Circuito pilotaggio elettrocalamite

Ciao a tutti! Chiedo l'aiuto dei più esperti per venire a capo del mio quesito: Ho assolutamente bisogno di creare un circuito per poter accendere e spegnere due coppie di elettrocalamite, comandate dalla ricevente di un radiocomando da modellismo, mi spiego:

Inizialmente utilizzavo un servocomando comandato direttamente dalla ricevente che, ruotando a destra o sinistra mi andava a premere due micro pulsanti che chiudendo il circuito azionava le suddette coppie di calamite; abbandonato in quanto i micro pulsanti dopo svariate ore di utilizzo diventavano inutilizzabili (forse a causa dei 10Ah di corrente proveniente dalla batteria) successivamente ho trovato un componente digitale da sostituire al servo, ma purtroppo supportava massimo 5,3 A di corrente; scartata anche lui. in ultimo ho creato io una scheda cannibalizzando l'elettronica di un servo che eccitava due relè da 5v 10A, ma non sono del tutto soddisfatto, in quanto l'elettronica del servo è "progressiva" cioè la corrente in uscita aumenta fino al massimo della sua capacità quando la leva del radiocomando è totalmente inclinata a destra o sinistra; Ora, chiedo a voi se sia possibile utilizzare DUE mosfet (tipo dei BUZZ11 che sopportano 50v 30A) al posto dei relè, e un circuito per pilotarli un po più appropriato, in modo che possa accendere le elettrocalamite di destra spostando la leva del radiocomando a destra e spegnerle una volta che la leva torna al centro, viceversa accendere le elettrocalamite di sinistra spostando la leva della radio a sinistra, e spegnerle nuovamente tornando al centro con la leva. Scusate il mio dilungarmi ma era megliuo spiegare tutto, grazie a chi verrà in mio aiuto!

Alessandro

Ciao,
essendo il tuo primo post, ti chiederei cortesemente di presentarti QUI (spiegando bene quali conoscenze hai di elettronica e di programmazione … possibilmente evitando di scrivere solo una riga di saluto) e di leggere con attenzione il REGOLAMENTO … Grazie.

Guglielmo

Se proprio devi usare il servo, potresti collegare al suo braccio un piccolo magnete che ecciti due piccoli interruttori reed collegati a loro volta ai due MOSFET canale N in configurazione a source comune.

Ricordati di inserire due diodi da almeno 5A in antiparallelo alle bobine o, meglio ancora, due TVS monodirezionali da 12V.

Se vuoi, ti posso fornire uno schema.

Ciao, tanta corrente e per di più su carichi induttivi: per stare tranquillo 2 teleruttori ti garantiscono affidabilità!

http://www.maffucci.it/2013/10/09/pilotaggio-di-un-teleruttore-di-potenza-mediante-arduino/

Maffucci ha costruito il circuito a relè ma volendo c'è già fatto:

http://www.robotshop.com/en/is-relay-shield-arduino.html

Stefano

Uhm ... ma se usavi un servo, il tutto e' su qualcosa di piccolo o dove ci sono problemi di spazio ? ... o era solo per comodita' perche' avevi il segnale del servo gia pronto ?

Secondo me vuole togliere il servo …
potresti usare un attiny, o se vuoi qualcosa di già pronto ad esempio una promini, micro, nano, insomma una Arduino in formato ridotto
Leggi su un pin la durata dell’impulso PPM che arriva dal ricevitore . Và da circa 1000µS a 2000µS, con 1500µS in posizione centrale. Ma questi valori (Min-Max) possono variare a seconda del produttore.

Un circuito di pilotaggio potrebbe essere questo

ed un esempio di sketch basilare

#define rx_inp 2 // pin ingresso dalla ricevente
#define uscita_1 3 // pin uscita prima elettrocalamita
#define uscita_2 4  // pin uscita seconda elettrocalamita
unsigned long lettura ;

void setup()
{
  pinMode(rx_inp, INPUT);
  pinMode(uscita_1, OUTPUT);
  pinMode(uscita_1, OUTPUT);
}

void loop()
{
  lettura = pulseIn(rx_inp, HIGH); // legge la durata del'impulso

  if (lettura > 1700)    {
    digitalWrite(uscita_1, HIGH);
  }
  if (lettura < 1100)    {
    digitalWrite(uscita_2, HIGH);
  }
  if (lettura >= 1100  && lettura <= 1700 )
  {
    digitalWrite(uscita_1, LOW);
    digitalWrite(uscita_2, LOW);
  }
}

Eh già… il ricevitore è proporzionale e con un arduino va a discriminare l’ON/OFF (che so, OFF sotto il 50% altrimenti ON) così si toglie servo ed elettromeccanica…

Se usi i rele’, puoi limitarti ad usare i due NPN senza il resto, come nello schema allegato (i diodi in serie alle basi introducono un limite minimo, cosi non scatta appena sfiori il comando … inoltre il potenziometro lo puoi sostituire con un trimmer se vuoi settare un diverso punto di “zero” ;))

Grazie Ragazzi!! Scusate il ritardo ma ho avuto di che studiare :-P Rispondo al primo messaggio: Ciao gpb01 mi sono gia presentato nell'apposita sezione! ;-) sono in regola :-D Per gli altri ragazzi... la base di tutto era quella di eliminare totalmente qualcosa di meccanio ed avere tutto in formato digitale, niente cose da costruire o altro... tutto elettronico mi piacerebbe di più... Ad ogni modo, io non ho le conoscienze per creare questi circuiti purtroppo... esiste qualcosa di semplice e magari gia fatto in commercio??GRAZIE A TUTTI!!!!

