD), ha una interessante funzionalità (a mio parere) di poter simulare i circuit, arduino comrpeso!!
una volta disegnato il circuito e inserito lo sketch il programma emula il funzinamento di Arduino! ovviamente c’è da vedere fino a che punto…
http://blog.123dapp.com/?p=4632&preview=true
Cosa ve ne pare?

Ottimo direi! non conoscevo questo software.

x iscrizione

...credo che il problema di questi tool (ce n'erano già stati, certo non cloud) è il limite intrinseco nella simulazione: ad Arduino puoi attaccare davvero parecchie cose...

La qualitá di una simulazione é sempre quanto giusto simula un sistema. Con l'eletttronica una simulazione usa un sistema elettronico ideale credendo che non ci sono errori o fattori disturbanti che sono fonti di errore non simulate dal simulazione. Arduino é una cosa bella da toccare con la mano e da "giocarci". Usiamolo come tale. Ciao Uwe

oltre al fatto che l'openhardware che senso avrebbe senza l'hardware, quindi mi associo a uwe, c'e' anche da dire che protopizzando su hw credo si faccia molto prima, perche' ogni piccolo rpoblema lo si affronta immediatamente, di certo caricando lo sketch che si ritiene finito da simulazione a reale si troveranno molti piu' problemi di quando si lavora direttamente sull'hardware. E si avranno X bug tutti insieme che sono difficili da beccare, mentre lavorando su hw e compilando e testando di volta in volta ad ogni modifica si gestiscono sequenzialmente i problemi io non ho mai usato un simulatore di un micro, ha piu' senso la simulazione elettronica di circuiti tradizionali, dove magari fare misure prima di mettere mano allhw

Rimango un fan del "fare cose" più che simularle, ma devo dire che ieri lo abbiamo testato ed è molto divertente. Il risultato potete vederlo qui https://www.how.do/guide/123d-circuits-simulator

Ma e' una mia impressione o e' solo online ? ... perche' in quel caso a me pare la classica boiata alla Fantozzi ... (mai, per nessun motivo, usare programmi online ... :P)

howdo: Rimango un fan del "fare cose" più che simularle, ma devo dire che ieri lo abbiamo testato ed è molto divertente. Il risultato potete vederlo qui https://www.how.do/guide/123d-circuits-simulator

Il tutorial è gravemente errato poiché non parla delle resistenze necessarie per i led. Se invece del pin 13 scegliessi un altro pin, attivando il led lo bruceresti, danneggiando irreversibilmente il piedino di Arduino. Questo nella simulazione non c'è ma nella realtà avviene.

Ricorda: Non fare il BORG! La resistenza non è inutile!

volendola dire tutta nemmeno in realta' si brucia, perche' il micro limita a 40mA e probabilmente dura un bel po', sia il led che il micro. Ho fatto dei test distruttivi su led senza resistenza e per giorni interi il micro non si e' rotto. Certo se questo viene letto come la prova che le resistenze non servono allora non va bene :)

ma su dipende molto dal led, i led rossi consumano massimo 20mah

Il tutorial è gravemente errato poiché non parla delle resistenze necessarie per i led. Se invece del pin 13 scegliessi un altro pin, attivando il led lo bruceresti, danneggiando irreversibilmente il piedino di Arduino. Questo nella simulazione non c'è ma nella realtà avviene.

Non è inutile ma manco necessità di vita o morte del piedino ;)

La prima cosa che può partire è il LED, che si brucia perché non c'è resistenza a limitare la corrente che fluisce verso di lui. Si danneggia, e se è molto delicato si brucia. Se si brucia, può accadere che la giunzione si rompa ed interrompa il circuito. Ma se si fonde crea un corto a massa. A quel punto il GPIO del pin salta perché la corrente non trova più freni.

Quindi è sempre meglio semplificare dicendo che il pin si brucia collegando un LED senza resistenza che spiegare tutto quanto: "meglio aver paura che buscarne", si dice dalle mie parti ;)

certo sono discorsi da fare tra di noi non a chi non sa nemmeno cosa e' blink. anche dire che quando va in corto il led la corrente non trova freni e' opinabile, nel senso che il piedino eroga sui 40ma, io ho misurato 39, e si ferma, non gli fa bene, ma non si rompe nell'istante in cui metti in corto l'uscita, non so esattamente come e' fatto internamente il pin, ma una qualche forma di limitazione sui 40mAh li ha.

PaoloP: Il tutorial è gravemente errato poiché non parla delle resistenze necessarie per i led. Se invece del pin 13 scegliessi un altro pin, attivando il led lo bruceresti, danneggiando irreversibilmente il piedino di Arduino. Questo nella simulazione non c'è ma nella realtà avviene.

Ricorda: Non fare il BORG! La resistenza non è inutile!

Anche il Pin 13 non ha resistenza di protezione integrato. Le versioni con RS232 lo avevano ma tutte le versioni Arduino con USB non hanno nessuna resistenza in serie al piedino 13.

Testato: volendola dire tutta nemmeno in realta' si brucia, perche' il micro limita a 40mA ....

Un Pin Arduino NON limita la corrente. La corrente di 40mA é quella che regge il PIN. Per la corrente massima amissibile su un pin si devono considerare anche le limitazoni dei Pin di alimentazione nonche quelli dei gruppi di Pin descritti nel database. Se colleghi un LED a un uscita la corrente é funzione della curva U/I del LED e della resistenza interna del transistor di uscita del Pin e dei collegamenti interni tra i pin di alimentazione e l' uscita. Ho misurato una volta la corrente e ho letto 80mA con un LED rosso. Un correnete troppo alta (Mancanza di resistenza limatrice corrente LED) fa surriscaldare il LED e il circuito interno del ATmega. Non é prevedibile cosa cede per primo, ma di sicuro non arriviamo alla tempo medio tra 2 guasti specificato di produttori (MFT). Inoltre questo un uso del dispositivi fuori dalla specifica anche per brevi temi porta a una modifica delle caratteristiche e percui a un guasto piú probabile.

Madwriter: ma su dipende molto dal led, i led rossi consumano massimo 20mah

Prendendo esempio di un LED generico: Non consumano al massimo 20mA, ma reggono al massimo 20 mA a condizioni ben precise (come una temperatura ambientale specificata). Puoi consumare 2 litri di vino a pasto, ma non é detto che li reggi ;) ;) ;)

Ciao Uwe

mmmm… :roll_eyes:
rifaro’ la prova, ma ripeto a me quando ho fatto questo test, usando un led senza resistenza, mi leggeva 39mA, saro’ stato sfortunato ed usato un led che assorbiva proprio 40mA ? tutto puo’ essere :slight_smile: