pulsante da condividere con più dispositivi

Ciao,
ho una domanda parecchio sciocca da superprofano.

Ho un contatto pulito che devo condividere sia con un dispositivo elettronico (VMC) che con arduino che raspberry. Il contatto pulito è dato dalla chiusura di un relè di un mio impianto domotico e deve essere un contatto a potenziale zero. Il significato della chiusura del contatto (giusto per la cronaca) è l'attivazione della modalità BOOST della VMC.
Arduino quando rileva la pressione del pulsante comanda una serranda aeraulica che chiude il ricircolo della VMC (in boost voglio espellere tutta l'aria, senza farla rientrare in casa). Raspberry invece fa il loggin dell'evento in db + altre operazioni di contorno come il controllo della velocità della VMC con un controllo 0-10V.

E' corretto mettere in parallelo tra tutti i dispositivi i due fili che poi vanno al relè della domotica? Non mi è chiaro infatti se il fatto che il rilevamento della chiusura sulle board avviene cortocircuitando la 3.3V (o 5V) e il GND con il Digital Pin e apposite resistenze (in base al fatto che sia pull-up o pull-down) poi fa si che il contatto che arriva sulla VMC non sia più a potenziale zero. Insomma vorrei evitare di fare pasticci e bruciare qualcosa, in particolare la scheda della VMC.

Qual'è il modo corretto di fare questa cosa? Mi sembra di capire che sia utilizzando un collegamento con resistenze Pull-up e non pull-down in modo che a interruttore aperto sul pin digitale ho la +3.3V (o +5V), mentre a interruttore chiuso ho GND che quindi andando in parallelo agli altri dispositivi non crea problemi mantenendo il tutto a potenziale zero.

Non so se ne ho sparate tante/troppe, sto facendo i primi passi.

Grazie

avevo fatto delle domande su un altro sistema per una serranda, ma non c'entrava col contatto pulito. era sullo sfruttare il NC di un relè per una cosa e la parte NO per un'altra. Alla fine quella cosa li risolta con un relè reed, tra l'altro arrivato ieri :slight_smile:

quindi per quanto brevemente dicevi non posso condividere lo stesso "pulsante" tra più dispositivi? neanche con accorgimenti? mi scoccia infatti sprecare (costose) uscite della domotica per la stessa funzione, solo per chiudere contatti di dispositivi diversi.

grazie per i vs suggerimenti.

grazie per il sembri competente, lo apprezzo anche se lo sono (spero) in altri campi tecnico/informatici, non in elettronica. Avevo infatti anticipato che la domanda era sciocca :frowning:

In generale è che mi piace capire il perché delle cose, prima di usare le soluzioni più ovvie. Sicuramente la soluzione più ovvia qui è che il relè della mia domotica (che non posso avere a più uscite) in realtà comanda un altro relè a 4 uscite e due le uso per un dispositivo (VMC) e altre due per un altro (PLC). Questa è la soluzione semplice, ma che non mi ha fatto fare passi avanti nel capire l'elettronica. Col rischio che poi magari faccio cavolate quando do per scontate delle cose.

Qui comunque è chiaro che (diversamente dalla serranda dove il relè doveva dare i 24V ad un attuatore) devo solo chiudere dei contatti su due dispositivi diversi? giusto per non averti indotto in confusione con una domanda poco chiara.

Mi riesci a spiegare in termini tecnici quali sono i rischi della soluzione con un solo relè che chiude i contatti di più dispositivi? per imparare, la soluzione ovvia ce l'avevo già (come anche per la serranda) :slight_smile:

Insegnatemi a pescare, non datemi un pesce :slight_smile:

Succede che metti in comune degl iingressi che lavorano a tensioni diverse.
In pratica ti ritrovi ad esempio un 5V ( da Arduino ) sull'ingresso della Rasp ( che funziona a 3.3V ).
Vero che detto potenziale passa attraverso una resistenza ( che limita la corrente ) ma è sempre da evitare.

Comunque per risolvere bastano dei diodi o un fotoaccoppiatore

docsavage:
comunque questo non è un formu di elettronica generale (e poi questo sarebbe elettrotecnica, oltretutto)
ergo, non è qui che si può discutere di questo

Infatti ...

... rammento a tutti che questo NON è un forum di elettronica generale, questo è il forum di Arduino.cc dove si fornisce aiuto agli utenti su problematiche che coinvolgono direttamente i collegamenti e la programmazione di Arduino.

Ora, NON mi sembra che si stia parlando di Arduino o che nel progetto sia incluso Arduino, per cui, stando così le cose, debbo chiedere di andare a porre queste domande su un form dedicato a problematiche di elettronica (… esempio QUI) e quindi chiudere il thread.