Quindi, in pratica, pilotare le elettrocalamite senza alcun rele', ma sempre tramite il comando della trasmittente ... allora il circuito che ha postato Brunello e' il migliore, se le elettrocalamite assorbono parecchio ... cosa che non ci hai detto, il che avrebbe semplificato il tutto ;)

Quali elettrocalamite sono e qual'e' la loro corrente di funzionamento ? ... se il loro assorbimento e' di un'ampere, massimo uno e mezzo, puoi usare un ULN2803, mettendo i transistor interni in parallelo a 4 a 4, per utilizzare il minor numero di componenti possibile ... se invece richiedono piu corrente, si puo usare un DRV8841 (anche se viene dato come doppio ponte H, in realta' circuitalmente e' composto da 4 mezzi ponti quasi indipendenti, quindi e' possibile sfruttarlo per pilotarci anche 4 carichi induttivi da quasi 3A l'uno se necessario) ... meno componenti di cosi, non saprei che dirti ;)

Beh...se puoi sostituire il trasmettitore proporzionale con uno 2 canali ON OFF trovi dappertutto radiocomandi completi che fanno tutto con dei relè in uscita. Se le elettrocalamite caricano troppo, in cascata ai relè monti 2 teleruttori.

Stefano

Purtroppo non posso non usare un comando non proporzionale essendo gia usato da altri due utilizzatori... ad ogni modo le calamite assorbono almeno 3 A.. ma funzionano per meno di un secondo per volta...quindi mi srrve obbligatoriamente un canale con il ritorno al centro.. mi servirebbe una lista di cosa acquistare e come andrebbe costruita tale scheda..come al solito, GRAZIE A TUTTI!!!

3A l'una, quindi 6A ogni volta che le usi ?

Pero', o una coppia, o l'altra, e solo per brevi periodi, giusto ?

Hai a disposizione l'elettronica di un servo rovinato a livello meccanico, per fare una prova ?

Se si, dovresti per favore misurare che tensione e' presente sui terminali del motorino (rispetto alla massa del servo, ovviamente) quando la leva di comando e' al centro (e con il potenziometro del servo ovviamente in posizione centrale, oppure se non e' estraibile senza disfarlo, con il potenziometro del servo sostituito con un trimmer tenuto al centro, oppure con due resistenze da 4K7 collegate in serie, con gli estremi ai lati ed il centro comune al posto del cursore)

Questo per poterti calcolare i valori dei componenti ...

Mi da 5v a destra e -5 v a sinistra ovviamente... al centro 0

Aspetta … “-5V” rispetto alla massa del’alimentazione ??? … ma come e’ alimentato quel coso ? …

Oppure hai misurato ai capi del motorino ?

Se e’ ai capi del motorino, comunque, significa che e’ un ponte H che mantiene le uscite a meta’ della tensione di alimentazione quando il comando e’ a zero, ed allora forse c’e’ il modo di usare uno “sporco trucco” (:P) per ridurre al massimo il numero dei componenti elettronici da aggiungere … dammi qualche minuto per inventarmi qualcosa …

Rieccomi … ho buttato giu al volo un possibile schema, e’ ovviamente da provare, te lo allego …

In pratica, quando le due uscite che vanno al motore sono allo stesso potenziale, non succede nulla … quando una va al positivo e l’altra a massa (o viceversa, dipende da dove muovi il comando), uno o l’altro degli opto si accende pilotando il relativo mosfet … non ho segnato sigle per i mosfet perche’ ce ne sono decine di tipi diversi e dipende da quello che vuoi usare tu, se SMD o discreto o cosa … comunque come consiglio generico che do sempre in questi casi, meglio usare due mosfet logic-level per alta corrente (tipo 80 o 100 o piu A), non perche’ serva tutta quella portata, ma perche’ hanno una RdsON (resistenza in stato di conduzione) molto piu bassa, il che si traduce in meno calore dissipato e meno caduta di tensione sul mosfet :wink:

I due diodi in serie agli opto sono per dare un’isteresi maggiore … in parole povere, uno spazio maggiore di spostamento del comando prima che il mosfet intervenga … se non servono si possono eliminare, se invece e’ “troppo sensibile” , cioe’ se serve che intervengano con un movimento maggiore del comando, se ne mettono due per parte …

Che figata!! Mi sembra anche semplice da fare… ma… sono ignorante lo so… 100, 100 e 220 cosa sarebbero?

Bello Etemenanki... semplice ed efficace !

Ale, sono resistenze... devi assemblare un piccolo circuitino elettronico :)

Stefano

Sisi ci sono arrivato :-D ma osservazione... la.mia scheda odierna è la medesima di Etemenanki sono che le elettrocalamite sono collegate alle uscite dei due relè... dato che i relè vibrano fino al raggiungimento della soglia massima del servo che li fa aprire io volevo eliminarli... con questa scheda non otterrei la medesima cosa?

Ciao, se il tuo servo è di questa famiglia (e la vibrazione potrebbe confermarlo): http://www.settorezero.com/wordpress/come-funziona-un-servocomando/ ti va un circuito che "discrimini" il duty cycle del segnale di pilotaggio quindi vedi il post #5

(il duty cyce è il rapporto tra 0 ed 1 nell'onda quadra che pilota il servocomando)

... e grazie che nn mi ricordavo più come funzionano :)

Stefano