USB e disturbi

Ciao a tutti, ho realizzato un progetto molto semplice con UNO R3 in cui gestisco dei rele' con carichi a 230V, la classica ciabatta controllata USB insomma.

Per cercare di ridurre i disturbo sono partito separando in due contenitori diversi, da una parte arduino e dall'altra i rele'.

Gli 8 rele' (primo livello di isolamento) sono quelli azzurri montati sulla classica scheda blu con diodi di ricircolo e fotoaccoppiatori (secondo livello).

Sui connettori dei rele' ho connesso insieme ai carichi enormi snubber da 47ohm e 100nF X2.

I fotoaccoppiatori vengono pilotati da un GPIO expander I2C di microchip, collegato ad arduino nell'altro contenitore tramite un cavo audio con jack 3.5mm, nel cavo passa una riferimento comune SCL ed SDA.

Il contenitore rele' si autoalimenta con, montato al suo interno, un piccolo switching isolato da 5V.

Nel contenitore di arduino ho inserito un isolatore I2C di analog (terzo livello), e da qui vado ad arduino.

Il contenitore arduino comunica con il pc tramite un isolatore USB (quarto livello).

Ricapitolando, switching isolato, rele', fotoaccoppiatore, isolatore i2c, isolatore usb, pc, switching isolato.

Praticamente ogni circuito e' flottante, sono andato per gradi ovviamente, cercando di volta in volta di migliorare un problema fastidioso, la disconnessione della porta com probabilmente causato da un disturbo arrecato al programmatore on board di arduino uno r3.

Non ero mai riuscito a risolvere definitivamente il problema, finche'...
ho preso una breakout board del FTDI232, ho tolto tutti gli isolatori ed ora la porta com e' connessa da giorni, ed io sono stracontento.

Mi chiedo, perche' hanno dovuto mettere un micro? FTDI non andava bene?
Da qualche parte nel forum in inglese ho letto che altri lamentano problemi simili, ad alcuni rispondono che arduino e' fatto per essere semplice da usare, non affidabile. Cosa c'e' di piu' semplice di un FTDI?
Usare un micro per programmare un micro non e' una complicazione?
e poi, semplice da usare per fare cosa? se per eccitare un rele' devo spendere mesi di prove, solo per trovare una breakout board con l'adum3260 ci ho messo due settimane.

Scusate lo sfogo

flussoincrociato:
Ciao a tutti, ho realizzato un progetto molto semplice con UNO R3 in cui gestisco dei rele' con carichi a 230V, la classica ciabatta controllata USB insomma.

Buongiorno,
essendo il tuo primo post nella sezione di lingua Italiana del forum, nel rispetto del regolamento di detta sezione (… punto 13, primo capoverso), ti chiedo cortesemente di presentarti IN QUESTO THREAD (spiegando bene quali conoscenze hai di elettronica e di programmazione ... possibilmente evitando di scrivere solo una riga di saluto) e di leggere con MOLTA attenzione il su citato REGOLAMENTO ...

... poi, purtroppo, proprio per il punto 15 (e seguenti) di detto regolamento, NON sono tollerate discussioni in cui si parla di tensioni oltre la "bassissima tensione" per cui, parlando tu di cose alimentate a 230VAC debbo, come sempre in questi casi, chiudere il tuo thread. Mi spiace. :confused:

Guglielmo