Guglielmo

Edit: dopo scambio di MP con "blacktek" e relative spiegazioni sul coinvolgimento di Arduino nel progetto ("blacktek" ricordati di sistemare il primo post), il thread viene lasciato aperto.

Guglielmo: solo come informazione, poi fai pure …

blacktek: Fra apparecchiature diverse, SEMPRE usare contatti diversi, ci si risparmiano un bel po di mal di testa, oltre a possibili “fumate con botto e puzzo” e sostituzioni di costosi apparati …

Peraltro, se servono, i rele’ REED non ci sono solo ad un contatto … sono meno diffusi e piu difficili da trovare, perche’ poco usati, ma esistono anche a 2, 3, 4, e recentemente persino a 6 contatti separati (fino a 4 sono comunque ancora abbastanza comuni).

Esempio di rele’ reed a 3 contatti indipendenti:

Buongiorno a tutti.

@Guglielmo: ho editato il primo post indicando che arduino in questa applicazione è coinvolto in quanto leggendo la pressione del pulsante va ad intervenire su un attuatore che chiude una valvola aeraulica a 3 vie che controlla il ricircolo della VMC.

La soluzione di Etemenanki è sicuramente la più affidabile e naturale, ho però voluto aprire questa discussione per didattica e capire le soluzioni alternative con pro e contro e il perchè la soluzione ovvia non funziona.

Avevo intuito che la soluzione ovvia di collegare direttamente il pulsante ai vari PLC non potesse funzionare, questo perchè gli ingressi digitali potrebbero venire sottoposti a tensioni diverse (es 3.3V 5V etc).

Prima domanda accademica: se queste tensioni fossero tutte uguali potrebbe funzionare?

Mi è chiaro che il sistema deve essere Pull-up, collegandoci altrimenti un contatto verso massa non funziona.

Anche se l'ho intuita mi spiegate un pochino meglio in dettaglio la soluzione con i diodi? il concetto è che impedisce il flusso di corrente dal contatto a uno dei 3 dispositivi e quindi evita che ad esempio arrivi una tensione di 5V su un dispositivo che sta funzionando a 3.3V?

Grazie per la pazienza :slight_smile:

docsavage:
il moderatore acconsente?

... beh, dato che comunque in tutto il progetto, come "blacktek" ci ha spiegato, è coinvolto Arduino, direi che qualche spiegazione di "elettronica" ci può stare :wink:

Guglielmo

In quei casi e' da tenere in considerazione anche un'altro fatto (piu di uno, in realta'), oltre alle alimentazioni diverse dei vari dispositivi ... e cioe' ... cosa succederebbe se, ad esempio, pur essendo tutti e tre i dispositivi alimentati alla stessa tensione e con le masse in comune, uno dei tre dispositivi chiudesse il pulsante verso massa, il secondo lo chiudesse verso il positivo, e magari il terzo leggesse i pulsanti "a matrice" con una scansione sua interna, o con una rete resistiva ed in analogico ? ... dire "un macello" non rende in pieno l'idea :wink:

Tre contatti indipendenti e galvanicamente isolati fra loro, e si evita qualsiasi problema ... :slight_smile:

Ok, Etemenanki mi ha convinto, ma voglio fare l’esperimento di docsavage.

Il collegamento che intendi fare è come questo?
Immagine 3.gif

Senza diodi non rischio di bruciare la lampadina a 3V?

ps come si fa a caricare un’immagine da disco mettendola nel messaggio e non come allegato?

blacktek:
ps come si fa a caricare un'immagine da disco mettendola nel messaggio e non come allegato?

Non si può, la devi prima scaricare su un qualche sito dove puoi mettere foto e poi puoi mettere l'immagine tramite l'apposito bottone in cui specifichi il link dove essa è.

Guglielmo

Oppure, come alternativa, prima la alleghi, poi dopo il post clicchi sul link dell'allegato -> copia indirizzo -> fai quick edit e metti l'indirizzo copiato nei tag img ... :wink:

ci sono riuscito, grazie dei suggerimenti, riallego l’immagine per capire se docsavage intendesse questo:
Immagine 3.gif

grazie :slight_smile:

mi fa piacere essere arrivato alla prima soluzione più ovvia senza rischi, ma avendo capito la logica di quel che c'è dietro.

siete stati tutti molto gentili e cortesi.

fermo restante che adotterò una soluzione a relé a 2 o 3 contatti ho visto che ce ne sono molti reed come ne ho già alcuni. ce ne sono a buon prezzo anche con morsettiera a vite sotto? o voi normalmente andate con piedini e saldatore? non penso usate le prolunghine con la femmina.

grazie